Non abbandonate la vostra comune radunanza

Fratelli nel Signore, vi ricordo che la Parola dell’Iddio vivente ci ordina di non abbandonare la nostra comune adunanza (cfr. Ebrei 10:25), per cui vi esorto a continuare a radunarvi nel nome del Signore Gesù per le case, come facevano gli antichi discepoli (cfr. Atti 12:12; Romani 16:5). Ciò è secondo la volontà di Dio, il Creatore di tutte le cose, che ci ha adottati in Cristo come Suoi figliuoli secondo il beneplacito della Sua volontà. Non abbiate paura di niente e di nessuno. Il Signore è con voi, in voi, e per voi. Ubbidite al Signore e ve ne troverete bene.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Esortazioni e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Non abbandonate la vostra comune radunanza

  1. fabio scrive:

    Pace,
    Una casa, una stanza, un tavolo con delle seggiole attorno, persone riunite per legge ascoltare DIO che ci parla per mezzo DELLA SUA PAROLA, GESÙ CRISTO, si diventa come piccole pietre al seguito DELLA PIETRA ANGOLARE CHE I COSTRUTTORI HANNO RIGETTATO (Salmi 118:22), quel luogo diviene per VOLONTÀ di DIO, CHIESA, perché disse Gesù in Matteo 18:20
    Poiché dove due o tre sono riuniti nel mio nome, LI SONO IO IN MEZZO A LORO ».

    perché ci sia chiesa c’è bisogno che coloro che si riuniscono lo facciano nel nome di Gesù il FIGLIO DI DIO, non c’è bisogno di cattedrali o luoghi di culto mastodontici, non c’è bisogno di un gran numero di persone, ne bastano due o tre, non c’è bisogno di immagini appese ai muri o di sculture a ricoprire gli angoli ma basta un luogo semplice come quello di una stanza di una casa, non c’è bisogno di tutta la tecnologia informatica di ultima generazione a stile di corso informatico ma basta il LIBRO SACRO, LA BIBBIA, LA PAROLA DI DIO accompagnata da QUELL’AMORE VICENDEVOLE che IL SIGNORE NOSTRO GESÙ CRISTO ci ha insegnato in Giovanni 13:34
    Io vi do un nuovo comandamento: che vi amiate gli uni gli altri. Come io vi ho amati, anche voi amatevi gli uni gli altri.

    Pace ai santi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.