Portò i nostri peccati nel Suo corpo – Predicazione del 11 Ottobre 2019

Per scaricarla vai qua

Questa voce è stata pubblicata in Mie predicazioni audio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Portò i nostri peccati nel Suo corpo – Predicazione del 11 Ottobre 2019

  1. fabio scrive:

    Pace,
    Nell’ascoltare questo messaggio che rivolgi anche a tutte quelle persone che si fanno beffe del Vangelo di Gesù Cristo mi è venuto alla mente quello che si legge in 2Pietro 2:6-9 se condannò alla distruzione le città di Sodoma e Gomorra, riducendole in cenere, perché servissero da esempio a quelli che in futuro sarebbero vissuti empiamente; e se salvò il giusto Lot che era rattristato dalla condotta dissoluta di quegli uomini scellerati (quel giusto, infatti, per quanto vedeva e udiva, quando abitava tra di loro, si tormentava ogni giorno nella sua anima giusta a motivo delle loro opere inique), ciò vuol dire che il Signore sa liberare i pii dalla prova e riservare gli ingiusti per la punizione nel giorno del giudizio;

    Si legge di Lot che “Si tormentava di quanto vedeva e udiva” , e come può essere oggi diversamente nel vedere e udire che gli uomini deridono offendono e calpestano IL MESSAGGIO PER IL QUALE OTTENIAMO LA SALVEZZA NEL CREDERE E NEL METTERE IN PRATICA LA PAROLA DI COLUI GESÙ CRISTO CHE É VENUTO E HA DATO IN UBBIDIENZA AL PADRE LA SUA VITA CON LA MORTE DI CROCE PERCHÉ OTTENESSIMO LA REMISSIONE DEI NOSTRI PECCATI E RISORGERE DOPO TRE GIORNI PER LA NOSTRA SALVEZZA, anche noi ci tormentano ogni qualvolta si sentono pronunciare bestemmie, ogni qualvolta si vede che proprio coloro che si dicono suoi non lo accolgono (Giovanni 1:11), si anche oggi ci tormentano.

    Ma rendiamo grazie a DIO per Gesù il Suo Figlio lo riconosciamo come nostro Dio e Signore perché in Lui si legge in Giovanni 1:16 Infatti, dalla sua pienezza noi tutti abbiamo ricevuto grazia su grazia”»

    Pace e che nel nome di Gesù possa questo messaggio che è lo stesso che insegnavano gli apostoli far si che chi lo ascolta passi dalle tenebre alla LUCE
    Atti 26:15-18
    Io dissi: “Chi sei, Signore?” E il Signore rispose: “Io sono Gesù, che tu perseguiti. Ma àlzati e sta’ in piedi perché per questo ti sono apparso: per farti ministro e testimone delle cose che hai viste, e di quelle per le quali ti apparirò ancora, liberandoti da questo popolo e dalle nazioni, alle quali io ti mando per aprire loro gli occhi, affinché si convertano dalle tenebre alla luce e dal potere di Satana a Dio, e ricevano, per la fede in me (GESÙ CRISTO), il perdono dei peccati e la loro parte di eredità tra i santificati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.