Crimini legati al Satanismo

emblema-chiesa-satana

“Egli [il diavolo] è stato omicida fin dal principio e non si è attenuto alla verità, perché non c’è verità in lui. Quando parla il falso, parla del suo, perché è bugiardo e padre della menzogna” (Giovanni 8:44).

Il Satanismo è il culto a Satana (su un sito di una setta satanica si legge: ‘Noi crediamo realmente nell’esistenza di Satana, ma non come raffigurazione di noi stessi, bensì come vero dio al quale riportiamo adorazione’), ed è molto diffuso nel mondo. La bibbia Satanica definisce il Satanismo in questi termini: ‘Il Satanismo … è una religione della carne, del mondano, del carnale – tutte cose che sono governate da Satana’ (The Satanic Bible, The Book Of Lucifer, pag. 52)
Il Satanismo istiga ad uccidere. Ci sono omicidi che è stato accertato dalle autorità giudiziarie sono stati compiuti in virtù di patti o riti satanici.
Le Bestie di Satana era il nome di un gruppo di giovani della provincia di Varese, i quali sono stati responsabili di vari omicidi e di un’induzione al suicidio a sfondo satanista. La magistratura, con sentenza della Corte di cassazione pronunciata nel 2007, ha ritenuto i membri della setta responsabili degli omicidi di Mariangela Pezzotta (2004), Chiara Marino, Fabio Tollis e del relativo occultamento di cadavere (1998); e del suicidio indotto di Andrea Bontade (1998) e di altri giovani che avevano rapporti con l’organizzazione.
Due ragazze studentesse nel 1998 a Castelluccio dei Sauri (Foggia) uccidono una loro amica, in seguito ad istigazione satanica. Questo è risultato in seguito ad alcune intercettazioni telefoniche e alle perquisizioni delle abitazioni delle due ragazze, in cui sembra si siano rinvenute lettere, libri, oggetti personali (un medaglione) e quadri raffiguranti immagini sataniche. Il movente fornito dalle ragazze, nel corso degli interrogatori con le forze di polizia, è quello di aver ucciso la ragazza su ordine del padre defunto di una delle ragazze omicide, apparso in sogno.
Tre ragazze di Chiavenna (Sondrio) nel giugno del 2000 compiono un omicidio (uccidono una suora) seguendo un rito satanico, una sorta di sacrificio compiuto nel nome di Satana al quale le tre ragazze si erano votate.
Molti delitti insoluti sono stati compiuti da Satanisti. Lo studioso di esoterismo Guido Guidi Guerrera, in un’intervista in Appendice al libro di Danilo Arona e Gian Maria Panizza ‘Satana ti vuole’ (Corbaccio, Milano 1995), parlando dei crimini satanici, afferma: ‘…in Calabria nove o dieci anni fa, mi sembra, …si sono susseguiti vari delitti verosimilmente d’impronta satanica’ e aggiunge ‘Comunque esistono altri aspetti del satanismo criminale che si è portati a trascurare… spesso celati nella cronaca sotto forma di un apparente scoppio di follia. E invece dietro a tutto ciò si può intuire spesso la mano del Magus nero, che ha armato il neofita e lo ha trasformato in un assassino. Bisognerebbe prestare attenzione a un certo genere di notizie, quando ad esempio un uomo deve uccidere la moglie, perché ‘posseduta’ da Satana, o quando qualcuno si alza nel cuore della notte e massacra la famiglia’.
Che Satana istiga ad uccidere è confermato da delle testimonianze di fratelli nella fede che prima della loro conversione erano Satanisti che raccontano come il diavolo li spingeva ad uccidere.
Uno di questi, David Berkowitz, ha raccontato: ‘Nel 1975 comunque io incontrai alcuni individui ad una festa che erano, lo scoprii dopo, profondamente coinvolti nell’occulto. Da quando ero un bambino ero sempre stato affascinato dalla magia, dal satanismo e dalle cose occulte. Man mano che crescevo io guardai films di orrore e satanici in numero infinito, uno dei quali fu Rosemary’s Baby. Il cinema in particolare affascinava totalmente la mia mente. Adesso avevo 22 anni e questa forza malvagia mi colpiva ancora. Dovunque mi recavo sembrava esserci un segno o un simbolo che mi indicasse Satana. Mi sentii come se qualcosa stava cercando di prendere il controllo della mia vita. Cominciai a leggere la bibbia satanica fatta dal defunto Anton LaVey che ha fondato la chiesa di Satana in San Francisco nel 1966. Io cominciai, innocentemente, a praticare vari rituali e incantesimi occulti. Io sono profondamente convinto che qualcosa di satanico era entrato nella mia mente e che, guardando a quello che accadde, io comprendo che ero stato lentamente sedotto. Io non sapevo che da tutto ciò sarebbero scaturite cattive cose. Eppure col passare dei mesi le cose che erano malvagie non sembravano più tali. Ero diretto giù per la strada della distruzione e non lo sapevo. E’ possibile che io ero ad un punto in cui non me ne importava niente. Alla fine sorpassai la linea invisibile del non ritorno. Dopo anni di tormento mentale, di problemi comportamentali, di profonde lotte interne e delle mie proprie vie ribelli, io diventai il criminale che, a quel tempo sembrava fosse il destino che io diventassi. Guardando indietro esso fu tutto un orribile incubo e farei qualsiasi cosa se potessi distruggere tutto ciò che accadde. Sei persone persero la loro vita. Molte altre soffrirono per mano mia, e continueranno a soffrire per tutta una vita. Io sono così dispiaciuto per ciò’ (da: Figlio della speranza. La mia storia’ http://www.lanuovavia.org/testimonianze_conversioni37.html)
Il satanismo è spesso collegato anche alla pedofilia, che è l’attrazione erotica verso i bambini, che implica reati come violenza sessuale e atti osceni nei confronti dei bambini, cose che avvengono tra i Satanisti.
Ogni anno scompaiono nel mondo moltissimi bambini, di cui una buona parte finiscono nelle grinfie di coloro che sono devoti a Satana, e questi bambini vengono violentati e abusati durante i riti satanici e molti di loro anche sacrificati a Satana.
Il giornale ‘La Stampa’ del 8/2/87 riportava la notizia di una sètta satanica americana che reclutava bambini. Ecco quanto scriveva il quotidiano: ‘La sètta, ‘Gli scopritori’ (Finders), fondata a Washington da un ‘santone’ che oggi ha 66 anni, Marion Pettie, si serve dei piccoli per i suoi riti demoniaci, imperniati sul sacrificio di animali e, si sospetta, anche su pratiche sessuali. …La scoperta dell’organizzazione, sorta dai resti di una comune di hippies degli Anni Sessanta, ha sconvolto la capitale e tutti gli Stati Uniti’.
Secondo alcuni ci sarebbe una rete organizzata criminale a livello mondiale – trainata dal movimento del culto a Satana – che si occupa di reperire bambini per gente pervertita che ne abusa poi a proprio piacimento.
Uri Dowbenko ha scritto nel n. 23 (edizione italiana) della rivista Nexus. New Times: ‘Bambini scomparsi, violenze sessuali su di essi e pedofilia a livello mondiale puntano tutti verso il coinvolgimento di una rete organizzata di criminali di alto livello che controllano di nascosto il sistema legale. L’ex agente del FBI ed investigatore privato Ted Gunderson si trova d’accordo. Egli sostiene che “esiste una considerevole sovrapposizione di vari gruppi e organizzazioni, tuttavia la forza trainante è rappresentata dal movimento del culto satanico odierno’.
Una drammatica testimonianza di questi orrori viene da un giovane recluso, Paul Bonacci, detenuto al centro correzionale di Lincoln, in isolamento, perché più volte minacciato di morte, per via di accuse gravissime rivolte dal giovane ad insospettabili uomini di potere. Lo psichiatra che lo ha sottoposto a perizia, Beverly Mead, ha dichiarato che il ragazzo è sano di mente e, a suo parere, dice il vero. Bonacci racconta: ‘Ero nelle mani di un gruppo denominato Namba (North American man – Boy Love Association) che mi portava in riunioni a New York o a Boston. All’età di 9 anni, fui portato in un hotel con altri 5 ragazzi e ci hanno costretti ad avere rapporti sessuali mentre ci filmavano. In seguito mi obbligarono ad avere rapporti con bambini. Solo nel 1986 sono riuscito a slegarmi dal gruppo. (…). Nell’estate del 1985, Larry King (leader del progetto repubblicano di aiuti alla comunità di colore americana, ndr) mi portò, insieme ad un altro ragazzo, Nicholas, di Aurora, nel Colorado, in California per girare un film. …c’era un ragazzo in gabbia. (…). Ci fecero spogliare e indossare dei vestiti tipo Tarzan e ci obbligarono ad avere rapporti con il ragazzo nella gabbia. Ci dissero di picchiarlo. (…). Arrivò un uomo e iniziò a sbattere il ragazzo come se fosse una bambola. Prese una pistola, gliela puntò in testa e sparò… (Bonacci poi fa i nomi di alcune delle persone che hanno abusato sessualmente di lui, ndr) Alan Bair, Peter Citron, Larry King, Harry Anderson, il deputato Barney Franks, a Washington. (…). …nel 1984 mi portarono al ranch South Fork, a Dallas, nel Texas, in corso la Convention Repubblicana e Larry King organizzava dei party-pedofili>> (“Avvenimenti”, settimanale, 17 luglio 1991). Paul Bonacci fu testimone anche di un sacrificio umano durante una riunione in onore di Satana: ‘Sono stato testimone del sacrificio umano di un bambino di pochi mesi. Era la ricorrenza del tempo della nascita di Cristo e, in questo rituale annuale, tutti cantavano per pervertire il sangue di Cristo. Con un pugnale uccisero e fecero a pezzi il bambino; poi riempirono una coppa col suo sangue mescolandola ad urina e ci obbligarono a bere dalla coppa mentre loro cantavano: ‘Satana è il Signore…’ (DeCamp J., The Franklin Cover-up, AWT, Inc. Lincoln, Nebraska 1992).
In più parti del mondo si conoscono casi di bambini sacrificati a Satana. Ecco una terribile conferma: ‘Satana ha preso piede anche in Sudafrica con tutti i raccapriccianti aspetti del suo culto, quali il sacrificio di bambini sgozzati sull’ ‘altare’ del principe delle tenebre… riunioni orgiastiche dove giovanissimi sono obbligati ad avere rapporti sessuali con cani o caproni, i simboli più oleografici di Lucifero’ (‘Corriere della Sera’, 20 maggio 1990).
Le indagini vengono, quasi sempre, insabbiate, vi è come una congiura del silenzio, coperture misteriose. Ted Gunderson, per quanto riguarda gli Stati Uniti, ha affermato: ‘Ho quattro testimonianze particolareggiate di tre detenuti coinvolti in rituali satanici e una di un sacerdote dello Utah, che mi hanno confermato l’esistenza di cinquantamila-sessantamila casi annuali di sacrifici umani. (…). Sono stati ritrovati numerosi cimiteri in tutto il Paese, con decine di cadaveri non identificati e nessuno ha indagato a fondo…’ (‘Avvenimenti’, settimanale, cit.).
I crimini satanici sono in espansione in tutto il mondo. Per quanto concerne l’Inghilterra, Dianne Core, responsabile dell’Istituto Childwatch (Associazione di assistenza e protezione dei minori), ha denunciato connubi dei satanisti con lobby politiche che tendono a coprire le loro efferatezze. La dott.ssa Core ha, tra l’altro, affermato: ‘Purtroppo non abbiamo ancora individuato il vertice della gerarchia che controlla il satanismo in Gran Bretagna. …godono di protezioni ad altissimo livello’.
Pedofili satanisti sono presenti anche a Londra. Il ‘Corriere della Sera’ del 18 marzo 1990, denuncia: ‘Londra. Bambini torturati e violentati nel corso di riti satanici, feti estratti a forza dal ventre di madri minorenni e immolati… Ai confini della realtà suonano, infatti, i racconti di bambine e adolescenti offerte agli alti sacerdoti di una sètta e ai loro adepti per essere violentate. Una volta gravide, le piccole verrebbero costrette ad abortire e il feto di quattro mesi sacrificato per la purificazione dei satanisti che ne berrebbero il sangue o se ne ciberebbero. …Un’inchiesta condotta da 66 gruppi di ricerca della “Società nazionale per la prevenzione della crudeltà contro i bambini” nel Regno Unito conferma l’esistenza di tali pratiche…’.
Il rapporto tra pedofilia e satanismo è stato più volte provato. Diverse inchieste giornalistiche e molti responsabili di centri di protezione per l’infanzia hanno lanciato il messaggio che, più frequentemente di quanto si creda, il racket della prostituzione dei minori e della pedofilia sono gestiti da sètte sataniche.
Telefono Arcobaleno, l’associazione contro la pedofilia il cui direttore è il parroco di Avola (Siracusa), don Fortunato Di Noto, ha scoperto e denunciato un sito satanista che mostra terribili foto di sacrifici umani a Satana e le vittime sono giovanissimi. Di Noto ha affermato: ‘Si aveva il sospetto che il satanismo fosse in qualche modo legato alla pedofilia e ai sacrifici umani. Ma non si erano ancora rinvenuti siti così crudeli da ostentare le foto di sacrifici umani anche su soggetti minorenni. Le immagini a quanto pare non sono risultato di fotomontaggio’ (“Gazzetta del Sud”, sabato 1 Luglio 2000).
Durante il programma ‘Le Iene’ del 3 Febbraio 2010, una ragazza ora venticinquenne – ma all’epoca dei fatti da lei raccontati ne aveva circa cinque – racconta cose raccapriccianti e di una crudezza orribile in merito a delle riunioni sataniche qui in Italia a cui lei partecipò. Ecco qui alcuni dei fatti da lei raccontati: ‘Mio padre mi portò in un salone rustico … c’erano molte persone incappucciate, con il saio nero, e il cappuccio lungo nero a punta … e in un primo rituale, facevano le loro preghiere, le loro cose, le loro invocazioni, e mi infilavano tutti … mi penetravano tutti con il dito perché io ero diventata una parte sacra da sacrificare poi a Satana e loro tutti intorno dovevano ‘santificarsi’ anche loro penetrandomi con il dito all’inizio’ ed ancora: ‘ … andammo sempre sullo stesso posto, e la cosa questa volta fu ancora più particolare, perché venne fatto sempre il rituale, i ringraziamenti, tutto quanto con delle preghiere, con delle parole strane che io non capivo. Venne questo ragazzo, venne inciso con il coltello, il sangue scrosciava, zampillava, scrosciava il sangue, poi ad un certo punto erano come tutti impazziti, erano come tutti impazziti, perché ad un certo punto non capivo più niente, …si movevano in modo strano, dicevano cose strane, ed erano proprio pieni di contentezza, pieni di adrenalina, e alla fine il corpo di questo ragazzo venne fatto a pezzi, questo ragazzino venne fatto proprio letteralmente a pezzi, venne fatto a pezzi e i pezzi vennero sotterrati in punti diversi, non tutti sullo stesso punto’.
In Inghilterra un bambino ha fatto rivelazioni sconcertanti. Il quotidiano “Il Giorno” (15/9/90) scrive: ‘Nei suoi racconti confusi emergono truculente storie di uccisioni di neonati, di tombe aperte di notte, di cannibalismo e di riti misteriosi con diavoli e fantasmi e bambini costretti a bere pozioni misteriose prima di venir violentati e chiusi in gabbia. Le rivelazioni erano state fatte dal piccolo e da sua sorella in marzo, con l’aiuto di bambole e disegni’. Misfatti, che sembrano godere di protezioni ad alto livello.
Il giornalista Maurizio Blondet, nel corso di un’intervista (apparsa su “Teologica”, settembre/ottobre 1996), ha affermato: ‘Certi personaggi praticano strani riti su un’isola vicino a Washington. Sono personaggi di alto livello, si riuniscono, in notti di luna piena, e celebrano dei riti molto particolari. Naturalmente nessuno vuole indagare su questo perché si tratta di gente molto potente. Sono cose che si sussurrano. Allo stesso modo in certi “entourage” politici di alto livello si dice, molto sottovoce, che vengano stuprati dei bambini. Il tutto avviene in un sottofondo rituale di magia nera. Non sono persone comuni che fanno queste cose, si tratta di gente che ricopre altissime cariche, funzionari del Pentagono, etc.’.
Il giornalista Giorgio Medail, nella trasmissione televisiva “Arcana”, trasmessa su Canale 5 (1989) affermava che negli Stati Uniti, secondo fonti attendibili, ogni anno vengono uccisi nel corso di riti satanici 50.000 persone, per lo più giovanissimi.
L’ex direttore dell’FBI di Los Angeles, Ted Gunderson, che ha dedicato molti anni ad indagare sui legami tra le sparizioni dei bambini e i riti satanici, affermò, in una puntata della trasmissione “Arcana”, che le vittime vengono torturate e poi uccise. Gunderson, tra l’altro, denuncia: ‘Durante le mie indagini, ho scoperto che esistono organizzazioni che rapiscono bambini per poi utilizzarli per sacrifici umani durante feste sataniche. Questi fatti coinvolgono, ai più alti livelli politici, avvocati, giudici, gente di potere… Sì, questi gruppi satanici sono indubbiamente coinvolti nel traffico di droga, nella prostituzione minorile, nella pornografia e nella produzione di “snuff-film”… Ho raccolto testimonianze di bambini di otto, nove anni. Avevano disegnato cose orribili: gente, fuoco, un bambino nel fuoco, feticci satanici, bambini torturati. Come può un bambino immaginare cose simili se non le ha vissute?’ (Giovanni Caporaso e M. Cocozza Lubisco, Bambini. Il mercato degli orrori, in “Avvenimenti”, 17 luglio 1991)
Diverse informazioni sul rapporto tra Satanismo e pedofilia e altri crimini le ho tratte dall’articolo ‘ORRORI SUI BAMBINI’ di Giuseppe Cosco http://www.etanali.it/pedofilia.htm

Fonte: Giacinto Butindaro, Contro il Satanismo, Roma 2010

Questa voce è stata pubblicata in Massoneria, Pedofilia, Satanismo e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.