Nessuna comunione e collaborazione con i Mariani

Voglio tornare a ribadire con forza e con ogni franchezza che noi siamo Cristiani, e quindi discepoli del Signore Gesù Cristo, e quindi non abbiamo comunione alcuna con i Mariani, cioè coloro che si fanno statue e immagini di Maria, la madre di Gesù, e che l’adorano, la pregano e ripongono la loro fiducia in lei per la loro salvezza. Essi infatti sono degli idolatri, e quindi sulla via della perdizione. Non essendoci alcuna comunione con essi, non ci può essere neppure alcuna collaborazione con loro. Quello che è chiamato ecumenismo (non importa di che tipo e forma) e che taluni che si definiscono Cristiani praticano è una palese ribellione alla Parola di Dio che afferma: “Non vi mettete con gl’infedeli sotto un giogo che non è per voi; perché qual comunanza v’è egli fra la giustizia e l’iniquità? O qual comunione fra la luce e le tenebre? E quale armonia fra Cristo e Beliar? O che v’è di comune tra il fedele e l’infedele? E quale accordo fra il tempio di Dio e gl’idoli? Poiché noi siamo il tempio dell’Iddio vivente, come disse Iddio: Io abiterò in mezzo a loro e camminerò fra loro; e sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo. Perciò Uscite di mezzo a loro e separatevene, dice il Signore, e non toccate nulla d’immondo; ed io v’accoglierò, e vi sarò per Padre e voi mi sarete per figliuoli e per figliuole, dice il Signore onnipotente” (2 Corinzi 6:14-18).
I Mariani vanno esortati e scongiurati a ravvedersi e a credere nel Vangelo di Cristo, per ottenere mediante la fede la remissione dei peccati, la giustificazione e la vita eterna, e va loro detto che se non lo faranno moriranno nei loro peccati e se ne andranno nelle fiamme dell’inferno. Ovviamente, una volta che un Mariano si ravvede e crede, deve uscire e separarsi dalla Chiesa papista.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Ecumenismo, idolatria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Nessuna comunione e collaborazione con i Mariani

  1. Lorenzo scrive:

    Pace.
    Ovviamente questi commenti si potrebbero fare anche per eventi come il ‘Christian Day’ recentemente realizzatosi a Roma… purtroppo ancora molti non lo capiscono che collaborare coi cattolici, anche in “temi comuni”, è una trappola.

    • Nunzio scrive:

      Pace Lorenzo, del resto abbiamo visto che al “christian day” hanno partecipato “pastoresse” salite sul “pulpito”…
      Non è un caso che si sia dato spazio anche alla mariolatria.
      Ma il loro scopo è questo qui, promuovere l’idolatria della donna-Maria, dando spazio a “teologhe”, “pastoresse”, “predicatrici” e quant’altro, e poi omettere ciò che la Scrittura rivela… è scritto nella prima epistola di Paolo a Timoteo: “La donna impari in silenzio con ogni sottomissione. Poiché non permetto alla donna d’insegnare, né d’usare autorità sul marito, ma stia in silenzio. Perché Adamo fu formato il primo, e poi Eva; e Adamo non fu sedotto; ma la donna, essendo stata sedotta, cadde in trasgressione; nondimeno sarà salvata partorendo figliuoli, se persevererà nella fede, nell’amore e nella santificazione con modestia” (1 Timoteo 2:11-15),
      e ai Corinzi: “Come si fa in tutte le chiese dei santi, tacciansi le donne nelle assemblee, perché non è loro permesso di parlare, ma debbono star soggette, come dice anche la legge” (1 Corinzi 14:34).

      Però al “christian day” si è dato spazio a “predicatrici, pastoresse” salite “in cattedra” e idolatria mariana con “santini, rosari”… appunto…

      • Maria scrive:

        Pace Nunzio, sì, ho visionato i video presenti su YouTube… persone che urlavano, sghignazzavano, facevano capriole, discorsi incoerenti, lodi alla Madonna, statuette e immagini, donne vestite stravaganti con la faccia pitturata… ad un certo punto si sono visti anche suonatori di cornamuse.

        Ho letto anche i commenti di chi ha commentato l’evento, cioè tutta gente del mondo,
        parlano di “cristiani retrogradi e violenti”, e li hanno sbeffeggiati.

        Che tristezza sento nel cuore!

  2. Massimo Samadello scrive:

    Un tempo, quando ero nella Chiesa Cattolica, ricordo che si pregava spesso per l’Unità dei Cristiani. E sinceramente, trovavo ciò “cosa buona e giusta”.
    Ma, quando il Signore mi chiamò fuori, mediante la sua Parola fatta carne, ovvero il Cristo di Dio, che è “un santuario, una pietra d’intoppo, un sasso d’inciampo” (Isaia 8:14 – Luca 2:37 – Apocalisse 21:22) compresi che la Chiesa Cattolica dava un senso ed in fine ben diverso a quella parola :”unità”. Sì nei loro progetti carnali miravano e tuttora (oggi è evidente più che allora) mirano all’ ECUMENISMO.
    Ma il nostro Signore Gesù Cristo resterà sempre “un sasso d’inciampo e una pietra di scandalo; ma chi crede in Lui non sarà deluso” (Romani 9:33).
    I Mariani, come lo ero io più di molti altri, sono tra le altre cose, degli idolatri e di conseguenza si prostrano dinanzi a statue mute, sorde e cieche e pregano i morti che in quanto tali, non salvano nessuno ed ai quali Dio non ha dato alcun potere in cielo, in terra e sottoterra; l’ha dato invece all’unico suo unico Figliolo in cui si è compiaciuto, CRISTO GESU’, il SOLO MEDIATORE tra Dio e gli Uomini (1° Timoteo 2:5). Dov’è il timor di Dio? Dov’è… la santificazione, senza la quale nessuno vedrà Dio” (Ebrei 12:14). Alla legge, alla testimonianza! Urge obbedienza, urge il ravvedimento, che si convertano dalle opere infruttuose delle tenebre! Diversamente, come hai ben ribadito Giacinto, non ci potrà mai essere comunione alcuna, nessuna unità! E’ il Signore che lo comanda mediante la sua Parola! Chi è di Cristo lasci Beliar ovvero Satana! Non può servire entrambi, non due padroni!
    Pace.

  3. Nunzio scrive:

    I Mariani sono pagani travestiti da cristiani e che si spacciano come tali.
    Il loro idolo è Astarte\Diana\Iside\Artemide degli Efesini che loro hanno fatto passare per “la madre di Gesù”, per avere la scusa di traghettare dentro il paganesimo nel Cristianesimo.
    Infatti è noto a tutti che il paganesimo era basato sul culto a codeste divinità femminili, e i cattolici hanno preso i loro simboli (la luna, le stelle, e molto altro) e li hanno messi al loro idolo poi soprannominato “Madonna”.
    Poeti tipo Dante, l’Inquisizione e i suoi teologi domenicani e i santini dei cattolici disseminati ovunque hanno fatto credere, ai più sprovveduti e ignoranti, che il loro idolo pagano preso dagli antichi greci o da Efeso fosse “la mamma di Gesù”.
    Alle menzogne dei mariani ci credono anche tanti che si dichiarano protestanti o calvinisti… che credono all'”eterna verginità” di Maria, o meglio, del loro idolo (quando tutti sanno che “eterna vergine” era la divinità chiamata Artemide, figlia di Zeus, adorata dagli antichi greci).

    La nostra cara sorella Maria, se ora potesse parlare, sarebbe la prima a mostrarsi rattristita e risentita, anzi, a sbugiardarli lei stessa, questi cattolici idolatri,
    lei, che si era dichiarata l’umile serva del Signore, obbediente e mansueta ancella, viene considerata dai cattolici una specie di “regina celeste”, paritaria a Gesù, se non superiore, come pensano questi insensati… c’è addirittura chi pensa che sia lei, Dio (si veda il “New Age”) Se quello che fanno i cattolici non è offendere la nostra cara sorella Maria, che non pensò mai di essere Dio o di essere superiore! men che meno “si mantenne vergine” dopo aver partorito Gesù, visto che fu una brava e devota moglie per Giuseppe e gli partorì figli e figlie, fratelli e sorelle di Gesù. Infatti Giuseppe: “prese con sé sua moglie; e non la conobbe finch’ella non ebbe partorito il suo figlio primogenito, e gli pose nome Gesù” (Matteo 1:24,25)
    “Poi si partì di là e venne nel suo paese e i suoi discepoli lo seguitarono. E venuto il sabato, si mise ad insegnar nella sinagoga; e la maggior parte, udendolo, stupivano dicendo: Donde ha costui queste cose? e che sapienza è questa che gli é data? e che cosa sono cotali opere potenti fatte per mano sua? Non é costui il falegname, il figliuol di Maria, e il fratello di Giacomo e di Giosè, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?” (Marco 6:1-3);
    “E giunsero sua madre ed i suoi fratelli; e fermatisi fuori, lo mandarono a chiamare” (Marco 3:31);

    Tutto questa idolatria mariana è in abominio a Dio, l’idolatria è immonda, chi la pratica non importa che si definisca cristiano, si attira il castigo di Dio. Gli idolatri non ereditano il Regno di Dio, quando muoiono scendono nell’Ades dove sono tormentati in mezzo al fuoco eterno, un vero fuoco, non un fuoco allegorico o temporaneo, come fanno credere i massoni e i buonisti, ma un vero fuoco.
    Arde un vero fuoco e il castigo è eterno.

    I mariani non vogliono capire che c’è “un solo mediatore fra Dio e gli uomini, Cristo Gesù uomo” (1 Timoteo 2:5), non ci sono “tanti mediatori e salvatori”, la Scrittura non dice “ci sono due mediatori: uno è Gesù, l’altra è Maria” (o sant’antonio, o san gennaro, o santa rosalia, o hare Krishna o budda…)
    Gli idolatri non erediteranno il Regno di Dio (1 Corinzi 6:9), ma se ne andranno in perdizione: “la loro parte sarà nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, che è la morte seconda” (Apocalisse 21:8).

    «ADORA IL SIGNORE IDDIO TUO, E A LUI SOLO RENDI IL TUO CULTO» (Luca 4:8).
    Non c’è scritto di rendere culto anche a Maria, al “papa”, a san gennaro.
    è il Diavolo, seduttore di tutto il mondo, che si usa del culto a Maria per spingere i cattolici a restare attaccati al culto di Maria, che mena in perdizione coloro che ne sono devoti. Come in perdizione ci va chi adora la mucca, il serpente, Zeus, Zaratustra…

    Sono proprio ostinati e duri d’orecchi, i cattolici! non pensano di andare all’inferno, così facendo, anzi! credono persino di fare contento Dio, dandosi all’idolatria e andandone fieri!

    Pace

    • Maria scrive:

      Pace fratello Nunzio, hai detto il vero! io ci provo a far ragionare “le mariane” quando capita che me le trovo davanti, faccio loro notare quanto sia contrario al volere di Dio invocare la madonna (o altri santi) ma queste non mi ascoltano, anzi, mi dicono che sono io la scellerata anticristiana (sì, dicono pure così!!!), che sono cattiva, perversa, che sono io che vado contro il volere di Dio, che odio la mamma di Gesù, come mi permetto di non prostrarmi di fronte alle statue mariane… insomma, forse anche altri cristiani che hanno provato a far ragionare i cattolici avranno avuto esperienze spiacevoli e saranno stati insultati con frasi simile a quelle che hanno rivolto a me!
      So che l’apostolo Paolo ha vietato alle donne di insegnare, quindi non gioco a fare la “pastoressa” (assolutamente no, così non sia!) ma sentendo le menzogne (specie in periodi come il 25 dicembre) dette dai cattolici, io non riesco a tacere, (se tacessi la loro menzogna non sarebbe neanche sbugiardata!) devo aprire bocca e dire loro che sono in errore, che andranno all’inferno, che devono uscirsene dalla chiesa cattolica! Tuttavia, ne ottengo solo persecuzione, perché il cattolico, la cattolica, i testimoni di geova e simili, mi danno dell’anticristo, della falsa cristiana, se quando sento le loro menzogne (per esempio se mi fermano per strada i testimoni di geova), Dio mi mette in cuore di parlare ad alta voce, di sbugiardarli, di difendere la verità, di non stare zitta facendo finta di niente, quindi di dire che Maria non restò eternamente vergine, di dire che Maria non è la regina del cielo, la corredentrice, la salvatrice, l’avvocata (sapete anche voi come la chiamano i cattolici!) che lo Spirito Santo esiste e non è un’allegoria come credono i testimoni di geova… che l’inferno esiste, che brucia un vero fuoco…
      La verità è sotto attacco, infatti, forse sbaglierò a sbugiardare pubblicamente i cattolici e i testimoni di geova? Dio ha vietato alla donna di fare la pastoressa e di insegnare, e forse dovrei restare zitta se il testimone di geova, per strada, si mette a dire che non esiste la Trinità? o che la Trinità è pagana? o altre cose che vanno contro la verità? Non so, a volte mi domando se devo tacere, perché non è compito della donna l’insegnare, pur sentendo nel cuore il bisogno impellente di intervenire a difesa della verità, di testimoniare la verità, di fronte a cattolici e testimoni di geova che vorrebbero sedurmi con le loro menzogne e farmi cadere nel peccato!

      Pace

      • Luigi Autiero scrive:

        Pace Maria, assolutamente non devi stare zitta, ma parlare, ed annunciare, predicare Cristo…
        Fai bene a predicare l’evangelo della Grazia del nostro Signore e Salvatore, Gesù Il Cristo, IL Figlio di Dio, a quanti LO Spirito di Dio ti da, da confutare, ed evangelizzare.
        Fai bene , poichè questo è il mandato che tutti i nati di nuovo hanno ricevuto.
        Certo la donna non ha ricevuto il ministerio, di pastore, dottore…., ma certo, non deve stare zitta; infatti Priscilla , non stava certo in silenzio, quando col marito Aquila, esponevano “ad Apollo” con più esattezza la via di Dio “Atti 18,24….
        Pace a tutti coloro che servono il Signore Cristo, con timore, e che camminano nella vera fede, con una buona coscienza.

      • fabio scrive:

        Pace Maria,
        Ti comprendo, anche a me capita la stessa cosa, pensa che quando mi trovo nella situazione di parlare a una persona che fa parte dell’organizzazione della chiesa cattolica, non appena inizi a parlare del Vangelo fuori all’aperto subito vedi le prime smorfie e poi la domanda “ma non è che fai parte dell’organizzazione dei testimoni di Geova, mentre invece quando mi trovo a parlare con coloro che fanno parte di quest’ultima organizzazione sento che nonostante LO SPIRITO SANTO mostri loro TUTTA LA VERITÀ si che essi non possano controbattere (Luca 21,15
        io vi darò lingua e sapienza, a cui tutti i vostri avversari non potranno resistere, né controbattere.) Comprendo con amara tristezza che cercano abilmente di cambiare discorso con l’unico scopo di accrescere la loro organizzazione dove i più sono ignari di quello che è il vero fine di coloro che stanno ai loro vertici.

        Maria comprendo il tuo essere afflitta da questo tipo di persecuzione ma vorrei che tu provassi a pensare a questo che anche noi una volta avevamo gli stessi loro pensieri, provo a spiegarmi meglio se riesco, se dico ad un cattolico che è una disubbidienza a Dio inchinarsi davanti alle statue di qualsiasi forma e immagine, che lo è anche il solo fabbricarle, so quello che passa loro per la testa perché in passato anch’io ero pronto a difendere a spada tratta con discorsi vani che non quel comportamento non si faceva una vera e propria adorazione ad idoli, e se oggi sappiamo che è sbagliato, Maria, dobbiamo essere onesti, non è dipeso da noi ne da meriti nostri ma solo perché a Dio il Padre del nostro Signore Gesù Cristo è piaciuto farci conoscere LA VERITÀ.

        Quindi sfoderiamo LA SPADA DELLO SPIRITO SANTO (efesini 6:17), si Maria, e quando incontreremo qualcuno che crede di conoscere Dio ma non lo conosce, sia viva in noi questa VERITÀ DELLA PAROLA DI DIO che si legge in Matteo 10:34-36
        Non crediate che io sia venuto a portare pace sulla terra; non sono venuto a portare pace, ma una spada. Sono venuto infatti a separare il figlio dal padre, la figlia dalla madre,la nuora dalla suocera: e i nemici dell’uomo saranno quelli della sua casa.

        La fuori Maria tra i cattolici, tra i testimoni di Geova, tra quelli delle adi, tra i protestanti, ecc vi sono coloro che Dio ha predestinato a vita eterna e sono lì che aspettano, un apostolo Paolo, un Giacinto, un Massimo, un Umberto, un Luigi, un Giuseppe ecc che Dio nel nome di Gesù manda loro perché gli sia predicato il VANGELO DELLA GRAZIA, che sarà per loro una pietra di inciampo fino a che non accoglieranno tutto il consiglio della PAROLA DI DIO.
        E questo È il VANGELO: 1 Corinzi 15:1-11
        Vi rendo noto, fratelli, il vangelo che vi ho annunziato e che voi avete ricevuto, nel quale restate saldi, e dal quale anche ricevete la salvezza, se lo mantenete in quella forma in cui ve l’ho annunziato. Altrimenti, avreste creduto invano!
        Vi ho trasmesso dunque, anzitutto, quello che anch’io ho ricevuto: che cioè Cristo morì per i nostri peccati secondo le Scritture, fu sepolto ed è risuscitato il terzo giorno secondo le Scritture, e che apparve a Cefa e quindi ai Dodici. In seguito apparve a più di cinquecento fratelli in una sola volta: la maggior parte di essi vive ancora, mentre alcuni sono morti. Inoltre apparve a Giacomo, e quindi a tutti gli apostoli. Ultimo fra tutti apparve anche a me come a un aborto. Io infatti sono l’infimo degli apostoli, e non sono degno neppure di essere chiamato apostolo, perché ho perseguitato la Chiesa di Dio. Per grazia di Dio però sono quello che sono, e la sua grazia in me non è stata vana; anzi ho faticato più di tutti loro, non io però, ma la grazia di Dio che è con me. Pertanto, sia io che loro, così predichiamo e così avete creduto.

        Pace Maria che Dio ti benedica nel nome di GESÙ e ti sostenga in tutte le afflizioni che sostieni a motivo DELLA PAROLA DI DIO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.