La ‘moda del serpente’ nell’anno del serpente

anno-del-serpente

Il 10 febbraio 2013 è iniziato l’anno del serpente secondo il calendario cinese, e in ragione di ciò tra le donne (partendo dalle attrici, modelle, cantanti ecc.) si sta affermando sempre di più l’uso di gioielli e di accessori a forma di serpente. Ecco alcuni esempi molto eloquenti di questa bigiotteria che si rifa al serpente.

gioielli-01

gioielli-02

gioielli-03

gioielli-04

gioielli-05

gioielli-06

Questa moda del serpente – come l’ho definita io – è una delle tantissime prove che tutto il mondo giace nel maligno, che nella Bibbia viene chiamato proprio ‘il serpente’ secondo che è scritto: “il serpente sedusse Eva con la sua astuzia” (2 Corinzi 11:3), ed anche ‘il serpente antico’ secondo che è scritto: “E il gran dragone, il serpente antico, che è chiamato Diavolo e Satana, il seduttore di tutto il mondo, fu gettato giù; fu gettato sulla terra, e con lui furon gettati gli angeli suoi” (Apocalisse 12:9). Ecco perchè le opere del mondo sono malvagie.

I Cristiani però sono chiamati a non conformarsi alle concupiscenze di questo mondo malvagio che è sotto la potestà del serpente antico, secondo che è scritto: “Io vi esorto dunque, fratelli, per le compassioni di Dio, a presentare i vostri corpi in sacrificio vivente, santo, accettevole a Dio; il che è il vostro culto spirituale. E non vi conformate a questo secolo, ma siate trasformati mediante il rinnovamento della vostra mente, affinché conosciate per esperienza qual sia la volontà di Dio, la buona, accettevole e perfetta volontà” (Romani 12:1-2), ed anche: “Come figliuoli d’ubbidienza, non vi conformate alle concupiscenze del tempo passato quand’eravate nell’ignoranza; ma come Colui che vi ha chiamati è santo, anche voi siate santi in tutta la vostra condotta; poiché sta scritto: Siate santi, perché io son santo” (1 Pietro 1:14-16). E non solo a non conformarsi ad esse, ma anche a riprovarle con forza ed ogni franchezza.

Ed una delle concupiscenze mondane a cui devono rifiutarsi di conformarsi le donne che sono in Cristo è quella di mettersi gioielli addosso, secondo che è scritto: “Similmente che le donne si adornino d’abito convenevole, con verecondia e modestia: non di trecce e d’oro o di perle o di vesti sontuose, ma d’opere buone, come s’addice a donne che fanno professione di pietà” (1 Timoteo 2:9-10), ed anche: “Il vostro ornamento non sia l’esteriore che consiste nell’intrecciatura dei capelli, nel mettersi attorno dei gioielli d’oro, nell’indossar vesti sontuose ma l’essere occulto del cuore fregiato dell’ornamento incorruttibile dello spirito benigno e pacifico, che agli occhi di Dio è di gran prezzo. E così infatti si adornavano una volta le sante donne speranti in Dio, stando soggette ai loro mariti, come Sara che ubbidiva ad Abramo, chiamandolo signore; della quale voi siete ora figliuole, se fate il bene e non vi lasciate turbare da spavento alcuno” (1 Pietro 3:3-6). Non importa che forma hanno i gioielli e di che materiale siano fatti, quindi, ogni donna in Cristo (come anche ogni uomo) non li deve indossare per potersi santificare nel timore di Dio e piacere quindi a Dio.

Concludo ricordandovi le parole dell’apostolo Giovanni: “Non amate il mondo né le cose che sono nel mondo. Se uno ama il mondo, l’amor del Padre non è in lui. Poiché tutto quello che è nel mondo: la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita non è dal Padre, ma è dal mondo. E il mondo passa via con la sua concupiscenza; ma chi fa la volontà di Dio dimora in eterno” (1 Giovanni 2:15-17).

Chi ha orecchi da udire, oda.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Comportamenti disordinati, Cose strane, Esortazioni, Ornamento esteriore della donna e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.