Vanno dove tira il vento

Non tollero coloro che vanno dove tira il vento, ossia nella direzione in cui iniziano ad andare tanti perché gli fa comodo così in quel preciso momento. E nelle Chiese in questo periodo storico ce ne sono tanti soprattutto dietro i pulpiti. Si sono accorti che molti ormai non credono più a tante cose che da decenni la loro organizzazione ha insegnato, allora per non perderli, ossia per evitare che se ne vadano dall’organizzazione cambiano dottrina, o meglio si mettono a condannare quello che di falso fino all’altro giorno avevano difeso! Sono opportunisti, che operano non sinceramente, non per amore della verità. Certo, io mi rallegro che abbiano rigettato alcune menzogne e che quindi ora dicano la verità su certe cose, ma condanno comunque la loro astuzia. Essi agiscono così soltanto per un loro tornaconto personale, e non mossi da sincerità. Guardatevi da queste volpi.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Meditazioni. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Vanno dove tira il vento

  1. fabio scrive:

    Pace Giacinto,
    Quello che hai scritto mi fa venire in mente le parole che disse anche Giovanni il battista in Matteo 3:7-12 Ma vedendo molti farisei e sadducei venire al suo battesimo, disse loro: «Razza di vipere, chi vi ha insegnato a sfuggire l’ira futura? Fate dunque frutti degni di ravvedimento! E non pensate di dir fra voi stessi: “Noi abbiamo Abrahamo per padre”; perché io vi dico che Dio può far sorgere dei figli di Abrahamo anche da queste pietre. E la scure è già posta alla radice degli alberi; ogni albero dunque che non fa buon frutto, sarà tagliato e gettato nel fuoco. Io vi battezzo in acqua, per il ravvedimento; ma colui che viene dopo di me è più forte di me, e io non sono degno neanche di portare i suoi sandali; egli vi battezzerà con lo Spirito Santo e col fuoco. Egli ha in mano il suo ventilabro e pulirà interamente la sua aia; raccoglierà il suo grano nel granaio, ma arderà la pula con fuoco inestinguibile».

    Seguono un proprio tornaconto e fai bene mettere in guardia perché GESÙ disse di questa gente che sono dei mercenari infatti si legge sempre in Giovanni 10:12-13
    Ma il mercenario, che non è pastore e a cui non appartengono le pecore, vede venire il lupo, abbandona le pecore e fugge; e il lupo rapisce e disperde le pecore. Or il mercenario fugge, perché è mercenario e non si cura delle pecore.

    Pace

  2. Alberto scrive:

    Ritenete che sia per tutti così o che ci possano essere alcuni che abbiano sinceramente cambiato la loro convinzione dottrinale senza che questo cambiamento abbia generato dei vantaggi di immagine o di opportunità?

    • giacintobutindaro scrive:

      Ovvio che esistono coloro che si sono veramente ravveduti, perchè Dio gli ha dato il ravvedimento.

    • fabio scrive:

      Pace Alberto,
      Nella PAROLA DI DIO si legge in Matteo 7:15-20 Guardatevi dai falsi profeti, i quali vengono a voi in veste di pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Voi li riconoscerete dai loro frutti. Si raccoglie uva dalle spine o fichi dai rovi? Così, ogni albero buono produce frutti buoni; ma l’albero cattivo produce frutti cattivi. Un albero buono non può dare frutti cattivi, né un albero cattivo dare frutti buoni. Ogni albero che non dà buon frutto è tagliato, e gettato nel fuoco. Voi dunque li riconoscerete dai loro frutti.

      Certamente vi saranno coloro che si saranno ravveduti, ognuno di noi credo potrebbe raccontare di quante cose ci siamo dovuti ravvedere, su quanti insegnamenti falsi abbiamo per la GRAZIA DI DIO abbandonato per lasciare che LA VERITÀ, L’UNICA VERITÀ CHE È SOLO GESÙ, crescesse in noi ma Alberto rimane il fatto “che li riconoscerete dai loro frutti” e non solo, siamo chiamati anche noi stessi per primi a non insuperbire, e a mettersi alla prova infatti l’apostolo Paolo scrive in 2 Corinzi 13:5-6
      ESAMINATE VOI STESSI PER VEDERE SE SIETE NELLA FEDE; PROVATE VOI STESSI. Non riconoscete voi stessi che Gesù Cristo è in voi? A meno che non siate riprovati. Ma io spero che voi riconoscerete che noi non siamo riprovati.

      Pace Alberto

  3. Alberto scrive:

    Grazie mille per le risposte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.