Come mai?

Come mai tanti che si professano servitori di Cristo non soffrono, non si indignano, non piangono e non dicono e non fanno nulla dinnanzi alla miseria, alla cecità, alla nudità e alla povertà spirituale così diffuse nelle Chiese Evangeliche anche qui in Italia?

Quanti che si professano Cristiani che non conoscono le Scritture (tranne che Giovanni 3:16 e forse qualche altro passo come ‘non giudicate’ ma che interpretano pure male!!) e disprezzano chi le conosce, che non sanno discernere il bene dal male, che chiamano il bene male e il male bene, che osannano gli empi e disprezzano i giusti, che non sanno discernere i malvagi dai buoni, i veri servi di Cristo da quelli falsi, che invece che desiderare i doni spirituali desiderano i beni materiali e più ne hanno e più ne vogliono avere, che onorano coloro che hanno voluto arricchire sviandosi così dalla fede, che danno ascolto agli impostori anziché a coloro che gli parlano da parte di Dio, a quelli che gli parlano sempre di cose piacevoli a sentire e li lusingano anziché a coloro che gli dicono cose dure ma vere e quindi utili alla loro crescita spirituale, che scambiano la voce di satana per quella di Dio e viceversa, che arrivano ad attribuire a satana opere che fa Dio, che quando gli parli delle cose di Dio ti guardano come se fossi qualcuno che con il Cristianesimo non ha niente a che fare, che hanno l’animo alle cose della terra anziché alle cose di lassù, che sono carnali anziché spirituali, mondani anziché santi, che quando parlano mostrano una totale mancanza di sapienza e intelligenza spirituale, che sono così vuoti della Parola di Cristo che quando parlano sono un spavento, che hanno una condotta che di Cristiano non ha nulla, che più che Cristiani paiono attori che recitano la parte del Cristiano che hanno imparato dalla loro denominazione, che anziché avere fede in Dio hanno fiducia negli uomini; che non hanno alcun rispetto verso la Scrittura ma la disprezzano sia con le loro parole che con le loro opere facendo diffamare la via della verità.

Eppure costoro non fiatano, non battono ciglio, come se niente fosse. Come mai? Perchè loro stessi sono in questa condizione spirituale miserabile, ma non lo sanno. Come disse il Signore infatti all’angelo della Chiesa di Laodicea: ” …. non sai che tu sei infelice fra tutti, e miserabile e povero e cieco e nudo ….” (Apocalisse 3:17). Proprio così, sono infelici fra tutti, anche se si fanno fotografare sorridendo, ma non lo sanno, ma noi glielo facciamo sapere. E sapete bene come reagiscono …. Guai a loro, perchè hanno rigettato la Parola!

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Meditazioni e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.