Il «pastore» che dice alle donne che cercano marito di venire al culto con un abito da sposa

Il «pastore» di una Chiesa nello stato di Enugu in Nigeria durante un culto ha chiesto a tutte le donne nubili di venire al culto con un abito da sposa se vogliono sposarsi quest’anno. La settimana successiva, è avvenuto proprio questo, che esse si sono presentate al culto indossando un abito da sposa. Queste donne sono state fatte sedere davanti e il pastore ha rivolto a Dio delle preghiere speciali per esse e gli ha fatto dare delle offerte (ovviamente il seme di fede da seminare per poter raccogliere un marito in questo caso)! Una persona che era presente (una lettrice del blog che ha dato la notizia) ha detto che è stata la cosa più bizzarra che abbia mai visto e che molti si sono messi a ridere!

donne-cercano-marito-abito-sposa

Fonte: http://lindaikeji.blogspot.it/2014/02/pcs-women-looking-for-husbands-storm.html

Ecco l’ennesima prova che tanti ‘pastori’ ormai si sentono così sicuri di non essere ripresi – vista la mancanza di conoscenza e di discernimento nelle Chiese – da poter mettersi a dire e fare tutto quello che vogliono!

Fratelli, ve lo ripeto per l’ennesima volta, investigate le Scritture per vedere se ciò che vi viene insegnato dal pastore è in accordo con la dottrina di Dio e la volontà di Dio verso di voi, perché ci sono tante Chiese in mano a cianciatori e seduttori di menti che insegnano cose che non dovrebbero per amore di disonesto guadagno. Se fate parte di una di queste Chiese, uscite e separatevi da essa.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Comportamenti disordinati, Confutazioni, Cose strane, Esortazioni | Tagged | Comments Off

Quando pensi che Paolo …

Quando pensi che Paolo, prima di essere salvato, era un uomo “spirante minaccia e strage contro i discepoli del Signore” (Atti 9:1), “un bestemmiatore, un persecutore e un oltraggiatore” (1 Timoteo 1:13), che perseguitò a tutto potere quelli che credevano in Gesù “legando e mettendo in prigione uomini e donne” (Atti 22:4), e quando erano messi a morte, egli dette il suo voto (Atti 26:10); come fai a non pensare alla misericordia di Dio? E non solo alla Sua misericordia, ma anche al fatto che “Egli fa misericordia a chi vuole” (Romani 9:18)?

Giacinto Butindaro

Posted in Meditazioni | Tagged | Comments Off

Il sofisma usato per le unioni omosessuali

unioni-omosessuali-sofisma

In vista della legge che lo Stato italiano dovrebbe varare prossimamente sulle unioni omosessuali, il sofisma che molti cosiddetti pastori evangelici hanno deciso di usare in riferimento alle unioni omosessuali è questo. Fermo restando – loro dicono – che le unioni omosessuali non sono equiparabili al matrimonio, esse vanno riconosciute a norma di legge. E questo sia per sancire formalmente e sostanzialmente un rapporto basato sull’amore omosessuale, sia per conferire diritti sui beni materiali della coppia. Dunque meglio parlare – continuano loro – di ‘diritto al riconoscimento dell’unione omosessuale’, che non costituisce una famiglia, non può adottare né educare bambini, ma che va assolutamente regolamentata. Avete capito allora fratelli come questi uomini corrotti e riprovati quanto alla fede presentano astutamente la cosa per evitare di essere accusati di volere il matrimonio omosessuale e quindi di essere contro la famiglia? Ma sappiate che costoro parlano COMUNQUE da parte del diavolo, che è bugiardo e padre della menzogna. Perché in questa maniera approvano l’omosessualità che agli occhi di Dio è un’abominazione secondo che è scritto: “Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna: è cosa abominevole” (Levitico 18:22), nonché un’unione formale tra persone che praticano cose turpi. E quindi costoro si schierano contro la Parola di Dio. Ma voglio farvi notare che parlando in questa maniera essi si schierano apertamente contro la famiglia e quindi procacciano la sua distruzione, e questo perché una volta che sarà sancita questa legge sulle unioni omosessuali ci saranno mariti e mogli che saranno incoraggiati a darsi all’omosessualità e quindi poi a lasciare il proprio coniuge per andare a vivere con il loro partner omosessuale. E poi, anche se la legge non chiamerà questa unione ‘matrimonio’ (questo infatti è quello che si apprende), si tratterà di un importante e fondamentale passo compiuto in vista del suo futuro riconoscimento come matrimonio. Lo Stato in altre parole è come se dicesse agli omosessuali: ‘Per ora non possiamo darvi altro perché non ci sono le condizioni favorevoli, per cui accontentavi di questa legge, ma vedrete che in seguito quando cambieranno certe cose lo Stato trasformerà l’unione omosessuale in matrimonio!’
Dunque, costoro parlando in questa maniera non fanno altro che approvare e incoraggiare l’omosessualità, dimostrando così di essere dei nemici della croce di Cristo. Nessuno di costoro vi seduca.
Un’ultima cosa, se fate parte di una Chiesa il cui pastore parla in questa maniera uscite e separatevi da essa, perché è una Chiesa che ha rigettato la dottrina di Dio.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Confutazioni, Esortazioni, Illuminati, Massoneria, Omosessualità | Tagged , , , , , , , | Comments Off

Il «pastore» che ha messo incinta almeno 20 donne della Chiesa «in ubbidienza a Dio»

ngwu-concubine

Si chiama Timothy Ngwu ed è il ‘pastore’ della Chiesa Vineyard Ministry of the Holy Trinity, nello stato di Enugu, in Nigeria. E’ stato arrestato per avere messo incinta almeno 20 donne della Chiesa di cui è ‘pastore’ (nella foto è con due sue concubine), cosa che lui dice avere fatto in ubbidienza al comando di Dio!!! Tra queste donne ci sono anche donne sposate. Secondo il rapporto della polizia, Ngwu sostiene di ubbidire ad una ingiunzione profetica/spirituale per fare la volontà di Dio, che consiste nel mettere incinta ogni donna scelta e rivelata dallo Spirito Santo!! Tra queste donne che Ngwu ha messo incinta c’è pure la nipote di sua moglie Veronica. Alcune delle donne sposate che lui ha messo incinta vivono con lui. Una di queste, di nome Calista, ha detto di essere sposata con suo marito e di avere dieci figli, e che fu messa incinta da Ngwu ma poi il bambino è morto. Ha anche detto di avere dato sua figlia a Ngwu per farla mettere incinta in adempimento della volontà di Dio! In merito alle donne sposate messe incinta, Ngwu ha affermato che non fa niente con alcuna donna sposata fino a quando non ha raggiunto un accordo e un consenso pieno con il marito della donna in linea con le direttive dello Spirito Santo!!!
Fonte: http://dailypost.ng/2014/06/20/get-prophetic-messages-impregnate-church-members-enugu-pastor/

E’ evidente che questo Ngwu è un impostore travestito da pastore, o meglio un lupo travestito da pecora, e che è riuscito ad ingannare delle anime facendo loro credere che era Dio a ordinargli di mettere incinta le donne che voleva lui.

Questa notizia ci mostra però per l’ennesima volta che ci sono cosiddetti pastori che nonostante insegnino eresie e pratichino cose abominevoli, riescono a farsi ubbidire dalla Chiesa perché gli dicono che è stato Dio a rivelargli di dire e fare quelle cose. Basta dunque che essi dicano ‘Dio me lo ha rivelato …’, che nessuno osa mettere in discussione quello che dicono. Il pastore è l’unto di Dio la cui parola deve essere sempre ubbidita!! E se qualcuno confuta la menzogne che insegna o riprova le sue opere malvagie, viene accusato dalla Chiesa di essere settario, di provocare divisioni, e di essere un maldicente, anzi persino uno che ha parlato contro lo Spirito Santo! E questa è la dimostrazione che ormai in molte Chiese la parola del pastore è superiore alla Parola di Dio. Non importa proprio niente a queste Chiese se il loro pastore dice o fa delle cose che vanno contro la Sacra Scrittura; il pastore ha ragione, mentre la Scrittura deve essere messa da parte perché non ha alcun valore.

Fratelli, se fate parte di qualcuna di queste Chiese dove la parola del pastore ha più valore della Parola di Dio, vi esorto a uscire e separarvi da essa immediatamente.

“Or io v’esorto, fratelli, tenete d’occhio quelli che fomentano le dissensioni e gli scandali contro l’insegnamento che avete ricevuto, e ritiratevi da loro. Poiché quei tali non servono al nostro Signor Gesù Cristo, ma al proprio ventre; e con dolce e lusinghiero parlare seducono il cuore de’ semplici” (Romani 16:17-18)

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Comportamenti disordinati, Confutazioni, Cose strane, Dottrine false, Esortazioni | Tagged | Comments Off

Guardatevi dai cani

sheep-dogs

Queste pecore morte che vedete nella foto, sono state uccise da dei cani (fonte: http://www.keighleynews.co.uk/news/9915354.Sheep_killed_in_attack_by_dogs/)
Vi ricordo dunque tramite di essa l’esortazione apostolica: “Guardatevi dai cani” (Filippesi 3:2). Non illudetevi, i cani vi odiano e vogliono uccidervi spiritualmente.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Esortazioni | Tagged | Comments Off

Ce lo attesta lo Spirito Santo

Alcune parole per quei fratelli che avevano accettato la falsa dottrina ‘il destino se lo crea l’uomo’ e che adesso stanno investigando le Scritture per capire se il proponimento dell’elezione di Dio è una dottrina vera. Se “lo Spirito stesso attesta insieme col nostro spirito, che siamo figliuoli di Dio” (Romani 8:16), è evidente che il medesimo Spirito attesta che noi non siamo nati da sangue, NÉ DA VOLONTÀ DI CARNE, NÉ DA VOLONTÀ D’UOMO, ma siamo nati da Dio (Giovanni 1:13), e quindi attesta che Dio “ci ha DI SUA VOLONTÀ GENERATI mediante la parola di verità, affinché siamo in certo modo le primizie delle sue creature” (Giacomo 1:18). Non vi pare? Ecco dunque quello che ci attesta lo Spirito della verità che dimora nel nostro cuore. Lo Spirito Santo quindi non ci attesta che la nostra nuova nascita è dipesa dalla nostra volontà, ma ci attesta che essa è dipesa dalla volontà di Dio. Non continuate dunque a contristare e contrastare lo Spirito Santo dicendo che è dipeso da voi. Perchè dice la Scrittura: “Non dipende dunque né da chi vuole né da chi corre, ma da Dio che fa misericordia” (Romani 9:16). Riconoscete la verità.

Giacinto Butindaro

Posted in Confutazioni, Esortazioni | Tagged , | Comments Off

Smettete di chiamare Gesù «l’amico dei peccatori»

Purtroppo tanti credenti chiamano Gesù Cristo «l’amico dei peccatori» pensando di fargli un complimento, ma in realtà in questa maniera lo offendono, come lo offese la generazione adultera e peccatrice in mezzo alla quale Egli visse circa duemila anni fa, infatti i nemici di Cristo lo vituperarono definendolo «un amico dei pubblicani e de’ peccatori», secondo che disse Gesù: “Ma a chi assomiglierò io questa generazione? Ella è simile ai fanciulli seduti nelle piazze che gridano ai loro compagni e dicono: Vi abbiam sonato il flauto, e voi non avete ballato; abbiam cantato de’ lamenti, e voi non avete fatto cordoglio. Difatti è venuto Giovanni non mangiando né bevendo, e dicono: Ha un demonio! È venuto il Figliuol dell’uomo mangiando e bevendo, e dicono: Ecco un mangiatore ed un beone, un amico dei pubblicani e de’ peccatori! Ma la sapienza è stata giustificata dalle opere sue” (Matteo 11:15-19). Esorto dunque coloro che chiamano Gesù in questa maniera, a ravvedersi e a chiedere perdono al Signore.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Esortazioni | Tagged | Comments Off

La strategia papista per raggiungere «l’unità» con gli Evangelici

francesco-28-giugno

Questo articolo – che riguarda una udienza avuta il 28 giugno dai membri della delegazione del patriarcato ecumenico di Costantinopoli con Francesco – è molto importante perché rivela la strategia usata dal Vaticano per portare gli Evangelici ai piedi o meglio nelle fauci del capo della Chiesa Cattolica Romana.

‘Papa: serve una «teologia fatta in ginocchio»

28 giugno 2014

Bisogna lasciarsi guidare dallo Spirito Santo per avanzare verso l’unità dei cristiani. E’ l’esortazione levata da Papa Francesco nell’udienza alla Delegazione ecumenica del Patriarcato di Costantinopoli, ricevuta alla vigilia della Solennità dei Santi Patroni di Roma, Pietro e Paolo. Il Pontefice ha sottolineato che anche partendo da prospettive diverse, attraverso una “teologia fatta in ginocchio” si può arrivare ad un cammino di unità.
Condividere la gioia di essere fratelli. Papa Francesco si è rivolto alla delegazione della “Chiesa sorella di Costantinopoli” rivolgendo innanzitutto il pensiero al Patriarca ecumenico Bartolomeo I, “amato fratello” con il quale ha vissuto insieme l’esperienza del pellegrinaggio in Terra Santa e poi la Preghiera per la pace nei Giardini Vaticani. Il Papa ha ricordato l’abbraccio tra Paolo VI e Atenagora. Un gesto profetico, ha osservato, che ha dato “impulso ad un cammino” che “non si è più arrestato”: “Il Signore ci ha donato queste occasioni di incontro fraterno, nelle quali abbiamo avuto la possibilità di manifestare l’uno all’altro l’amore in Cristo che ci lega, e di rinnovare la volontà condivisa di continuare a camminare insieme sulla strada verso la piena unità”.
Sappiamo bene, ha aggiunto, che “questa unità è un dono di Dio” ed ha ribadito che grazie alla “forza dello Spirito Santo” possiamo “guardarci gli uni gli altri con gli occhi della fede”, “riconoscerci per quello che siamo nel piano di Dio” e “non per ciò che le conseguenze storiche dei nostri peccati ci hanno portato ad essere”:
“Se impareremo, guidati dallo Spirito, a guardarci sempre gli uni gli altri in Dio, sarà ancora più spedito il nostro cammino e più agile la collaborazione in tanti campi della vita quotidiana che già ora felicemente ci unisce”. Questo sguardo teologale, ha proseguito, “si nutre di fede, di speranza, di amore”. Esso, è stata la sua riflessione, “è capace di generare una riflessione teologica autentica”, che è in realtà “partecipazione allo sguardo che Dio ha su se stesso e su di noi”. Una riflessione, ha affermato, “che non potrà che avvicinarci gli uni agli altri, nel cammino dell’unità, anche se partiamo da prospettive diverse”:
“Confido pertanto, e prego, affinché il lavoro della Commissione mista internazionale possa essere espressione di questa comprensione profonda, di questa teologia “fatta in ginocchio”. La riflessione sui concetti di primato e di sinodalità, sulla comunione nella Chiesa universale, sul ministero del Vescovo di Roma, non sarà allora un esercizio accademico né una semplice disputa tra posizioni inconciliabili.
“Abbiamo tutti bisogno di aprirci con coraggio e fiducia all’azione dello Spirito Santo – ha soggiunto – di lasciarsi coinvolgere nello sguardo di Cristo sulla Chiesa” nel cammino di un “ecumenismo spirituale rafforzato dal martirio” di tanti cristiani che “hanno realizzato l’ecumenismo del sangue”.

Alessandro Gisotti – Radio Vaticana

Fonte: http://www.avvenire.it/Chiesa/Pagine/il-papa-al-patriarca-costantinopoli.aspx

Il discorso integrale di Francesco è leggibile qua http://w2.vatican.va/content/francesco/it/speeches/2014/june/documents/papa-francesco_20140628_patriarcato-ecumenico-costantinopoli.html

Secondo quella volpe di Francesco quindi bisogna guardare a quella «collaborazione in tanti campi della vita quotidiana che già ora felicemente ci unisce» per superare le difficoltà ancora persistenti sul cammino verso l’unità!! Avete capito allora come il Vaticano vuole portare gli Evangelici alla cosiddetta unità nella diversità? Coinvolgendoli in tanti campi della vita quotidiana. Così piano piano, senza che se ne accorgeranno li porterà dentro la prigione del Vaticano. Ecco perché bisogna rifiutare ogni forma di collaborazione con la Chiesa Cattolica Romana (come ad esempio tradurre assieme la Bibbia, aiutare assieme persone bisognose, pregare assieme per l’unità dei cristiani, ecc.), perché è proprio tramite questa collaborazione che la Chiesa papista cerca di portare gli Evangelici ai piedi del cosiddetto papa.
Mettete dunque in pratica queste parole dell’apostolo Paolo: “Non vi mettete con gl’infedeli sotto un giogo che non è per voi; perché qual comunanza v’è egli fra la giustizia e l’iniquità? O qual comunione fra la luce e le tenebre? E quale armonia fra Cristo e Beliar? O che v’è di comune tra il fedele e l’infedele? E quale accordo fra il tempio di Dio e gl’idoli? Poiché noi siamo il tempio dell’Iddio vivente, come disse Iddio: Io abiterò in mezzo a loro e camminerò fra loro; e sarò loro Dio, ed essi saranno mio popolo. Perciò Uscite di mezzo a loro e separatevene, dice il Signore, e non toccate nulla d’immondo; ed io v’accoglierò, e vi sarò per Padre e voi mi sarete per figliuoli e per figliuole, dice il Signore onnipotente” (2 Corinzi 6:14-18), e dimorerete al sicuro.
Non vi fate sedurre da quei cosiddetti pastori evangelici che vi propongono di collaborare o già collaborano con la Chiesa Cattolica Romana, perché essi vogliono portarvi alla rovina. Con gli infedeli non ci si deve mettere e basta!

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Chiesa cattolica romana, Confutazioni, Ecumenismo, Esortazioni, Illuminati, Jorge Mario Bergoglio - Francesco I, Massoneria | Tagged , , , | Comments Off

Secondo Elton John anche Gesù Cristo accetterebbe i «matrimoni» omosessuali

elton_gay

Elton John è un famosissimo cantautore, compositore e musicista britannico. E’ un omosessuale. Ha dichiarato che anche Gesù accetterebbe i matrimoni gay. ‘Se Gesù Cristo oggi fosse vivo, io non posso vederlo dire – considerando il Cristiano che era e la grande persona che era – che questo non potrebbe accadere’ (‘If Jesus Christ was alive today, I cannot see him, as the Christian person that he was and the great person that he was, saying this could not happen’ -).

Ascoltatelo in questa intervista

Mi pare del tutto evidente che il Gesù di cui parla Elton John è un altro Gesù, che niente ha a che fare con il Gesù di cui parla la Sacra Scrittura. Perchè Gesù – che è vivente, in quanto fu crocifisso ma il terzo giorno risuscitò dai morti ed ora è alla destra di Dio – aborrisce il peccato, e l’omosessualità è un peccato secondo che è scritto nella legge: “Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna: è cosa abominevole” (Levitico 18:22). E quindi Gesù essendo contrario all’omosessualità è anche contrario al cosiddetto matrimonio omosessuale.

Nessuno vi seduca con vani ragionamenti

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Confutazioni, Illuminati, Massoneria, Omosessualità | Tagged , , , | 1 Comment

Geoff Tunnicliffe e Francesco condividono il loro cuore

Ecco come Geoff Tunnicliffe, segretario generale dell’Alleanza Evangelica Mondiale (di cui fa parte anche l’Alleanza Evangelica Italiana), commenta questa foto – scattata il 24 giugno 2014 in Vaticano durante un incontro di importanti ‘leaders evangelici’ con Francesco – in cui si vede Geoff seduto di fronte a Francesco, il capo della Chiesa Cattolica Romana: ‘Pranzo di oltre 2 ore, Papa Francesco ed io abbiamo condiviso il nostro cuore per il mondo e le opportunità per la Chiesa globale’ (Over a 2 hr lunch, Pope Francis and I shared our heart for the world and the opportunities for the global Church – Fonte: https://twitter.com/WEACEO/status/481743528876589057/photo/1).
francesco-geoff

Queste parole dicono tutto, ma proprio tutto. Mi rivolgo dunque ancora a voi che fate parte dell’AEI: ‘Cosa avete ancora bisogno di vedere e sentire per uscire e separarvi dall’AEI?’

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Chiesa cattolica romana, Comportamenti disordinati, Ecumenismo, Illuminati, Jorge Mario Bergoglio - Francesco I, Massoneria | Tagged , , , , , | Comments Off

Un silenzio colpevole

creatura-umana

Come sono bravi tanti cosiddetti Cristiani a indignarsi quando sentono dire che qualcuno ha ammazzato un bambino o una bambina, e a stare zitti e fare finta di niente invece quando una donna si sbarazza della creatura che porta nel suo seno! Eppure agli occhi di Dio in ambedue i casi si tratta di omicidio! Ma perché nel secondo caso stanno zitti? Perché secondo loro la donna è libera di fare quello che vuole di ciò che è nel suo grembo … già quindi anche libera di ammazzare o fare ammazzare una creatura umana non ancora nata!
Ma nessuno si illuda, perché “l’ira di Dio si rivela dal cielo contro ogni empietà ed ingiustizia degli uomini che soffocano la verità con l’ingiustizia” (Romani 1:18), e questo sta accadendo perché Dio non lascia impuniti nè le donne che abortiscono nè coloro che praticano l’aborto e neppure coloro che incoraggiano ad abortire anche con il silenzio e non solo con parole insensate!

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Leggi ‘Contro l’aborto (ovvero contro la posizione favorevole di alcune Chiese Evangeliche in merito all’aborto e quella ambigua delle Assemblee di Dio in Italia)’

Posted in Aborto, Confutazioni | Tagged , | 1 Comment

Stai servendo Dio con una pura coscienza?

Paolo diceva a Timoteo: “Io rendo grazie a Dio, il quale servo con pura coscienza ….” (2 Timoteo 1:3). Fatti dunque questa domanda: ‘Sto servendo Dio con una pura coscienza come faceva Paolo?’ E’ molto importante infatti per un Cristiano esercitarsi “ad aver del continuo una coscienza pura dinanzi a Dio e dinanzi agli uomini” (Atti 24:16). Considera infatti che coloro che hanno rinunciato ad avere una coscienza pura hanno naufragato quanto alla fede, secondo che dice Paolo sempre a Timoteo: “Io t’affido quest’incarico, o figliuol mio Timoteo, in armonia con le profezie che sono state innanzi fatte a tuo riguardo, affinché tu guerreggi in virtù d’esse la buona guerra, avendo fede e buona coscienza; della quale alcuni avendo fatto getto, hanno naufragato quanto alla fede. Fra questi sono Imeneo ed Alessandro, i quali ho dati in man di Satana affinché imparino a non bestemmiare” (1 Timoteo 1:18-20).

Giacinto Butindaro

Posted in Esortazioni | Tagged | Comments Off

Perché Dio non esaudisce le preghiere di taluni che sono nella distretta

uomo-angoscia

Sapete perché Dio non esaudisce le richieste di taluni che si trovano nella distretta? Ce lo dice Dio stesso in questa maniera: “Ma poiché, quand’ho chiamato avete rifiutato d’ascoltare, quand’ho steso la mano nessun vi ha badato, anzi avete respinto ogni mio consiglio e della mia correzione non ne avete voluto sapere, anch’io mi riderò delle vostre sventure, mi farò beffe quando lo spavento vi piomberà addosso; quando lo spavento vi piomberà addosso come una tempesta quando la sventura v’investirà come un uragano, e vi cadranno addosso la distretta e l’angoscia. ALLORA MI CHIAMERANNO, MA IO NON RISPONDERÒ; MI CERCHERANNO CON PREMURA MA NON MI TROVERANNO. Poiché hanno odiato la scienza e non hanno scelto il timor dell’Eterno e non hanno voluto sapere dei miei consigli e hanno disdegnato ogni mia riprensione, si pasceranno del frutto della loro condotta, e saranno saziati dei loro propri consigli. Poiché il pervertimento degli scempi li uccide, e lo sviarsi degli stolti li fa perire …” (Proverbi 1:24-32). Avete compreso allora? La ragione è perché sono dei ribelli, infatti hanno odiato la scienza e non hanno scelto il timor dell’Eterno e non hanno voluto sapere dei consigli di Dio e hanno disdegnato ogni Sua riprensione.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Insegnamenti | Tagged | Comments Off

Geoff Tunnicliffe sostiene che i Mussulmani e i Cristiani adorano lo stesso Dio

geoff-islam

Anche Geoff Tunnicliffe, segretario generale dell’Alleanza Evangelica Mondiale (di cui fa parte anche l’Alleanza Evangelica Italiana), è tra coloro che sostengono la menzogna secondo cui l’Iddio della Bibbia e il Dio del Corano sono lo stesso Dio. Egli infatti è tra i firmatari (assieme ad altri predicatori famosi come Rick Warren, Robert Schuller, e David Yonggi Cho) del documento intitolato ‘Una Risposta Cristiana a ‘Una Parola Comune Tra Noi e Voi’ in cui viene detto che i Mussulmani e i Cristiani adorano lo stesso Dio e che ‘il futuro del mondo dipende dalla pace tra i Mussulmani e i Cristiani’, e quindi viene dichiarato: ‘…. noi dobbiamo impegnarci in un dialogo interreligioso come coloro che cercano il bene l’un dell’altro, poiché l’unico Dio cerca incessantemente il nostro bene’.

Fonte: http://faith.yale.edu/common-word/common-word-christian-response

Lo voglio ribadire quindi anche in questa occasione a coloro che fanno parte dell’AEI: uscite e separatevi da essa.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Posted in Dottrine false, Islam, Massoneria | Tagged , , | Comments Off

Geoff Tunnicliffe: un uomo al servizio della Massoneria

Ecco Geoff Tunnicliffe, segretario generale dell’Alleanza Evangelica Mondiale (di cui fa parte anche l’Alleanza Evangelica Italiana), in una foto ufficiale (http://www.christiantoday.com/article/rehabilitating.evangelicalism.and.building.the.kingdom/36371.htm).

geoff-posa

D’altronde, come ho già detto, l’Alleanza Evangelica Mondiale è nata in un tempio massonico. Quindi non c’è da meravigliarsi affatto se a capo di questa organizzazione mondiale ci sia un uomo a forma di squadra. Ma avete capito allora perché l’Alleanza Evangelica Mondiale è così fortemente impegnata nell’ecumenismo e nel dialogo interreligioso? Perché l’ecumenismo e il dialogo interreligioso fanno parte di quei passi necessari all’instaurazione di una religione universale che è l’obbiettivo dichiarato della Massoneria. Lo scopo ultimo della Massoneria infatti è quello di creare una grande religione universale, infatti nelle Costituzioni massoniche del 1723, si legge: «L’idea della Massoneria è di riunire tutte le religioni e creare una religione universale: religione nella quale tutti gli uomini si accordano».

E a tale proposito voglio farvi notare che il professore Giancarlo Rinaldi, massone appartenente al Grande Oriente d’Italia e già ‘maestro venerabile’ della loggia massonica “Costantino Nigra” di Castelforte, ha giudicato favorevolmente il recente incontro (24 giugno 2014) che c’è stato tra importanti ‘leaders evangelici’ (tra cui anche Geoff Tunnicliffe) e Francesco in Vaticano, che si è svolto per portare a compimento la cosiddetta unità nella diversità con la Chiesa Cattolica Romana. Ecco il commento del Rinaldi preso dalla pagina facebook di Stefano Bogliolo – esponente dell’AEI -: ‘Il processo di progressiva laicizzazione e scristianizzazione dell’umanità ha come prevedibile risultato il ri-compattamento di un fronte che f riferimento alla trascendenza (comunque intesa), e ciò anche a prescindere dalla omogeneità delle dottrine. Il fenomeno potrebbe inquadrarsi in questo contesto’ (il commento risale al 29 giugno 2014).

rinaldi-bogliolo

Fonte: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10203367085689362&set=a.1054459853234.9814.1577947136&type=1&comment_id=10203368977336652&offset=0&total_comments=22

Voglio dunque dire a quei fratelli che sono nell’AEI: fate parte di una organizzazione mondiale governata dalla Massoneria – che è una istituzione satanica che si prefigge di distruggere il Cristianesimo – per cui vi esorto per l’ennesima volta a uscire e separarvi da essa.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Leggi anche:

Segnali massonici di riconoscimento

L’Alleanza Evangelica Italiana promuove ideali massonici

L’Alleanza Evangelica Italiana collabora con il diavolo: ecco in che maniera

L’Alleanza Evangelica Mondiale si è alleata con ‘papa’ Francesco

Francesco incontra importanti ‘leaders evangelici’

Posted in Comportamenti disordinati, Ecumenismo, Illuminati, Massoneria | Tagged , , , | Comments Off