Il Grande Oriente d’Italia celebra l’Enciclica «Fratelli Tutti» del massone Bergoglio

Se qualcuno nutrisse ancora qualche dubbio sulla mia affermazione che l’Enciclica «Fratelli Tutti» di Bergoglio è una enciclica massonica, legga l’articolo «Un valore massonico» pubblicato su Erasmo, rivista ufficiale del Grande Oriente d’Italia, nel quale viene celebrata l’Enciclica di Bergoglio.

Ecco le righe iniziali di questo articolo: «Nella sua ultima enciclica “Fratelli tutti”, pubblicata il 3 ottobre, Papa Francesco ha espresso apertis verbis in chiave assolutamente inedita un’idea di fratellanza universale, come legame che unisce tutti gli esseri umani, al di là della loro fede, ideologia, colore della pelle, estrazione sociale, lingua, cultura e nazione. Si tratta di un pensiero che è vicino agli ideali che costituiscono fin dalle origini le fondamenta stesse della Massoneria. Da oltre 300 anni il principio di Fratellanza è scritto in maniera indelebile nel trinomio massonico posto all’Oriente nei templi insieme a quelli di Libertà e Uguaglianza. E,la realizzazione di una Fratellanza universale, è dalle origini la grande missione e il grande sogno della Libera Muratoria. E lo hanno sottolineato nei loro commenti alcuni filosofi, giornalisti e anche qualche alto prelato di Santa Roma Chiesa, esprimendosi senza riserve nei confronti del messaggio venuto fuori dall’Enciclica Bergogliana» (Erasmo, Anno V, Numero 9, Ottobre 2020, pag. 4-5).

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Chiesa cattolica romana, Jorge Mario Bergoglio - Francesco I, Massoneria e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Il Grande Oriente d’Italia celebra l’Enciclica «Fratelli Tutti» del massone Bergoglio

  1. fabio scrive:

    Pace,
    Si, sognatori li definisce LA PAROLA DI DIO, perché si legge in Geremia 27,9
    Voi non date retta ai vostri profeti né ai vostri indovini né ai vostri sognatori né ai vostri maghi né ai vostri stregoni, che vi dicono: Non sarete soggetti al re di Babilonia!

    D’altronde così parlano i sognatori, non che le parole di “fratellanza,libertà e uguaglianza”, siano parole sbagliate ma sbagliato è il significato che ne danno e ancor più grave è il significato che gli dà Francesco, perché lui si proclama cristiano e oltretutto il rappresentante dei cattolici e un cristiano sa “che senza GESÙ nessuno può fare alcuna cosa”(Giovanni 15,5), quindi senza LA PIETRA ANGOLARE (GESÙ) ci sarà una finta fratellanza, una falsa libertà e un ipocrota uguaglianza.

    Ma tutto si sta preparando perché “tutti siano soggetti al re di Babilonia” , ma sia ringraziato Dio nel nome di GESÙ perché vi dono uomini, donne che per amor di VERITÀ dicono le cose come stanno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.