Fanno i desideri del padre loro

Dice bene la Sapienza: “Il giusto odia la menzogna, ma l’empio getta sugli altri vituperio ed onta” (Proverbi 13:5). Coloro quindi che hanno il nome di Cristiani ma che sono dati a calunniare e diffamare sono EMPI. E vi ricordo che le calunnie e le diffamazioni sono ACCUSE INVENTATE, senza quindi nessuna prova. Costoro sono figli del diavolo, che è il calunniatore dei fratelli, e fanno i desideri del padre loro. Li aspetta il tormento eterno. Guardatevi da essi.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Meditazioni e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Fanno i desideri del padre loro

  1. C’è una razza di gente che per difendersi usa il seguente passo:
    “Beati voi, quando v’oltraggeranno e vi perseguiteranno e, MENTENDO, diranno contro a voi ogni sorta di male per cagion mia.” (Matteo 5:11)
    citando questo passo vogliono significare che Giacinto Butindaro quando parla contro le organizzazioni e le chiese le sta oltraggiando e offendendo. Ma costoro dimenticano volontariamente che la parola chiave principale per la comprensione di quel passo è il verbo “MENTENDO”, quindi, per poter dire che Giacinto insulta la chiesa di Dio devono anche dimostrare in cosa consiste la MENZOGNA contro di loro, fino a quando non dimostrano quali cose siano menzogna, non possono usare quel passo a loro favore legittimamente.
    Anche Gesù accusava i farisei di annullare la Legge di Dio e la sostituivano con le loro tradizioni, ma Gesù era verace nelle accuse, ha detto loro la verità, quindi i farisei non potevano citare le sue stesse parole di Matteo 5:11 per accusarlo di oltraggio e di accuse false.
    Ancora voglio citare anche le parole dell’apostolo Paolo:
    “Noi non diamo motivo di scandalo in cosa alcuna, onde il ministerio non sia vituperato; ma in ogni cosa ci raccomandiamo come ministri di Dio per una grande costanza, per afflizioni, necessità, angustie, battiture, prigionie, sommosse, fatiche, veglie, digiuni, per purità, conoscenza, longanimità, benignità, per lo Spirito Santo, per carità non finta; per la parola di verità, per la potenza di Dio; per le armi di giustizia a destra e a sinistra, in mezzo alla gloria e all’ignominia, in mezzo alla buona ed alla cattiva riputazione; tenuti per seduttori, eppur veraci; sconosciuti, eppur ben conosciuti; moribondi, eppur eccoci viventi; castigati, eppur non messi a morte; contristati, eppur sempre allegri; poveri, eppure arricchenti molti; non avendo nulla, eppur possedenti ogni cosa!
    La nostra bocca vi ha parlato apertamente, o Corinzi; il nostro cuore s’è allargato.” (2 Corinzi 6:3-11)

    Come fece Paolo, così anche Butindaro, io ed anche altri fratelli, parliamo apertamente a coloro che sono disordinati, che fanno parte, è vero, della Chiesa di Cristo, ma sono disordinati ed hanno urgente bisogno di rimettersi in ordine davanti al Signore, come ne avevano bisogno i Corinzi e Paolo ha scritto loro ammonendoli e mettendo ordine in ogni cosa.
    Tuttavia, benché l’apostolo Paolo fosse sincero, dicesse la verità e parlasse per il bene della Chiesa di Corinto e non per il loro male, pure c’erano quelli che lo accusavano di avere una cattiva reputazione, di essere un seduttore.
    Ogni accusa va provata, se non viene provata è una calunnia, e chi la proferisce e non la prova è un calunniatore da cui guardarsi, e in certi casi è da abbandonare immediatamente perché il suo veleno, la sua falsità, la sua menzogna, può arrivare a danneggiare fortemente la buona coscienza dei fratelli.
    Diletti nel Signore, voi tutti membri delle ADI e di tutte le altre organizzazioni, riflettete attentamente, per comprendere chi è che vi sta sfruttando prendendo da voi denaro, ingannando vendendovi libri manipolati, insegnandovi delle cose che non sono utili alla vostra anima, nascondendovi il regolamento e certe dottrine della Parola, etc..
    Fatevi delle domande, fratelli, perché la Chiesa è vostra, i ministri sono al vostro servizio, e non il contrario, infatti Gesù è venuto PER SERVIRE la Chiesa, così anche i suoi ministri sono stabiliti PER SERVIRE LA CHIESA, come è scritto:
    “.. il Figliuol dell’uomo non è venuto per esser servito MA PER SERVIRE, e per dar la vita sua come prezzo di riscatto per molti.” (Matteo 20:28).
    Fratelli, domandate, accertatevi di ogni cosa, chiedete conto dei vostri soldi dati in offerta, e di tutto ciò che riguarda la comunità e l’organizzazione tutta, perché E’ TUTTO VOSTRO, e i DIRIGENTI devono servire voi, e non il contrario.
    Che Dio benedica il suo popolo e tutti i veri servitori di Dio che operano per servire la Chiesa di Cristo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.