Contro l’andare ai parchi di divertimento

Coloro che si sono convertiti al Signore devono smettere di recarsi ai parchi di divertimento

Il nome stesso ‘ parchi di divertimento’ indica che luoghi sono. Sono posti dove chi vuole divertirsi trova tutto quello che desidera; le montagne russe, le sale con gli specchi che deformano la figura di chi vi si specchia, i tunnel dell’orrore, gli auto scontri, la ruota gigante, e tante tante altre cose.

Ma perché il credente non deve frequentare questi luoghi? Perché andrebbe a spendervi del denaro inutilmente; in altre parole andrebbe a spendere denaro per ciò che non sazia e non edifica.

Ditemi, voi che andate ancora in questi luoghi: ‘Ma che utile ne ricavate? Quale grazia vi conferiscono i divertimenti a cui vi date? Vi fortificano forse nella fede? Vi edificano?’ Ma non vi rendete conto di spendere il tempo ed il denaro che Dio vi provvede in maniera iniqua? Non vi rendete conto che potreste dedicare lo stesso tempo e lo stesso denaro invece che al servizio della vanità al servizio della giustizia, pregando, leggendo la Parola di Dio, testimoniando del Signore, facendo qualche opera buona? La Parola di Dio dice: “Perché spendete danaro per ciò che non è pane? e il frutto delle vostre fatiche per ciò che non sazia? Ascoltatemi attentamente e mangerete ciò ch’è buono, e l’anima vostra godrà di cibi succulenti! Inclinate l’orecchio, e venite a me; ascoltate, e l’anima vostra vivrà…” (Is. 55:2-3).

Quindi fratelli smettete di recarvi in questi luoghi per darvi ai piaceri della vita, e consacratevi al Signore non a parole ma a fatti e in verità. Ma non lo sapete che i piaceri della vita, che sono paragonati alle spine, soffocano la Parola? Rientrate in voi stessi; svegliatevi perché il nemico è riuscito a fare breccia nella vostra vita.

Lo so, pure il vostro pastore ci va al parco di divertimento, infatti è lui che prende l’iniziativa per portarvici, non lo seguite per non corrompervi. Ah, mi si spezza il cuore nel sentire dire che dei pastori, degli anziani di chiesa si organizzano con i fedeli per andare al Gardaland o a qualche altro parco di divertimento. Loro, proprio loro che dovrebbero guidare le pecore per sentieri retti ed essere un esempio al gregge, prendono le pecore e le conducono per sentieri tortuosi, a divertirsi. Le tenebre gli hanno accecato gli occhi, sono stati sopraffatti dai piaceri della vita! E poi cantano: ‘I miei anni più belli voglio spendere per te, per te mio Signore che moristi per me…’, belle e veraci parole, certo, ma che stonano in bocca a coloro che vogliono spendere la loro vita e il loro denaro al servizio della vanità.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni, Insegnamenti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.