Su Giuseppe Petrelli massone

La conferma da parte di Marco Novarino, massone, tratta dal suo libro ‘Evangelici e liberimuratori nell’Italia liberale (1859-1914)’, che il predicatore pentecostale Giuseppe Petrelli era massone (cfr. Marco Novarino, Evangelici e liberimuratori nell’Italia liberale (1859-1914), Claudiana, 2021, pag. 488). Da tenere presente che Petrelli – in base agli scritti suoi che ho letto – non mi risulta che abbia condannato la massoneria. E aggiungo questo: Petrelli è uno dei tantissimi predicatori Pentecostali massoni, passati e presenti, che hanno introdotto del lievito malvagio massonico nel movimento pentecostale, che ha fatto lievitare tutta la pasta nel corso del tempo. I suoi scritti abbondano di allegorie fasulle, contengono menzogne, sono di una pesantezza tremenda, ambigui, strani. Altro che ispirati …. e questa è la ragione che sin dall’inizio della mia conversione non provai alcuna attrazione spirituale verso Petrelli, ma sempre una repulsione. E assieme a me possono testimoniare la stessa cosa tantissimi fratelli. Un’ultima cosa: Petrelli nella lista dei tantissimi predicatori pentecostali massoni, passati e presenti, che hanno guastato il Movimento Pentecostale, quanto a influenza negativa non lo possiamo mettere ai primi posti della lista. Ce ne sono di molto più conosciuti di lui di predicatori pentecostali massoni, che hanno fatto dei danni ancora maggiori di lui al Movimento Pentecostale.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia, Giuseppe Petrelli, Massoneria, Pentecostali e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Su Giuseppe Petrelli massone

  1. Enzo scrive:

    Ma invece di fare la caccia ai massoni perché non fai la “caccia” ai peccatori e ti impegni nell’evangelizzazione?

  2. Salvo scrive:

    Il problema di molti che non vogliono accettare la dottrina del Fratello Petrelli, è perchè il Signore l’ha usato attraverso i suoi scritti a mostrare la nostra superbia in spirito, principalmente quella religiosa, ricordati che i veri Servi del SIGNORE vengono uccisi proprio dalla Gerusalemme visibile, questo è avvenuto in tutti i tempi e continua ad avvenire fino al ritorno del Signore Gesù Cristo.
    La superbia e la gelosia sono stati i peggiori demoni che hanno disturbato l’opera di Cristo guardiamoci di non essere posseduti da codesti spiriti che a volte sono cosi raffinati che ti fanno sembrere un perfetto religioso, ma ti portano alla morte in spirito, puoi usare anche le parole dell’Agello di Dio, ma fai attenzione che non sia il DRAGONE ad usarti, che Dio ti illumini

    • giacintobutindaro scrive:

      Non hai dunque niente da dire sull’affiliazione provata di Petrelli alla Massoneria? Sul suo silenzio contro la Massoneria? E non hai niente da dire contro la Massoneria? Beh, molto ma molto strano! Siete tutti strani voi ‘petrelliani’. Il dragone, cioè il diavolo, ha prodotto la Massoneria, e tramite la Massoneria ha sedotto tanti Evangelici … e tu non dici niente?

    • robertobruno scrive:

      Concordo pienamente con te Salvo, purtroppo si chiacchiera molto e si prega poco, o peggio per nulla.
      Oggi abbonda il falso che si crede vero e il vero viene preso per falso. Così è stato per Gesù e i Suoi in ogni tempo.
      Abbondano gli scribi e i farisei cristiani, mancano gli uomini di preghiera!
      Che Dio ci faccia tali.

    • Massimo scrive:

      Un cristiano, Petrelli compreso, non può avere una “sua” dottrina, dal momento che l’unica possibile e condivisibile dottrina è la sola Parola di Cristo. Non può esistere una dottrina di Petrelli.

      • robertobruno scrive:

        Infatti questo uomo non ha mai dichiarato una dottrina propria, nè si è fatto pastore o dottore di chiese come oggi molti si proclamano, nè si è mai sentito legato a qualche denominazione religiosa… si è tenuto libero da tutto e tutti per poter servire tutti.
        Soprattutto ha voluto essere sconosciuto e non ha mai criticato altri, cercando di vedere e evidenziare il bene ovunque vi fosse.
        Chiunque lo ha veramente conosciuto può testimoniare di tutto questo.

  3. Maria scrive:

    Dispiace molto constatare che non si è mai dismessa l’antica arte di cercare( con zelo) il fuscello nell’occhio del fratello. Mi riferisco, in particolare, all’additare come massone Giuseppe Petrelli, indicando come fonte il libro di Marco Novarino, “Evangelici e liberimuratori nell’Italia liberali(1859-1914 )”, il quale, per la verità, dedica all’argomento poche righe della sua corposa opera, in cui riferisce che, nel 1904, Petrelli, attraverso un cognato, entra nella massoneria. Lo stesso, nel 1905, emigra negli U.S.A. e il suo percorso di vita lo conduce da tutt’altra parte: ogni persona onesta che voglia sapere dove, se ne legga gli scritti e s’informi sulla sua condotta di vita.
    Io mi chiedo a cosa serva dir male di un uomo che ha preso, e velocemente, le distanze dal suo passato.
    Non è il Vangelo, del resto, che apre alla possibilità di una uova nascita e di una vita rinnovata?
    Purtroppo, queste ricerche del fuscello negli occhi del prossimo dicono quanto sia grande la trave che offusca la nostra vista. Ma, nel messaggio cristiano, c’è speranza per tutti. Dunque, buona conversione e buon cammino!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.