‘Provate Cristo ….’!

‘Prova Gesù Cristo, e vedrai che non te ne pentirai!’ Ecco il messaggio evangelistico di questo studente della Scuola Biblica ADI in seno alla Chiesa ADI di Reggio Calabria. Certo che sono veramente male istruiti i futuri pastori nelle ADI!

Ma da quando in qua ai peccatori gli si dice una cosa del genere? Avete fatto diventare Cristo una sorta di prodotto che va provato! Vergognatevi, voi pastori ADI che state corrompendo la nuova generazione di credenti.

E’ così che gli apostoli annunciavano Cristo ai peccatori? Dicendogli: ‘Provate Gesù Cristo …’? Ma mettetevi a predicare il ravvedimento e il Vangelo come si conviene!

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia, Confutazioni, Cose strane, Pentecostali, Video e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

10 risposte a ‘Provate Cristo ….’!

  1. franco scrive:

    Lo studente in questione mi sembra sia il figlio di Di Iorio, all’epoca ancora pastore della stessa comunità dove sta predicando.

  2. adeloso scrive:

    Alla fine è sempre cosi… i pastori Adi spesso sono figli dei pastori che c’erano prima e cosi via…

  3. Gian's scrive:

    ma!! nn ho parole.. ora Gesù è diventato un prodotto!!

  4. Lisa Paoli Mori scrive:

    mamma mia,mi ricorda quando un mio amico(che in passato faceva uso di droghe)andava ad evangelizzare ai giovani dicendo”gesù è meglio delle droghe!”oppure”la mia droga è gesù” O___o impariamo a predicare come si conviene!

  5. gennaro scrive:

    MOLTE CHIESE A.D.I. SONO DELLE PICCOLE AZIENDE. NON NASCONO PIU VERI PASTORI COME QUELLI ANTICHI SI COMPORTANO COME IMPRESE E SI RACCOMANDANO L’U ALTRO DA PADRE IN FIGLIO COME CAPI DI AZIENDE. SE NON SIETE RACCOMANDATI NON POTETE ACCEDERE DI ESSERE DEI PASTORI.

  6. Roberto scrive:

    Questo ragazzo è Ugo Di Iorio, non ha mai fatto la Scuola biblica. Non fate di tutta l’erba un fascio perché esistono ancora molti giovani che si rammaricano per l’andazzo generale e si studiano di predicare la Parola con franchezza e in una buona coscienza davanti a Dio.
    Troppo facile generalizzare, ci sono giovani appartenenti alle Chiese delle Assemblee di Dio in Italia che servono il Signore in posti sperduti, molto meno in vista e senza andare in tv. Dio benedica voi e loro.

    • giacintobutindaro scrive:

      Speriamo allora che questi giovani vengano visitati da Dio e Dio gli faccia intendere che le ADI insegnano tante menzogne, e che quindi comincino a confutare dai pulpiti anche le menzogne delle ADI. Se hanno una buona coscienza davanti a Dio o cercano di avere una buona coscienza, certamente lo faranno.

  7. Roberto scrive:

    Perciò non è stato corretto scrivere che questa persona è uno studente della Scuola Biblica e prendersela con i giovani pastori ADI, dato che costui, anche se in questo caso predicava, non è un pastore.
    Certo non siamo qui per “scovare il pelo nell’uovo”, ma era giusto per farvi sapere che c’è qualcosa di inesatto.

    • giacintobutindaro scrive:

      Comunque, il mio giudizio non cambia. E poi i ‘pastori’ delle ADI, non predicano ma leggono messaggi scopiazzati da altri o presi da qualcuno che li ha già predicati, ma non predicano da parte di Dio con ogni franchezza TUTTO QUELLO CHE DIO VUOLE CHE SIA I PECCATORI CHE I SANTI ASCOLTINO. Le loro predicazioni spesso non hanno nè capo e nè coda, sono ambigue, piene di omissioni, ecc. ecc. Quindi anche se questo giovane non ha fatto la scuola biblica delle ADI di Roma, di sicuro è il frutto della scuola ADI, che insegna a parlare e predicare in una maniera sbagliata e a dire cose sbagliate.

  8. franco scrive:

    @ Roberto

    Che ne sai che non è mai stato studente della scuola biblica? E se non era nemmeno studente all’epoca, a che titolo gli è stato permesso di predicare?
    Forse ha ragione Gennaro del dichiarare che nelle ADI vige il NEPOTISMO, dove un pastore si sente in diritto di fare provare a suo figlio l’ebrezza di arringare la propria chiesa? Quanti altri pastori nelle ADI si permettono il lusso di dare il pulpito a propri parenti oppure a parenti di altri loro colleghi pastori? Non pensano costoro che nell’esercizio del ministerio non devono esserci favoritismi?

    Se c’è qualche pastore che legge il mio messaggio, faccia mente locale e nel dubbio, chieda luce al Signore!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.