Il magistrato è un ministro di Dio per il nostro bene – Predicazione del 23 Dicembre 2019

Per scaricarla vai qua

Questa voce è stata pubblicata in Mie predicazioni audio e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Il magistrato è un ministro di Dio per il nostro bene – Predicazione del 23 Dicembre 2019

  1. fabio scrive:

    Pace,
    In un’altra tua predicazione Giacinto facesti un esempio per comprendere anche quanto detto dell’apostolo Paolo in Romani 13:1 Ogni persona sia sottoposta alle autorità superiori, poiché non c’è autorità se non da Dio; e le autorità che esistono sono istituite da Dio.
    Quindi ogni autorità è costituita da Dio e Lui se ne serve secondo la SUA VOLONTÀ come quando nacque Gesù dove si legge che Cesare Augusto ordinò che fosse fatto un censimento Luca 2:1-8 Or in que’ dì avvenne che un decreto uscì da parte di Cesare Augusto, che si facesse un censimento di tutto l’impero. Questo censimento fu il primo fatto mentre Quirino governava la Siria. E tutti andavano a farsi registrare, ciascuno alla sua città. Or anche Giuseppe salì di Galilea, dalla città di Nazaret, in Giudea, alla città di Davide, chiamata Betleem, perché era della casa e famiglia di Davide, a farsi registrare con Maria sua sposa, che era incinta. E avvenne che, mentre eran quivi, si compié per lei il tempo del parto; ed ella diè alla luce il suo figliuolo primogenito, e lo fasciò, e lo pose a giacere in una mangiatoia, perché non v’era posto per loro nell’albergo.

    È Dio che sospinse l’autorità a proclamare che venisse fatto il censimento, e questo perché si adempisse quello che si legge in Michea 5:1 Ma da te, o Bethlehem Efrata, piccola per esser tra i migliai di Giuda, da te mi uscirà colui che sarà dominatore in Israele, le cui origini risalgono ai tempi antichi, ai giorni eterni.
    Ed anche levangelista Matteo ci ricorda questo al capitolo 2:4-6
    E radunati tutti i capi sacerdoti e gli scribi del popolo, s’informò da loro dove il Cristo dovea nascere. Ed essi gli dissero: In Betleem di Giudea; poiché così è scritto per mezzo del profeta: E tu, Betleem, terra di Giuda, non sei punto la minima fra le città principali di Giuda; perché da te uscirà un Principe, che pascerà il mio popolo Israele.

    Ecco che in questo avvenimento come in altri le autorità pur senza saperlo hanno fatto ciò che Dio ha Voluto infatti dice Isaia in 55:10-11 E come la pioggia e la neve scendon dal cielo e non vi ritornano senz’aver annaffiata la terra, senz’averla fecondata e fatta germogliare sì da dar seme al seminatore e pane da mangiare, così è della mia parola, uscita dalla mia bocca: essa non torna a me a vuoto, senz’aver compiuto quello ch’io voglio, e menato a buon fine ciò per cui l’ho mandata.

    È che dire di quello che avvenne subito dopo quando si legge sempre in Matteo 2:13-15 Essi erano appena partiti, quando un angelo del Signore apparve in sogno a Giuseppe e gli disse: «Alzati, prendi con te il bambino e sua madre e fuggi in Egitto, e resta là finché non ti avvertirò, perché Erode sta cercando il bambino per ucciderlo». Giuseppe, destatosi, prese con sé il bambino e sua madre nella notte e fuggì in Egitto, dove rimase fino alla morte di Erode, perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Dall’Egitto ho chiamato il mio figlio.

    Si “PERCHÉ SI ADEMPISSE CIÒ CHE ERA STATO DETTO DAL SIGNORE PER MEZZO DEL PROFETA”

    Quindi è giusto essere sottomessi alle autorità che Dio ha costituito in una nazione ed allo stesso tempo è ancor più giusto UBBIDIRE A DIO come del resto si legge in Atti 5:28-29 «Vi avevamo espressamente ordinato di non insegnare più nel nome di costui (di Gesù), ed ecco voi avete riempito Gerusalemme della vostra dottrina e volete far ricadere su di noi il sangue di quell’uomo». Rispose allora Pietro insieme agli apostoli: «BISOGNA OBBEDIRE A DIO PIUTTOSTO CHE AGLI UOMINI.

    Pace ai santi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.