Ercolano, Chiesa negata agli Evangelici: assessore aggredito

‘Dai sorrisi alle lacrime, dai canti alle aggressioni, dalle preghiere alle minacce. Si è conclusa nel peggiore dei modi, con un ferito, qualche ceffone ed un vicesindaco imprigionato in una macchina dei vigili urbani, la tanto attesa marcia di protesta realizzata, nella mattinata di ieri, dalla comunità evangelica ercolanese. La manifestazione, volta essenzialmente ad ottenere l’autorizzazione per la costruzione di una tendo struttura da adibire a chiesa su un terreno di Via Panoramica-Caprile, acquistato nel 1999 dai fedeli per la cifra di 300mila euro, è infatti stata scandita, specie nel suo epilogo, da attimi di tensione degni di una vera e propria guerriglia urbana. Ad innescare le ire della folla, in tutto un centinaio di persone racchiuse al di là di striscioni e cartelli, sarebbe stata, secondo quanto riferito dai presenti “la fuga” del vicesindaco, Antonello Cozzolino, reo di aver dribblato, utilizzando una strada secondaria, i vivaci manifestanti. Eppure, riavvolgendo il nastro dell’intensa giornata, nulla o quasi, pareva lasciar presagire i tumulti che ne hanno caratterizzato il finale. I fedeli, tra canti e preghiere, si erano infatti ritrovati, con fare sereno e sorridente, presso il famoso appezzamento di terreno di Via Paroramica, intorno alle 8,30 del mattino. La marcia, rumorosa ma ordinata, ha così percorso, accompagnata dagli sguardi sorridenti di passanti ed automobilisti, l’intera città sino a giungere al municipio. Una volta arrivati nel tratto di Corso Resina che costeggia la casa comunale, i fedeli, guidati dal pastore Gaetano Riccio, hanno dato vita al pacifico show di canti e preghiere che in alcuni momenti ha anche coinvolto attivamente i numerosi passanti. Almeno sino al momento in cui, ai fedeli, è stata comunicata l’assenza del sindaco, Vincenzo Strazzullo e dell’assessore all’urbanistica, Salvatore Solaro.

La notizia, giunta quasi subito all’orecchio dei manifestanti, è stata immediatamente interpretata come un offesa, o meglio “come l’ennesimo atto d’emarginazione religiosa”. Il vicesindaco, Antonello Cozzolino, uno dei pochi rappresentanti politici presenti in quel momento all’interno della casa comunale, constatata la situazione, ha così invitato, nei propri uffici, una delegazione di fedeli, al fine di giungere ad una soluzione condivisa. Gli evangelici, però, nonostante le sollecitazioni di Polizia e Vigili Urbani, hanno più volte rifiutato d’incontrare Cozzolino, reputando l’incontro “l’ennesima perdita di tempo”. L’assessore, imprigionato nel comune dal mattino, ha così deciso di uscire intorno alle 12 da Vico Posta, una traversa adiacente al municipio alla quale si accede dalla villa comunale. Appena Cozzolino è salito sull’auto dei vigili sita di fronte alla traversa, però, la vettura è stata presa d’assedio dai manifestanti. Uno di loro, un uomo sui 60 anni, è stato addirittura investito dalla macchina che con fatica provava a farsi spazio tra la folla inferocita. Mentre il fedele ferito giaceva sul selciato, circa una decina di rappresentanti della comunità evangelica, sordi ai rimproveri del pastore Riccio, che con foga provava a sedare gli animi, aggredivano l’auto nella quale era imprigionato l’assessore, colpendola ripetutamente con calci e pugni. Scosso dalle grida, sul posto è poi giunto anche il presidente del consiglio comunale Rory Oliviero, che con serenità è riuscito a stemperare le tensioni, consentendo al vice sindaco di uscire dalla vettura per dirigersi, scortato da due agenti della polizia, sino alla sua macchina.

ERCOLANO – 18/11/2011 –

CIRO FORMISANO

La Chiesa in questione appartiene alla denominazione ‘Chiesa Apostolica in Italia’

Da: http://www.metropolisweb.it

————————-

Ma non è forse scritto: “La vostra mansuetudine sia nota a tutti gli uomini” (Filippesi 4:5)? Certo è che queste manifestazioni di intemperanza da parte di taluni che si dicono Evangelici non fanno altro che far biasimare la Parola di Dio.

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Chiesa Apostolica in Italia, Comportamenti disordinati, Cose strane e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Ercolano, Chiesa negata agli Evangelici: assessore aggredito

  1. nicola iannazzo scrive:

    Certo che sembra incredibile vedere dei credenti evangelici passare da un “…pacifico show di canti e preghiere”, addirittura ad aggredire poco più tardi “…l’auto nella quale era imprigionato l’assessore, colpendola ripetutamente con calci e pugni”.
    Dico “sembra incredibile” se non fosse che questa è la chiara dimostrazione di quanta ipocrisia e quante false conversioni vi siano oggi in mezzo alle chiese.
    Persone che magari a noi ci rimproverano di non avere amore, ma che poi proprio loro sarebbero prontissimi a metterti le mani adosso se provando a contraddirli oppure ad ammonirli, te li trovassi di fronte!

  2. mario prospero scrive:

    in effetti la cosa grave è la mentalità che si è diffusa nelle chiese che porta a fare debiti ed a acquistare terreni quando ancora non si ha un progetto ne le autorizzazioni.la chiesa entra in questo meccanismo:
    1) si fanno debiti con ipoteche da parte dei pastori e dei loro collaboratori
    2) si acquista un terreno a basso costo cioè non edificabile
    3) si approcciano le autorità per spingerle a “chiudere un occhio” o a dare l’autorizzazione stessa in base a leggi ad hoc sugli edifici a scopo di culto

    nel frattempo la chiesa deve continuare a pagare l’affitto del locale,deve pagare il mutuo del terreno e deve cercare soldi per costruire. il tutto sperando che i tecnici del comune e la giunta siano abbastanza collaborativi da concedere in tempo le opportune autorizzazioni.inutile dire che questo modo di agire è avventato e antibiblico in qunto la parola dice di agire con prudenza e di non fare debiti.i pastori inoltre si caricano di molte pressioni e si mettono nella condizione di dover chiedere soldi del continuo per completare la loro opera.diventano anche molto impegnati in pratiche burocratiche varie,devono stare dietro a assessori,sindaci banche…..e magari quelli di loro che sono più spirituali devono anche trovare il tempo per curare le anime e per evangelizzare!!!non ironizzo,queste cose stanno accadendo sul serio e se poi le cose vanno storte o per le lunghe ecco che i credenti diventano anche nervosi e violenti…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.