Luciano Todaro, ex-consigliere di Chiesa ADI, esce e si separa dalle ADI


Questa è la lettera che Luciano Todaro, ora ex membro delle Assemblee di Dio in Italia (di cui è stato membro comunicante dal 1994), ha inviato il 27 Gennaio 2021 ai membri e al consiglio di Chiesa delle Assemblee di Dio in Italia di Napoli-Piscinola. L’ha inviata anche al presidente delle ADI Gaetano Montante, al Consiglio Generale delle Chiese ADI, e a tanti pastori ADI. Ho fiducia nel Signore che questa lettera sarà di incoraggiamento per tutti quei fratelli che vogliono servire il Signore Gesù e non una organizzazione religiosa. La grazia del nostro Signore Gesù Cristo sia con tutti coloro che lo amano con purità incorrotta.
Nota bene: quando il fratello menziona «Il rapimento della chiesa» si riferisce alla venuta del Signore Gesù come la insegnavano gli apostoli, e non alla falsa dottrina delle ADI sulle due fasi del ritorno di Gesù intervallate da alcuni anni.

Giacinto Butindaro


——————-

Presso i ruscelli di Ruben, le decisioni furono coraggiose! Perché sei rimasto fra gli ovili ad ascoltare il flauto dei pastori? Presso i ruscelli di Ruben, le decisioni furono coraggiose (Giudici 5:15)Pace del Signore a tutti voi, fratelli e sorelle. Vi scrivo per comunicarvi le mie dimissioni dal consiglio di chiesa, dalla comunità e dalle ADI “Assemblee di Dio in Italia”.Faccio mie le parole del profeta:” Dissodatevi un campo nuovo, poiché è tempo di cercare il Signore, finché Egli non venga e non spanda su di voi la pioggia della giustizia“ (Osea 10:12).Dopo un tempo di matura riflessione, prendo finalmente le mie distanze da questo sistema asfissiante, carnale e diabolico.Le ADÌ, sono letteralmente fuori dottrina, su infiniti passi della Parola di Dio, ed inoltre, interi capitoli, dottrine, sono state letteralmente omesse, distorte e annullate.Renderanno ragione a colui che ha da giudicare i vivi e i morti, colui davanti al quale la terra e il cielo fuggirono dalla sua presenza e non fu più trovato posto per loro.Ditemi una cosa:” Il rapimento della chiesa, la fine dei reprobi, il pianto e lo stridor di denti dei perduti, l’inferno, l’ abominazione dell’ omosessualità che le sacre scritture condannano ampiamente”, che fine hanno fatto? Come mai non se ne parla?Come mai non si parla del pericolo dell’ ecumenismo?Come mai nelle evangelizzazioni, o per meglio dire, pseudo, false evangelizzazioni, la parola RAVVEDETEVI E CREDETE ALL’EVANGELO è stata totalmente aborrita?C’è uno spirito di stordimento nel mezzo vostro, destatevi, ubriachi, ravvedetevi.Risvegliati, o tu che dormi, risorgi dai morti e Cristo ti inonderà di luce. Ef. 5:14Stanco anche del vostro pastore, ripetitivo fino alla noia con i suoi puerili sofismi,Che dal pulpito lancia verso la chiesa di Cristo, ai santi dell’Altissimo, con parole mediocri e di bassa lega, di cattivo gusto, del tipo:” spiritualoidi, cristianucci, miracolino, frustrati, e quant’altro c’è di più meschino e gretto.Vi avviso che state servendo l’uomo, un istituzione verticalistica e gerarchica, dove molti ministri di culto non sono nemmeno dei salvati.Un istituzione che ha totalmente stravolto e calpestata la sana dottrina.Il consiglio di chiesa?Salvo Antonio Barbato, ignaro di tutto, in quanto giovane e novizio, il restante non capisce nulla, non discernono nulla, sono solo degli attivisti, cani muti, incapaci di abbaiare.Pendono dalle labbra del pastore, in tutto e per tutto, il loro motto è:” non capisco, ma obbedisco”.Hanno paura di contraddire:” l’unto dell’Eterno “, servi assoggettati al loro pastore, anche quando quest’ultimo fa degli sproloqui dottrinali dal pulpito.Molte volte, ho cercato in modo garbato di parlare al vostro pastore, senza però ottenere alcun risultato, accecato di orgoglio carnale com’è.Ha lo stesso spirito del malvagio Amasia, sacerdote di Betel, che scacció il servo di Dio Amos, pagando a caro prezzo la sua ribellione.Non dimenticatevi anche dei Sommi sacerdoti, Anna e Caifa, uomini malvagi.Fuggite dalle ADÌ, non indugiate, fuggite come fuggi Lot da Sodoma, altrimenti anche voi perirete.Quelli che guidano questo popolo lo sviano, e quelli che si lasciano sviare andranno in perdizione. Isaia 9:15So, che il mio parlare è duro, ma è autentico, verace.“Fedeli sono le ferite di chi ama, frequenti i baci di chi odia” (Prov. 27:6).Vi amo nell’amore del Signore,Dio sa che vi amo.

Luciano Todaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia, Liberazioni, Testimonianze e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Luciano Todaro, ex-consigliere di Chiesa ADI, esce e si separa dalle ADI

  1. Giuseppe Marchesino scrive:

    Purtroppo l’idolatria non è soltanto di coloro che si inginocchiano davanti alle statue e adorano santi e madonne. V’è una forma di idolatria ancor più subdola ed insita nella natura umana, quella verso “L’UNTO DELL’ETERNO” , che è il pastore che abbiamo accanto tutti i giorni nelle nostre chiese. Che è il famoso evangelista di turno che capita fra noi. E ahimè, molti fratelli scelgono il ministro che possono vedere e toccare e voltano le spalle al Signore che è spirito e come tale devono imparare ad ascoltarne la voce nel profondo del loro cuore, quando il vento dello spirito soffia dentro di loro. Quand’ero ragazzo mi sembrava davvero incredibile che Israele avesse potuto adorare un vitello d’oro nel deserto, proprio dopo aver visto coi propri occhi la potenza della Gloria di Dio abbattere l’orgoglio dell’Egitto ed dividere in due il mar Rosso per lasciarli passare….. eppure bastò che Mosè si attardasse per un po’ sulla montagna per manifestare tutta la loro idolatria! Per questo il Signore l’Eterno ha in abominio questo peccato gravissimo, perchè l’idolatria, in tutti i tempi e in tutti i luoghi, è stato il cavallo di Troia con cui Satana ha cercato di contrastare l’Opera del Signore. Io penso che quando la Chiesa avrà imparato a superare questa sua debolezza, e rendere all’Eterno tutto l’onore che Gli spetta, allora verrà il tempo della raccolta dell’ultima stagione, quella che precede il ritorno di Gesù.

    • Daniele Baiocco scrive:

      Una condizione essenziale(condito sine qua non)per essere una setta è che ci sia un Capo Carismatico dal quale pendere e che ,spesso,pensa al posto tuo risparmiandoti la fatica e le responsabilità(ma non le amare conseguenze…).

      Pastori,Apostoli,unti e guest star della domenica.

      Ecco perché strettamente parlando i Testimoni Di Geova o i Buddisti(a parte i Sogakiani)non sono una setta(cioè,lo sono Biblicamente ma non giuridicamente).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.