ADI … Gennaro Chiocca … era il Luglio del 2016

Fratelli, vi considero persone intelligenti in grado di giudicare con giusto giudizio e quindi sono sicuro che capirete tutto quello che c’è da capire! Ascoltatelo molto attentamente, considerando che le ADI non solo ora hanno chiuso i locali di culto (quelli che loro chiamano Chiesa o Casa di Dio) e fatto cessare tutte le attività (cose peraltro non imposte dal Governo, infatti le parrocchie della Chiesa Cattolica Romana sono aperte e viene concesso ai parrocchiani di accedervi ma a condizione che rispettino determinate norme) ma stanno anche vietando alle Chiese di radunarsi nelle case per fare il culto mandando tutti su Internet! Certamente, il funzionario di questa Chiesa di Stato chiamata ADI che ascolterete pronunciò allora una sentenza di condanna su se stesso e sulle ADI …. non immaginando naturalmente quello che sarebbe accaduto dopo pochi anni.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a ADI … Gennaro Chiocca … era il Luglio del 2016

  1. Andrea scrive:

    Pace Giacinto. Io non frequento le Adi ma una chiesa evangelica libera vicino Genova. giusto per capire, in questo video il tizio che parla non dice di non riunirsi in casa, non mi sembra. mi sfugge qualcosa? grazie

    • giacintobutindaro scrive:

      Pace, lui segue le direttive delle ADI, e il comunicato ufficiale delle ADI vieta alle Chiese di fare il culto nelle case. Spero che ti sia chiaro ora.

    • fabio scrive:

      Pace,
      IL video è del 2016 e credo che Giacinto nel postarlo abbia voluto mettere in evidenza l’ipocrisia di tanti che prima parlano con enfasi di ritrovarsi nel luogo di culto, di toccarsi, di stringersi la mano e poi cosa viene fatto, basta un comunicato della propria organizzazione, che va oltre a quello che dice il decreto, perché persino la chiesa cattolica rispettando alcune regole rimane aperta, che le persone non si riuniscono neppure nelle case, in fin dei conti nelle case non si creano assembramenti se ci si apre all’accoglienza.
      Pace

      • Gabriele scrive:

        Dimenticate che è vietato spostarsi di casa se non per esigenze inderogabili, tra le quali non risultano quelle di riunioni religiose, dimenticate che in questo periodo riunirsi nelle case sarebbe comunque rischioso (e infatti non si può), in conclusione non sono le ADI che vietano le riunioni nelle case ma il decreto stesso. Capisco l’avversione verso le ADI, per cui nemmeno io impazzisco, ma in una emergenza credo che i cristiani dovrebbero essere uniti in preghiera e mettere da parte divisioni e individualismi. Trovo poi palese che il past. Chiocca parlava nel 2016 e ovviamente finita l’emergenza si tornerà tutti a frequentare i culti ma oggi è vietato riunirsi nei locali e nelle case e chi lo fa oltre a trasghedire il decreto 650 a mettere a rischio la propria e altrui salute disubbidisce anche a Dio che dice di stare sottomesso alle autorità Rom.13 1.

        • giacintobutindaro scrive:

          Per quanto riguarda le riunioni della chiesa in casa noi ubbidiamo a Dio anzichè agli uomini. Ma lei questo non lo può accettare, in quanto teme gli uomini anzichè Dio.

        • fabio scrive:

          Pace Gabriele,
          Volevo precisare una cosa, tu dici “Capisco l’avversione verso le ADI”, io Gabriele di organizzazioni religiose ho frequentato solo la chiesa cattolica, e questo da adulto, poi per la GRAZIA CHE DIO MI HA FATTO, né sono uscito fuori, per quanto riguarda le Adi, non sapevo neppure cosa erano fino a qualche hanno fa, ma ci tenevo a dirti che ciò che spinge una persona, che ce la mette tutta per servire e seguire Cristo Gesù , a parlare non è la’avversione verso le Adi o verso il chicchessia pastore di una comunità, ma perché si è mossi DALL’AMORE PER DIO IL PADRE E PER GESÙ, PER LA VERITÀ.

          Quale è Gabriele la domanda che tanti si pongono, ritrovarsi in casa o nel luogo di culto che può ospitare centinaia di persone? È questa la domanda? Ma Gesù per risponderci ci dice quello che disse alla donna samaritana in Giovanni 4:20-24 I nostri padri hanno adorato Dio sopra questo monte e voi dite che è Gerusalemme il luogo in cui bisogna adorare». Gesù le dice: «Credimi, donna, è giunto il momento in cui né su questo monte, né in Gerusalemme adorerete il Padre. Voi adorate quel che non conoscete, noi adoriamo quello che conosciamo, perché la salvezza viene dai Giudei. Ma è giunto il momento, ed è questo, in cui i veri adoratori adoreranno il Padre in spirito e verità; perché il PADRE cerca tali adoratori. DIO È SPIRITO, e quelli che lo adorano devono adorarlo in SPIRITO e VERITÀ ».

          Gabriele per ben due volte Gesù dice È “GIUNTO IL MOMENTO” e credo che lo sarebbe anche per tutti noi che iniziassimo a fare tesoro di tutto ciò che il nostro SIGNORE E SALVATORE GESÙ CRISTO CI HA INSEGNATO partendo dall’umilta che appartiene solo a Gesù Cristo il Figlio di DIO.

          Pace

  2. Mino scrive:

    Ho ascoltato molto attentamente le parole del pastore Chiocca nel video postato. Non solo non ho trovato nulla di criticabile ma il suo messaggio è così vero ed inconfutabile da aver toccato il mio cuore.

    • Andrea scrive:

      Si vede che hai un cuore molto malato e che non hai conosciuto il vero Vangelo.
      Sforzati di analizzare la Parola di Dio così da comprendere perchè il messaggio è sbagliato.

      • caterina guarascio scrive:

        Andrea scrive:
        Marzo 22, 2020 alle 10:21 am SCUSA, ANDREA, MA SEI LA STESSA PERSONA CHE A MARZO 22 NON CAPIVA COSA C’ERA DI SBAGLIATO NEL VIDEO E CHE AD AGOSTO RIMPROVERA MINO IL QUALE NON TROVA NULLA DI SBAGLIATO MA CHE INVECE IL SUO CUORE VIENE TOCCATO DAL MESSAGGIO…..VORRESTI SPIEGARCI COS’HAI CAPITO? GRAZIE

        • Andrea DB scrive:

          Cara Caterina, no, non sono lo stesso Andrea.
          Da adesso in avanti mi firmo anche con le iniziali del cognome (non mi piace mettere in piazza il mio cognome, lo conosce Giacinto).
          Dio ti benedica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.