Dio trae gloria dai «Jannè e Iambrè»

Leggendo la Sacra Scrittura dalla Genesi all’Apocalisse si può vedere chiaramente che Dio ha fatto e continuerà a fare delle scelte, che ha operato e opererà secondo il consiglio della Sua volontà, senza che alcuno abbia potuto o potrà impedirgli di eseguire una sua scelta o una sua opera. Ciò è fonte di grande incoraggiamento e consolazione per tutti noi, perché riconosciamo che il nostro Dio è proprio l’Onnipotente. E quindi ciascuno di noi è costretto a dire a Dio: “Io riconosco che tu puoi tutto, e che nulla può impedirti d’eseguire un tuo disegno” (Giobbe 42:2), perché Egli dice il vero quando afferma: “Il mio piano sussisterà, e metterò ad effetto tutta la mia volontà” (Isaia 46:10). D’altronde, Dio non può mentire. Gloria al Suo santo nome! Ma ciò che per noi è fonte di grande incoraggiamento e consolazione, per tanti altri è fonte di turbamento e di grande indignazione e questo perché non conoscono Dio, non amano Dio! Costoro infatti nella loro mente hanno spodestato Dio, e si sono messi al suo posto! Essi infatti ritengono che Dio non possa agire con gli uomini e tra gli uomini senza prima ricevere il permesso dall’uomo di operare! Per cui è l’uomo che sceglie cosa Dio deve fare e cosa non deve fare, chi Dio deve scegliere e chi non deve scegliere! Costoro sono degli stolti, che però pensano di essere savi. Dio li ha indurati. Ma ci consola sapere che anche questi stolti dipendono da Dio, e quindi che Dio li sta usando per trarre gloria da essi come trasse gloria da Faraone e da tutto il suo esercito indurendo il loro cuore (cfr. Esodo 14:4). Quanto sono meravigliosi i disegni di Dio! Non temete dunque i tanti «Jannè e Iambrè», travestiti da Cristiani, che contrastano la verità, perché non solo la loro stoltezza sarà manifesta a tutti, ma Dio trarrà da loro gloria per il Suo santo nome. Sappiate che di «Jannè e Iambrè» ce ne sono stati moltissimi da che l’uomo esiste sulla terra, ma tutti sono stati svergognati da Dio. Dio dunque ha fatto pure i «Jannè e Iambrè» e li ha fatti per uno scopo, affinché per le loro menzogne la verità di Dio abbondi a Sua gloria! A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Esortazioni e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Dio trae gloria dai «Jannè e Iambrè»

  1. fabio scrive:

    Pace Giacinto,
    Cio è fonte di grande incoraggiamento e consolazione, AMEN, e come Giobbe riconosciamo il primato di Dio e diciamo quello che si legge in Giobbe 1:20-22
    Allora Giobbe si alzò, si stracciò il mantello, si rase il capo, si prostrò a terra e adorò dicendo: «Nudo sono uscito dal grembo di mia madre, e nudo tornerò in grembo alla terra; il SIGNORE ha dato, il SIGNORE ha tolto; sia benedetto il nome del SIGNORE».
    In tutto questo Giobbe non peccò e non attribuì a Dio nessuna colpa.

    Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.