Amano la gloria degli uomini anziché la gloria di Dio

Molti in seno alla Chiesa, pur professandosi Cristiani, vivono e parlano come se non sapessero chi è Cristo Gesù, come se non avessero mai letto la sua storia, come neppure la vita degli apostoli che furono imitatori di Cristo. In altre parole si comportano e parlano ignorando cosa sia il Cristianesimo, ossia cosa significa seguire e servire Cristo.

A chi mi riferisco? Mi riferisco a quelli che, essendo gonfi e superbi e vanagloriosi, volendo diventare qualcuno nel mondo (ottenendo fama, potere e ricchezze), hanno la smania di ricevere complimenti e lodi da parte del mondo. Sono del continuo affaccendati ad accattivarsi l’amicizia dell’uno e dell’altro, possibilmente personaggi di un certo livello sociale, per essere da loro lodati e mostrare queste lodi ricevute. Per non parlare poi della loro mania di farsi fotografare con questi uomini e queste donne del mondo, e di mettere in bella mostra queste loro fotografie per mostrare chi sono, che loro conoscono Tizio, Caio e Sempronio. Stanno facendo carriera nel mondo, stanno salendo sempre di più nella società. Loro dicono – illudendosi e illudendo gli altri – che Dio li sta benedicendo e onorando, e così pensano i loro amici insensati come loro, quando in effetti loro sono persone che, se un giorno hanno creduto, poi avendo fatto getto della buona coscienza, hanno naufragato quanto alla fede. Sono infatti amanti del mondo, e quindi vengono amati dal mondo. Il mondo non può odiarli – come odiò Gesù e gli apostoli – perchè loro non testimoniano del mondo che le sue opere sono malvagie; il mondo non può sprezzarli – come disprezzò Gesù e gli apostoli – perchè loro non si santificano nel timore di Dio ma si corrompono seguendo le concupiscenze mondane; il mondo non può perseguitarli – come perseguitò Gesù e gli apostoli – perchè loro non volendo essere perseguitati per la croce di Cristo hanno deciso di crearsi una dottrina tutta loro, che praticamente si basa sui principi della Massoneria che sono ‘libertà, uguaglianza e fratellanza’. Come può dunque il mondo non amarli se essi si sono conformati al mondo parlando, ragionando e vivendo come questo mondo, che giace tutto quanto nel maligno, in quanto amano la gloria degli uomini anziché la gloria di Dio?

Queste persone hanno solo il nome di Cristiani, perchè nella realtà, essendo amici del mondo sono nemici di Dio, secondo che è scritto: “O gente adultera, non sapete voi che l’amicizia del
mondo è inimicizia contro Dio? Chi dunque vuol essere amico del mondo si rende nemico di Dio” (Giacomo 4:4).

Guardatevi e ritiratevi da essi, perchè sono la vergogna del Vangelo, perchè mentre l’apostolo Paolo diceva: “Anzi, a dir vero, io reputo anche ogni cosa essere un danno di fronte alla eccellenza della conoscenza di Cristo Gesù, mio Signore, per il quale rinunziai a tutte codeste cose e le reputo tanta spazzatura affin di guadagnare Cristo ….” (Filippesi 3:8), loro hanno rinunciato a seguire e servire Cristo pur di guadagnare il favore del mondo, e quindi la gloria degli uomini. Guai a loro. Porteranno la pena della loro ribellione e stoltezza.

Quanto a noi continueremo a seguire e servire Cristo, studiandoci di conservare una buona coscienza davanti a Dio e davanti agli uomini, il che significherà continuare ad essere odiati, perseguitati e vituperati da questo mondo a cagione di Cristo, ma ciò per noi è motivo di gioia perchè Gesù ci ha detto: “Beati voi, quando v’oltraggeranno e vi perseguiteranno e, mentendo, diranno contro a voi ogni sorta di male per cagion mia. Rallegratevi e giubilate, perché il vostro premio è grande ne’ cieli; poiché così hanno perseguitato i profeti che sono stati prima di voi” (Matteo 5:11-12). Avete notato? I profeti, che erano uomini santi e che cercavano la gloria di Dio e quindi per questo erano approvati e graditi da Dio, furono odiati e perseguitati dagli uomini perchè servivano Dio. Ma in mezzo al popolo sorsero anche falsi profeti, che invece furono apprezzati e onorati dagli uomini perchè erano malvagi e con le loro parole compiacevano ai malvagi fortificando le loro mani, ma furono riprovati e castigati da Dio. Quelli che cercano e amano la gloria degli uomini seguono le orme dei falsi profeti, infatti Gesù ha detto: “Guai a voi quando tutti gli uomini diran bene di voi, perché i padri loro facean lo stesso coi falsi profeti” (Luca 6:26). Questo ci mostra che coloro che sono nelle tenebre parlano bene di chi è nelle tenebre, mentre calunniano la buona condotta dei santi.

Preferiamo quindi essere considerati dal mondo “come la spazzatura del mondo, come il rifiuto di tutti” (1 Corinzi 4:13) ma essere amici di Dio, anzichè essere visti come qualcosa di eccelso ma essere un abominazione dinnanzi a Dio (Luca 16:15).

Rigettate la gloria e il plauso del mondo, la fama, il potere e le ricchezze, che il principe di questo mondo vi offre per farvi smettere di seguire e servire Cristo. Resistetegli stando fermi nella fede.

Chi ha orecchi da udire, oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni, Esortazioni e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Amano la gloria degli uomini anziché la gloria di Dio

  1. vera poloni scrive:

    Pace a tutti.
    Ho notato che molti di questi sedicenti pastori e “credenti” utilizzano i social network proprio a questo scopo
    Diventano personaggi pubblici tipo i vip, pubblicano foto di cerimonie, godono nel farsi adulare e mischiano le cose Sante di Dio con la mondanità. Fanno un minuzioso diario delle loro vite alla barba del senso di privacy e dell’umiltà.
    Che tristezza.
    Il Signore ci preservi da questo orrore.
    Vera

  2. Vera Poloni scrive:

    Pace.
    Al precedente commento aggiungo che conosco una persona che va per le chiese portando la sua testimonianza, lucrando sulle cose Sante di Dio, facendosi fotografare con pastori, facendo un rendiconto minuzioso di questi suoi viaggi. Naturalmente poi dice di fare tutto questo per la gloria di Dio. Ha numerosi “credenti” che lo seguono e che insieme ad alcuni pastori lo adulano. Ho avuto purtroppo a che fare con
    questa persona e so per certo che è bugiarda e profittatrice. Purtroppo le chiese sono piene di queste persone che approfittando della disavvedutezza altrui, disonorano il nome del Signore.
    Ma sicuramente un giorno saranno svergognati e dovranno rispondere dei loro comportamenti.
    Ma noi abbiamo il Signore che ci protegge e ci mette in guardia. Devo dire che se mi sono fatta raggirare la colpa è soltanto mia perché lo Spirito Santo mi aveva fatto comprendere la doppiezza di questa persona ed io caparbiamente non ho voluto ascoltare.
    Dio ci benedica
    Vera Poloni

    • Gaetano scrive:

      Hai ragione Vera,c’è ne sono tanti di questi approfittatori.Tu hai agito in buona fede,ma come hai detto tu dobbiamo farci guidare dallo Spirito Santo,cosi’ siamo sicuri di non sbagliare.Dio un giorno metterà in luce anche i pensieri degli uomini,perchè non c’è nulla di nascosto che non abbia ad essere manifestato.Dio ti benedica

  3. vera poloni scrive:

    Pace fratello Gaetano.
    Grazie per le tue parole. Noi andiamo avanti per la nostra strada seguendo i comandamenti del Signore. Chi ci fa del male e non se ne pente dovrà vedersela con Lui perché noi siamo preziosi agli occhi Suoi.
    Egli benedica anche te.
    Vera

    • Gaetano scrive:

      Pace sorella Vera.Si il Signore nella sua infinita bontà,da del tempo per ravvedersi a quelle persone che si comportano spesso in modo indegno(apocalisse 2:21),ma non tutti sono disposti ad accettare la correzione spesso pesante del Signore.Il fine della correzione è riportare la persona al pentimento, riconciliazione con Dio e con il suo prossimo,confessando e restituendo il maltolto.Che l’onnipotente ci benedica ogni istante della nostra vita.Pace e una serena giornata.

      Gaetano

  4. vera poloni scrive:

    Pace Gaetano.
    Concordo pienamente. Purtroppo ci sono persone, come nel mio caso, che restituiscono il maltolto non perché comprendano il loro sbaglio ma in quanto costretti dalle circostanze. A tutt’oggi questa persona non mi ha porto le sue scuse, anzi è convinto di essere nel giusto. Ad ogni modo io ho perdonato, Lui dovrà rendere conto al Signore del suo comportamento. Il Signore vuole un pentimento e un ravvedimento sinceri non fatti perché costretti o per salvare la propria reputazione.
    Una serena giornata anche a te.
    Dio ci benedica
    Vera Poloni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.