Gesù Cristo è seduto alla destra di Dio nei luoghi celesti

gesu-cielo-blog

Gesù Cristo, dopo che risuscitò dai morti a cagione della nostra giustificazione, fu assunto in cielo e si pose a sedere alla destra di Dio. Fu Dio Padre a farlo sedere alla propria destra, “ne’ luoghi celesti, al di sopra di ogni principato e autorità e potestà e signoria, e d’ogni altro nome che si nomina non solo in questo mondo, ma anche in quello a venire” (Efesini 1:20-21), avendogli dato “il nome che è al disopra d’ogni nome, affinché nel nome di Gesù si pieghi ogni ginocchio nei cieli, sulla terra e sotto la terra, e ogni lingua confessi che Gesù Cristo è il Signore, alla gloria di Dio Padre” (Filippesi 2:9-11).

Gli angeli in cielo gli sono sottoposti ed è ordinato loro di adorarlo, secondo che ha detto Dio: “Tutti gli angeli di Dio l’adorino!” (Ebrei 1:7). E difatti Giovanni nella visione che ebbe sull’isola di Patmo, udì “una voce di molti angeli attorno al trono e alle creature viventi e agli anziani; e il numero loro era di miriadi di miriadi, e di migliaia di migliaia, che dicevano con gran voce: Degno è l’Agnello che è stato immolato di ricever la potenza e le ricchezze e la sapienza e la forza e l’onore e la gloria e la benedizione” (Apocalisse 5:11-12).
Gesù Cristo dunque, che era stato fatto da Dio di poco inferiore agli angeli, è stato da Lui coronato di gloria e di onore e questo a motivo della morte sulla croce che Egli ha patita per noi, per compiere la propiziazione dei nostri peccati e riconciliarci tramite di essa con Dio.

Ma Gesù ha promesso che ritornerà dal cielo, e quando ciò avverrà i morti in Cristo risusciteranno incorruttibili, e noi viventi saremo mutati, e verremo insiem con loro rapiti sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria. Allora si compirà la redenzione del nostro corpo, che noi aspettiamo con fede e pazienza.

Poi – come dice l’apostolo Paolo – “verrà la fine, quand’egli avrà rimesso il regno nelle mani di Dio Padre, dopo che avrà ridotto al nulla ogni principato, ogni potestà ed ogni potenza. Poiché bisogna ch’egli regni finché abbia messo tutti i suoi nemici sotto i suoi piedi” (1 Corinzi 15:24-25).

Siamo grandemente consolati dunque noi “che abbiam cercato il nostro rifugio nell’afferrar saldamente la speranza che ci era posta dinanzi; la quale noi teniamo qual’àncora dell’anima, sicura e ferma e penetrante di là dalla cortina, dove Gesù è entrato per noi qual precursore” (Ebrei 6:18-20), e dove Egli intercede per noi e ci difende dalle calunnie di Satana in quanto Gesù Cristo è il nostro avvocato presso Dio Padre (Romani 8:34; 1 Giovanni 2:1).

A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Gesù Cristo, Insegnamenti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

38 risposte a Gesù Cristo è seduto alla destra di Dio nei luoghi celesti

  1. Elena scrive:

    “…di là dalla cortina, dove Gesù è entrato per noi qual precursore” quindi è entrato nel luogo santissimo: al di là della cortina (o velo). Ehm… se non sbaglio, la lettera agli Ebrei dovrebbe essere stata scritta al tempo degli apostoli, no? Correggimi se sbaglio Giacinto, perché ad essere sincera non lo so con precisione, ma non credo che possa essere stata scritta dopo moltissimo tempo … tipo dopo il 1844, come dice qualche fantasiosa profetessa.

  2. Elena scrive:

    Si ECCOME se lo so. Infatti te l’ho detto proprio perché questo passo la smentisce, perché dice che Gesù è entrato SUBITO nel luogo santissimo.

  3. massimo scrive:

    Pace, f.llo Giacinto. Sinceramente ho ancora qualche dubbio circa un momento specifico che credo rientri nell’argomento da te ora proposto. In Apocalisse 20:1-7 Giovanni parla del “regno dei mille anni” in cui Cristo regnerà sulla terra con i suoi redenti. Satana sarà legato e gettato nell’abisso. Poi trascorsi i mille anni, Satana verrà liberato (Apocalisse 20:3), quindi Gesù si presenterà come Giudice dei vivi e dei morti descritto sia in Matteo 24:30 che in Apocalisse 20:11-15. Pertanto, in quale contesto si deve frapporre il ritorno di Cristo? Alcuni insegnano che il rapimento della chiesa avverrà prima del regno dei mille anni, altri invece, dopo? Ho letto le tue confutazioni sul ritorno e sull’ultima fase! Potresti chiarirmi la cosa o magari rimandarmi ad altre confutazioni? Ti ringrazio e saluto nella pace del Signore.

  4. Davide scrive:

    Massimo. Il ritorno di Gesù Cristo avverrà dopo la Grande Tribolazione. Dopo che i due testimoni di fede verranno uccisi (e resuscitati da Dio). In corrispondenza della Battaglia di Harmageddon. Quindi Rapimento post Tribolazione

  5. Davide scrive:

    Ancora. Gesù Cristo restituirà il regno nelle mani del Padre dopo il regno milleniale, regno che governerà con scettro di ferro da Gerusalemme avvalendosi anche di noi suoi santi sacerdoti. Sarà un regno durante il quale piegherà e distruggerà ogni iniquità. Sottometterà ogni carne malvagia governando in maniera perfetta e onnisciente

  6. massimo scrive:

    Grazie f.llo Giacinto, ora vedo ancor più chiaramente, e desidero riportare per altri che magari leggono, la tua chiara conclusione tua:
    “Ecco dunque fratelli qual è la speranza dei santi, quella di risorgere o di essere
    mutati al ritorno di Cristo dal cielo, regnare con lui per i successivi mille anni sulla
    terra, e vivere per l’eternità con il proprio corpo immortale, incorruttibile e glorioso
    nella Nuova Gerusalemme sopra una nuova terra.”

    Come vedo anche fondamentale questo aspetto del “ritorno” del nostro Re dei re e Signore dei Signori, come tu evidenzi:

    “Paolo infatti dice sempre ai Tessalonicesi che quel giorno non verrà se prima non
    sia venuta l’apostasia e non sia stato manifestato l’uomo del peccato, il figliuol della
    perdizione, la cui venuta “avrà luogo, per l’azione efficace di Satana, con ogni sorta
    di opere potenti, di segni e di prodigi bugiardi; e con ogni sorta d’inganno d’iniquità
    a danno di quelli che periscono perché non hanno aperto il cuore all’ amor della
    verità per esser salvati” (2 Tess. 2:9-10) Il Signore Gesù distruggerà quell’ empio
    “col soffio della sua bocca, e annienterà con l’apparizione della sua venuta” (2 Tess.
    2:8).
    E’ “L’AMORE PER LA VERITA'” CHE LIBERA LE ARTERIE DELL’ANIMA, DA TUTTO CIO’ CHE IMPEDISCE DI FAR AFFLUIRE LA VITA AL CUORE DI MOLTI!

    Sono convinto, f.llo Giacinto, che grandemente a torto, molti nostri fratelli e capi di varie denominazioni e non, disprezzano o sminuiscono il tuo lavoro, e questo per una sorta di vil guadagno, invidie, gelosie….etc. non saprei come definirle. E magari lor stessi predicano l’umiltà e di bandire l’orgoglio ad alcune pecore tranquille, mentre coccolano altre, che non fanno altro che belare per “loro stesse”. Ma sono loro invece che hanno ben poco discernimento ed affermano che dormono sonni tranquilli. Non credo proprio che il loro sia il riposo del giusto. Dormono di un sonno sì, ma innaturale, perchè sotto l’effetto di un potente sedativo, da cui sarà ben difficile risvegliargli! Solo il Signore può farlo!
    Pace a te Giacinto e….coraggio, pensa ad Elia in : 1° Re 18:22 o a quel “ricino” in Giona 4:6-9. Pace a tutti i santi nel Signore.

  7. massimo scrive:

    Davide, pace. Tanto per puntualizzare anche questo e Giacinto ci corregga eventualmente. Ma in 1° Tessalonicesi 4:17 è scritto : “poi noi viventi, che saremo rimasti, verremo rapiti insieme con loro, sulle nuvole, a incontrare il Signore nell’aria e così saremo sempre con il Signore”. Questo salire in aria (rapimento), intende lasciare la terra? Ma perdonate questo mio terreno ragionamento (e mi si consenta Giacinto!…non ridete, non è che mi sto preoccupando perchè soffro di mal d’altitudine, perdonami questa mia infelice battuta, ma magari qualcuno’altro, che legge, sarà duro come me d’intendimento, in questo caso e lo spero che ci sia, così non faccio solo io magre figure)….
    Ma mi chiedo : ” Perchè mai dovremo salire sulle nuvole, quando è il Signore che torna sulla terra e poi Lui regnerà sempre sulla terra e noi con Lui per 1000 anni?.
    La risposta è :” Così è scritto e pertanto così succederà, oppure : si parla di risurrezione e quindi ecco l’ascesa in cielo”, oppure c’è qualcos’altro? Pace.

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo, quando i santi saranno rapiti in cielo, avranno un corpo potente, immortale e incorruttibile, quindi non soffriranno più niente. Per il resto, così Dio ha stabilito.

  8. Elena scrive:

    Pace a tutti quanti. Scusate, vorrei farvi conoscere questo mio pensiero, siete gli unici a cui posso raccontare le cose e lo faccio, perché so che mi capirete. Abito in un quartiere dove per tanto tempo, ogni mattina quando aprivo le finestre, mi trovavo davanti allo spettacolo più grande del creato: il cielo e la terra, il cielo azzurro delle giornate miti del sud e la terra di un grande giardino pieno di alberi di ulivo, di albicocchi che già a febbraio si riempivano di fiori rosa e altri alberi e piante di vario genere che mi facevano tanto pensare al giardino dell’Eden. Ma un brutto giorno sono venute le ruspe che hanno distrutto il giardino che mi riempiva il cuore, hanno sradicato gli alberi, ne hanno fatto una catasta e li hanno bruciati, hanno scavato per gettare le fondamenta di un grande edificio di una strana forma che somiglia ad un triangolo con la base arrotondata e dopo parecchi mesi ne è venuta fuori una “Chiesa Cattolica”!! Adesso quando apro le finestre la mattina vedo un muro bianco che mi impedisce di vedere come se mi avessero messo una benda davanti agli occhi. Ci ho sofferto parecchio per questa cosa, non riesco ancora adesso, dopo alcuni anni a rassegnarmi. Perlomeno sono al quarto piano e almeno il cielo lo vedo ancora, il cielo cha è il luogo del trono di Dio, e dove c’è Gesù che è seduto alla sua destra, e che io adesso riesco a vedere con gli occhi spirituali. Si, lo vedo che mi sta guardando con Amore e che mi aspetta. Vedo che apre le sue braccia per accogliemi nel suo abbraccio, pronto ad asciugare le mie lacrime e a darmi in dono l’acqua dalla fonte della vita!
    Per il momento, però, devo accontentarmi di vedere sempre davanti ai miei occhi terreni questa “chiesa” ogni qualvolta passo davanti alle finestre o esco fuori nel balcone, con tutte le conseguenze del caso, come assistere al viavai di persone che vanno ad assistere alle messe, i funerali, i matrimoni, i battesimi ecc… compresi gli Scout che al termine delle messe domenicali si mettono a cantare canzoncine e a ballare come papere insieme ai poveri bambini che devono imparare certe cose! Mentre i loro genitori si mettono a chiacchierare nel cortile in attesa di recuperare i loro pargoli. Il tutto mentre un poveretto chiede l’elemosina con il palmo della sua mano teso e lo sguardo disperato e NESSUNO LO DEGNA DI UNO SGUARDO!! VERGOGNA CATTOLICI, come si può assistere ad uno spettacolo così deprimente?? Vedere un bisognoso, un povero affamato che ti chiede qualcosa per potersi sfamare, anche solo con pezzo di pane e un po’ d’acqua! Cosa gli costa togliersi dalle tasche anche solo un euro, anche dieci centesimi ciascuno… loro con le pellicce e i gioielli, vestiti eleganti, ma no, non lo guardano nemmeno!! Come possono chiamarsi cristiani queste persone?? “Se vi sarà qualche tuo fratello bisognoso in mezzo a te, in alcuna delle tue città del paese che l’Eterno, il tuo DIO, ti dà, non indurirai il tuo cuore e non chiuderai la tua mano davanti al tuo fratello bisognoso;” (De 15:7) “Poiché i bisognosi non mancheranno mai nel paese, perciò io ti do questo comandamento e ti dico: “Apri generosamente la tua mano a tuo fratello, al tuo povero e al tuo bisognoso nel tuo paese.” (De 15:11)
    Come possono essere così? Ho contato ad una a una le persone che gli hanno dato l’elemosina, soltanto cinque in tutto, cinque su tutti quelli che sono usciti dalla chiesa! Ogni volta non mi resta che rientrare e chiudere le finestre per non vedere queste ingiustizie del mondo!

    Non potrò mai dimenticare, l’ultima volta che sono stata a New York nel 2010, a Times Square, il posto più ricco e più “sfavillante” del mondo e che mi affascinava tanto da andarci ogni anno (ma che ora non voglio più vedere nemmeno in cartolina!) il viso di un ragazzo che al massimo avrà avuto diciassette e diciotto anni, vestito a giugno con un paio di pantaloni di velluto strappati, la maglietta anch’essa strappata, un paio di scarpe rotte e i capelli spettinati e lunghi. Era seduto a fianco di alcuni turisti su una panchina e quando questi si sono alzati hanno lasciato lì uno di quei bicchieroni con coperchio e cannuccia dove ti vendono le bevande. Lui aveva fame, e prese quel bicchiere ma era vuoto e l’ha posato di nuovo. Mi sono messa a piangere, non mi interessava se mi guardavano tutti, gli ho dato dei soldi per andare a mangiare qualcosa, ma lui aveva gli occhi persi nel vuoto e non si era accorto che gli porgevo i soldi, perché non si aspettava niente da nessuno, ma appena mi ha inquadrata e ha visto i soldi che gli stavo dando mi ha ringraziata e la sua espressione è cambiata, accendendosi di gioia, ed è andato subito a comprarsi da mangiare. Non lo dimenticherò mai. Spero che Dio lo abbia a cuore e lo sostenga facendogli trovare sempre qualcuno che gli dia aiuto. Prego sempre anche per lui. Pace.

  9. massimo scrive:

    Elena, pace. Vedo che con solo poche righe, hai toccato molti aspetti di una quotidiana realtà di vita e che dovrebbe essere applicata però alla maturità di una fede cristiana viva ed operante! A me servirebbero diverse pagine per affrontare il tutto. Ma in estrema sintesi volevo innanzitutto dirti, che oramai quel panorama naturalistico di un tempo, non tornerà più, e comunque, da quello che scrivi, posso intuire una sorta di rassegnazione in questo. Poi, per quanto riguarda il via vai di persone di religione cattolica, direi, che non dovresti vedere questa cosa in negativo, ma anzi, considera che il Signore potrebbe darti un’occasione di evangelizzazione, occasioni ed opportunità di parlare del “messaggio della salvezza per grazia” a qualcuno di loro. Giovani, anziani questi, che magari il Signore stesso ti farà sentire di poter avvicinare e con questi parlare di Gesù che è Vivente e che ancor oggi parla attraverso la sua Parola, che salva, liber, guarisce e battezza in Spirito Santo! Guarda che anch’io sono stato uno scout e personalmente è stata un’esperienza molto positiva, perchè ti forma nel carattere, lo spirito di altruismo, di solidarietà e di collaborazione, insieme agli altri. Certo l’essere cattolici e pertanto camminare tutti nella stessa mentalità cattolica, con tutto quello che sappiamo, non è il massimo! Ma Gesù c’è l’hanno anche loro nel cuore e l’argomento, può sempre suscitare vivo interesse a questi ragazzi! Non dobbiamo sempre pensare male! Anche se un pò di lievito fa lievitare tutta la pasta!. Chiedi al Signore pertanto perchè possa crearti delle occasioni per far tu per prima un passo verso di loro, con saggezza, amore e pazienza! E per questo non credo che tu abbia bisogno di consigli da me o altri, trovi tutto scritto nella Parola di Dio. L’Apostolo Paolo nelle sue lettere istruisce molto bene i suoi conservi e figli spirituali.
    L’argomento infine dei “poveri”: Gesù afferma : “li avrete sempre con voi!”.
    Ora, serenamente ti dico, che può darsi il parroco o cappellano di quella chiesa, conosca già le problematiche di quella persona che chiede l’elemosina! Mi viene difficile giudicarlo in questo senso. Non è detto che tutti devono fare l’elemosina e su questo campo te ne potrei raccontare tantissime ed amare esperienze anche personali che ho fatto con certi che la chiedevano, ma non ne avevano affatto di bisogno! Sacrosanto comunque, è il consiglio della Parola che dice : “DA’ A CHIUNQUE TI CHIEDE”.
    Perchè se non sappiamo nulla di una persona, è buono attenersi alla Parola! Questo sì. Tieni presente altresì Elena, che nessuno negherebbe mai del mangiare o del vestire,. E comunque, ricordi cosa è scritto ? : “NON SIATE IN ANSIA PER LA VOSTRA VITA, DI CHE COSA MANGERETE O DI CHE COSA BERRETE, NE’ PER IL VOSTRO CORPO, DI CHE VI VESTIRETE” (Matteo 6:25). Certuni, anzi, quasi tutti, non vogliono queste cose, ma solo SOLDI! Non il panino, ma soldi, non la maglia o il pantalone, ma soldi! Per cui è giusto che tu agisca in coscienza, perchè ciò che la coscienza condanna quello è peccato. Uno può dargli quello che si sente nel cuore, punto e basta! Credo che se quella persona facesse parte di quella comunità, il pastore, ovvero il prete, sarebbe in dovere di avvicinarla, parlarle e conoscere la sue problematiche e cercare di risolvere insieme. Ma a volte anche nella parrocchie questo non avviene o viene lasciato all’iniziativa di qualche altro. Anche nelle nostre chiese può capitare questo ed il pastore è tenuto a fare il possibile per andare incontro a queste persone con tanto amore, delicatezza e prudenza.

    Ad esempio, nella mia comunità, ci sono stati e ci sono tuttora fratelli nel bisogno, per via della crisi lavorativa e pertanto vengono aiutati attraverso offerte fatte alla chiesa da altri e in questo caso, non me ne voglia Giacinto con la decima!! In casi urgenti, particolari qualcosa insomma viene fatto! Anche quella parrocchia pertanto, dovrebbe ben valutare sul da farsi. Ripeto sempre che ci sia l’effettivo e vero bisogno.
    Il Signore ci aiuti ad aprire di più il nostro cuore e magari di più anche gli occhi circa i bisogni, anche di chi ci sta intorno e a maggior ragione dei nostri fratelli, o come la Parola di Dio chiama ” IL NOSTRO PROSSIMO”.
    Intanto vi saluto tutti nella Pace del Signore!

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo, i cattolici romani non hanno Gesù nel cuore, ma Maria e tutti i santi. Sono idolatri.

    • Elena scrive:

      Massimo, il bisogno ce l’ha veramente quella persona, te l’assicuro. Io in quella chiesa non ci sono mai entrata, nonostante il parroco sia primo cugino di mio marito, e mai ci entrerò! Non voglio più entrare in un posto dove ci sono statue di santi e madonne. Inoltre in mezzo ai cattolici ci vivo, tra i parenti di mio marito e i miei hai voglia quanti cattolici da evangelizzare che avrei!! Ma non vogliono ascoltare… si disturbano, non nominargli la fede evangelica (per loro siamo “evangelisti”), e non toccategli il loro “padre Pio” e la loro “Madonna delle Grazie”!!! Figuriamoci se mi metto là, sotto casa a fermare la gente per dirgli di convertirsi a Gesù. Chiamerebbero i carabinieri e mi ricovererebbero in psichiatria! Pace Massimo!

    • Elena scrive:

      E poi Massimo, ho dimenticato di dire che, anche senza essere per forza di una religione specifica (dottrinalmente corretta o meno), non viene umanamente compassione vedendo una persona bisognosa? Al tempo del ragazzo di Times Square io non ero nemmeno lontanamente una cristiana, eppure i bisognosi mi hanno sempre mosso a compassione, e oggi ripensandoci penso che avrei dovuto fare anche di più, soltanto che era l’ultimo giorno, stavo per ripartire e avevo gli ultimi dollari in contanti ormai, sai che si utilizzano le carte di credito ormai, per lo più. Oggi farei molto di più se mi ricapitasse. Pace.

  10. massimo scrive:

    F.llo Giacinto, vedo che non ti sfugge nulla e questo va a tuo merito. Certo che non ti si può prendere mai in castagna! Significa che sei attento e vigile! A parte questo, comunque, Giacinto, purtroppo è vero che nel cuore dei cattolici c’è tutto e di più..sì..sì, soprattutto Maria! Mentre sappiamo bene che il Signore è un Dio tre volte santo e un “Dio geloso” e non vuole dividere niente con nessuno! Anche perchè e Lui e vero Dio, all’infuori di Lui, non c’è altro Dio ed a Lui solo vada la gloria e la lode!

    Eppure, Giacinto, non mi potrò mai dimenticare un’esperienza che ebbi a fare proprio di ritorno da un pellegrinaggio sempre da Medjiugorie, se ben ricordo nel 1992. Ci eravamo fermati, noi “pellegrini”, presso una chiesa, tanto per cambiare!! E ricordo benissimo come fosse ora, che in un momento di pausa e silenzio, durante la celebrazione della messa, presieduta da due sacerdoti, l’esclamazione bella, fatta a voce alta, chiara, calda, credo parimenti sincera di una signora che era vicino a me, e che faceva parte del gruppo, la quale, d’iniziativa, dopo essersi alzata dal bancone dove si trovava seduta in questa chiesa e con gli occhi chiusi, rivolta verso l’alto esclamò le testuali, semplici, lapidarie ma forti parole : “GESU’ TI AMO”. Sai perchè mi sorprese questa donna, proprio perchè noi venivamo tutti entusiasti da quella località, in cui ogni momento si era parlato continuamente e solo di Maria, quei tre quattro giorni pieni, intensi. Io personalmente ero davvero un pò provato e stanco, mi avevano fatto una “testa tanta” tra preghiere, rosari e litanie a Maria e pertanto, quelle tre parole mi colpirono moltissimo! Pensai : “Ma guarda un po’ questa, dopo tutto sto viaggio, sto parlare e pregare Maria e sentirla dire Gesù ti amo, mi sembrava una storpiatura!! Fui davvero molto colpito.

    Giacinto, il Signore nostro, è straordinariamente un “Dio delle sorprese” che ci fa dei doni inaspettati, va oltre le nostre richieste a volte, davvero!! Sa trarre dalle pietre la lode, e dal fango chi grida a Lui con cuore rotto e sincero! Per cui, credo che Lui essendo l’Onnipotente, l’Onnisciente, l’Onnipresente, il Dio dell’impossibile, chiama, chiama ovunque e chiunque vuole, a ravvedimento, quando il cuore si apre alla sua azione di Grazia! Io lo credo! Ecco perchè ho scritto ad Elena, per via della sua amica, che il Signore ci vuole o CALDI o FREDDI, MAI TIEPIDI (Apocalisse 3:15).
    Un cattolico deve certo cominciare lui per primo a lasciarsi “abbandonare totalmente” nella braccia del Signore e Lui compirà un’opera meravigliosa nella creatura che si è scelto e che vuole appartare per sé!

    Per dirti, mio padre era un cattolico freddo, ma il Signore l’ha chiamato in gloria moltissimo tempo fa. E’ salvato e vive con Lui! Perchè è il nostro Signore è Sovranamente Misericordioso e pieno di compassioni!! Ci ama di un amore che supera il misero pensiero umano nostro!
    Giacinto, ” come dicono : “Capisci a me”, lo so benissimo che tu le sai e le insegni queste cose, ma lo dico anche per chi ci legge e se tu lo permetti che leggano!!
    “Lasciamo che gli storpi, gli zoppi ed ciechi si avvicinino con piena fiducia al trono della Grazia, sotto la guida insostituibile dello Spirito Santo, custoditi da Gesù Cristo il nostro unico Signore e Salvatore!
    Pace a te a a tutti i santi!

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo, pace. Dio fa grazia a chi vuole Lui, e quindi è in grado di salvare un’anima mentre si trova ancora in seno alla Chiesa Cattolica Romana, per tirarla fuori da essa ovviamente. Noi quindi dobbiamo predicare con ogni franchezza ai cattolici romani il ravvedimento e il Vangelo, condannando l’idolatria a cui sono dati e dicendo loro che se persisteranno a servire quegli spauracchi dei loro idoli andranno nelle fiamme eterne. E dicendo loro con ogni franchezza che una volta che hanno creduto devono uscire immediatamente dalla chiesa cattolica romana.

  11. Elena scrive:

    Pace. Vorrei aggiungere anche quest’ultima considerazione: io credo (e so per certo che è così) che un vero Cristiano debba avere amore e compassione per il prossimo nel suo cuore, altrimenti non può dire di esserlo. Certo che ognuno dà quello che può, ovviamente. Ma chi ha poco e dà lo stesso anche se ha poco verrà ricompensato più di quello che ha molto! Ricordiamoci della povera vedova che fece l’elemosina: “Poi Gesù alzò gli occhi e vide i ricchi che gettavano i loro doni nella cassa del tesoro, e vide anche una povera vedova che vi gettava due spiccioli, e disse: «In verità io vi dico che questa povera vedova ha gettato più di tutti gli altri. Tutti costoro infatti hanno gettato nelle offerte per la casa di Dio del loro superfluo, ma costei vi ha gettato nella sua povertà tutto quello che aveva per vivere». (Lc 21:1-4)
    Ma dobbiamo avere amore nel dare, altrimenti se lo facciamo ipocritamente solo per essere premiati non serve a niente! Dice Giovanni: “Da questo abbiamo conosciuto l’amore: egli ha dato la sua vita per noi; anche noi dobbiamo dare la nostra vita per i fratelli. Ora, se uno ha dei beni di questo mondo e vede il proprio fratello che è nel bisogno e gli chiude le sue viscere, come dimora in lui l’amore di Dio? Figlioletti miei, non amiamo a parole né con la lingua, ma a fatti e in verità.” (1Gio 3:16-18). Amen!

  12. massimo scrive:

    F.llo Giacinto, io vengo dal Cattolicesimo romano, come la maggior parte degli evangelici che conosco! L’espressione “avere in cuore” esprime soprattutto “desiderare”. Il Desiderare però, può anche portarti a “realizzare i buoni propositi” perchè altre cose magari ostacolano la tua volontà desiderosa. E credo che questa sia l’azione contraria posta in essere dall’Avversario, quando avverte che qualcosa si sta muovendo in un anima! Non posso raccontare tutto pubblicamente, ma so da dove vengo e da quale fossa profonda sono stato tratto! Molti evangelici sono nati in un contesto di fede familiare e non potranno mai capire a fondo l’amore profondo che Dio ha per il mondo ” che ha mandato il suo unigenito Figlio, affinchè chiunque crede in lui non perisca ma abbia vita eterna” (Giovanni 3:16).
    Quando non ero ancora convertito all’ Evangelo certo che pregavo Maria, e altri santi, ma Solo il mio Signore sa anche quante volte ho pregato anche Lui. Tu forse non lo sai, ma esistono delle preghiere particolari, si chiamano “coroncina al sacro cuore di Maria” e “Coroncina al Sacro cuore di Gesù”. Queste vanno fatte ogni primo venerdì del mese per alcuni mesi. Credo che i cattolici ferventi le osservino tuttora, non lo so io personalmente l’ho fatto. Beh…ho pertanto posto in essere la prima quella alla Madonna, per alcuni primi venerdì del mese, ma non ho mai visto alcun risultato. Quando invece ho cominciato invece a rivolgermi solo a Gesù, la risposta è arrivata, eccome!! Si presentò mio suocero a parlarmi delle verità contenute della PAROLA DI DIO! Ecco che la scintilla era scoppiata! Gesù che conosce i cuori non disdegna cuori DESIDEROSI. Ci vuole passione per le cose di Dio, e la fame e la sete ti portano a questo. L’anima ha le stesse esigenze, se non maggiori di quelle del corpo!
    Dio è il Dio dell’Impossibile! Pace a te.

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo, quando Dio attira un’anima a Cristo succede quello che ti è accaduto quando eri nella Chiesa Cattolica Romana. Di testimonianze simili alle tue ce ne sono tante. In merito a come Dio è in grado di attirare un anima a Cristo per poi salvarla anche se si trova ancora in mezzo all’idolatria, leggi la bella testimonianza della conversione dell’ex guru indiano Rabindranath R. Maharaj. Si intitola ‘Morte di un guru’. E’ la conferma che Dio fa quello che vuole, e che le sue vie sono più alte delle nostre. Ma soprattutto che Dio fa grazia a chi vuole LUI. Pace a te

  13. luciano scrive:

    pace a tutti i Santi, Elena, ho letto una parte del tuo commento, non per fare retorica ma il vangelo ci costringe attraverso l’amore di CRISTO a evangelizzare, quant’anche chiamassero i carabinieri. la predicazione e’ un atto dovuto, da tutti ,comunemente chiamati cristiani!.la strada e’ il mezzo di comunicazione piu’ veloce, uno strumento che non osa stonare mai, anche se c’e’ il rovescio della medaglia, “LEGNATE “se usato con franchezza avrai dalla tua parte l’approvazione di DIO cosi da fare accrescere la tua fede debole. tu non puoi farlo perche’ non ti e’ dovuto insegnare o predicare ma fare da supporto questo e’ lecito. ricorda che i cattolici sono IDOLATRI e noi li dobbiamo avvertire del castigo che e’ loro riservato.pace. fedele in CRISTO!

    • Elena scrive:

      Pace Luciano. Potrei capire che tu stessi parlando con un “uomo” per cui quello che dici è giusto, bisogna avvertire ed evangelizzare. Ma appunto perché sono donna non mi permetterei mai di mettermi a predicare, ne tantomeno davanti ad una chiesa cattolica. Quindi non capisco cosa volevi dirmi. Io al massimo posso farlo con chi conosco a tu per tu con umiltà. Non mi è permesso d’insegnare, quindi… di cosa stiamo parlando Luciano? Si, posso fare da supporto, ma a chi, non ho nessuno a cui fare da supporto, non ho trovato ancora una chiesa degna di questo nome, capisci? SONO DA SOLA, IO E LA MIA BIBBIA, e non è poco! Niente chiesa, nessuno con cui condividere la mia fede, SONO IN MEZZO AI PAGANI! E poi ho un marito a cui devo ubbidire, mi lascia lo spazio per la mia fede, ma dice che non approva molto e lo devo ringraziare che me lo permette! Credimi, le prenderei volentieri le “legnate” se mi volesse impedire di continuare a praticarla!! Pace Luciano.

  14. massimo scrive:

    Giacinto, pace! Solo adesso ho potuto leggere la tua ultima delle 6.59 pm. e non posso che concordare con te. Senza la PAROLA DI DIO al proprio fianco, come la spada del soldato, non si va da nessuna parte e la lotta è impossibile sostenerla contro il nemico delle anime nostre! Sì, è solo nella PAROLA DI DIO, che il credente trova ogni risposta, che del resto, riconduce direttamente sempre ed unicamente al solo nostro amato SIGNORE GESU’ CRISTO. Chi ama Gesù, lo Sposo, odierà il peccato, in tutte le sue forme, quindi ripudierà in toto le menzogne introdotte nei secoli dalla “Grande Prostituta” descritta in Apocalisse. E se non c’è RAVVEDIMENTO, se non c’è PENTIMENTO, se non c’è poi, come lo gridava a chi andava da lui a farsi battezzare, il nostro fratello Giovanni il Battista, il “FARE DEGNE DI RAVVEDIMENTO” che attestano il vero ravvedimento e la VERA CONVERSIONE, se non si testimonia ” pubblicamente” che GESU’ E’ FIGLIO DI DIO, IL NOSTRO PERSONALE SALVATORE, e se non avviene la NUOVA NASCITA, se non si diventa NUOVE CREATURE IN CRISTO, allora come diceva un caro collega : “Finirà tutto in Taralucci e Vino”.
    Meglio ancora rende l’idea il caro apostolo Paolo : “SE I MORTI NON RISUSCITANO MANGIAMO E BEVIAMO, PERCHE’ DOMANI MORREMO” (1° Corinzi 15:32).

    F.llo Giacinto, IO PER PRIMO ERO CIECO, MA ORA GRAZIE AL SIGNORE CI VEDO, ERO MORTO E ORA CRISTO MI HA RISUSCITATO A NUOVA VITA, CHE ORA E’ NASCOSTA IN LUI”. Io non potrò mai più tornare nelle fitte tenebre che ho lasciato, dove c’è e ci sarà pianto e stridor di denti. La VESTE (per le nozze) deve essere IMBIANCATA nel SANGUE DELL’AGNELLO, altrimenti non ci sarà alcuna luce. Che dovrei ancora dire ancora a tanti amici tuttora cattolici che invece testimoniano di Maria e dei santi, se non esortarli a SCEGLIERE PER GESU’. Lui, mi ha aperto davvero un giorno quella porta gloriosa da cui fuoriusciva una luce radiosa, mentre lasciavo alle spalle tenebre fitte e il freddo della morte!
    Solo uno stolto potrebbe guardare indietro: ” NESSUNO CHE HA MESSO LA MANO ALL’ARATRO E POI SI VOLGE INDIETRO, E’ ADATTO PER IL REGNO DEI CIELI” (Luca 9:62). Guai, guai!!
    Tornando in definitiva all’argomento iniziale : “A GESU’ CHE SIEDE ALLA DESTRA DI DIO NEI LUOGHI CELESTI” vada tutta l’ adorazione di cuori sinceri, ardenti ed innamorati! Amen.

  15. massimo scrive:

    Elena, pace.
    Vorrei rispondere a tutto quello che hai scritto, ma mi è impossibile!
    Forse, magari non te ne rendi conto appieno, ma stai toccando punti fondamentali e molto salienti nel campo della fede e di realtà spirituali profonde che infastidiscono la sensibilità di molti che si professano cristiani, ma certamente più di facciata che nel loro intimo!
    Comunque, e Giacinto mi corregga, per quanto affermi nella tua delle 2.57 pm. ti posso assicurare che è scritto :
    “INFATTI I GENTILI, CHE NON HANNO LA LEGGE, FANNO PER NATURA LE COSE DELLA LEGGA ESSI, NON AVENDO LEGGE, SONO LEGGE A SE STESSI; QUESTI DIMOSTRANO CHE L’OPERA DELLA LEGGE E’ SCRITTA NEI LORO CUORI PER LA TESTIMONIANZA CHE RENDE LA LORO COSCIENZA, E PERCHE’ I LORO PENSIERI SI SCUSANO O ANCHE SI ACCUSANO A VICENDA, NEL GIORNO IN CUI DIO GIUDICHERA’ I SEGRETI DEGLI UOMINI PER MEZZO DI GESU’ CRISTO, SECONDO IL MIO VANGELO” (Romani 2:14-16).

    Qui, il sentimento religioso viene alla grande superato da una forza straordinaria che è l’AMORE, puro che ti smuove, senza che te ne rendi conto, LO FAI E NON SAI NEANCHE TU PERCHE’, NON TE LO CHIEDI NEMMENO, PARTI ED AGISCI.
    E’ lo spirito di Dio, che senza che te ne accorgi, ti fa fare! Ricordi tempo fa quel bravissimo avvocato che è annegato, non ricordo bene dove, giù nel sud, credo, traendo però in salvo dal mare burrascoso, una o due persone? Beh, qual’è l’epilogo tragicamente glorioso? Lui, un uomo affermato, con famiglia, figli “HA DATO LA SUA VITA PER GLI ALTRI”. Non so se fosse cattolico, evangelico, o di altre fedi o religioni, ma ha dato la sua unica ed insostituibile vita per delle persone che erano in grave difficoltà e che manco conosceva! Senza chiedersi nulla, non sapendolo il perchè, ma l’ha fatto. E ricordi che dice Gesù? : NON C’E’ AMORE PIU’ GRANDE DI COLUI CHE DA’ LA SUA AVITA PER I SUOI AMICI” (Giovanni 15:13). Sì..sì, proprio così. In quel momento c’era le necessità di fare, d’intervenire, non si è chiesto se quelli che stavano annegando fossero italiani, francesi, marocchini, atei o credenti, no! E’ andato, e si è gettato in quelle acque spaventose, pensando alla vita di altri e l’ha deposta questa sua vita, per poi ritrovarla un giorno! Ne sono più che certo!

    E qui cadono tanti cardini religiosi e che i religiosi vorrebbero a tutti i costi sorreggere a suon di parole! Quell’avvocato non ha fatto chiacchiere, non ha detto :” ma io ho famiglia, penso per me!”. No, non si è girato dall’altra parte, come del resto non l’hai fatto nemmeno tu con quel giovane in America!! Si..sì… è Dio che spinge, è lo Spirito di Dio che opera.

    Ma bada bene che altrettanto fa anche il Nemico!
    Ti sei mai chiesta come mai a Milano qualche tempo fa, quel poveraccio di colore, perchè tale è, ha ucciso a picconate tre persone che manco conosceva? Si è lasciato guidare da altri spiriti, altro che! E qui nascerebbero altre tematiche da affrontare.!

    E ancora è scritto : “IO PORRO’ LE MIE LEGGI NELLA LORO MENTE E LE SCRIVERO’ NEI LORO CUORI; E SARO’ IL LORO DIO, ED ESSE SARANNO IL MIO POPOLO. E NESSUNO ISTRUIRA’ PIU’ IL SUO PROSSIMO E NESSUNO IL PROPRIO FRATELLO, DICENDO: “CONOSCI IL SIGNORE!”. POICHE’ TUTTI MI CONOSCERANNO, DAL PIU’ PICCOLO AL PIU’ GRANDE” (Ebrei 8:10-11).

    Per cui torno a ripetermi, e come la vedo io, quello che la coscienza condanna in un credente, quello è peccato! La coscienza è come un “livella” alla Totò, e ti fa sentire gli squilibri o gli equilibri che hai nel cuore, quando agisci o non agisci, quando agisci in bene o quando in male! Ora….se sei invece arrivata anche alla luce di Cristo, avrai ben davanti ai tuoi piedi quella lampada che illumina il cammino e saprai di sicuro dove mettere i tuoi piedi, senza vacillare o cadere. E se cadi, ci sarà Lui a sorreggerti o rialzarti! Questo è la gloriosa certezza e pace che mette il Signore nel cuore. Certezza che c’è Lui con te!
    “Non c’è nessun giusto sulla terra, nessuno che sa fare il bene!” E’ altresì scritto, ma camminando con Gesù si è al sicuro!
    Elena, intanto ti saluto nella pace nel Signore e così Giacinto e tutti i santi!

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo, tu dici ‘E’ andato, e si è gettato in quelle acque spaventose, pensando alla vita di altri e l’ha deposta questa sua vita, per poi ritrovarla un giorno! Ne sono più che certo!’. Tu sei certo di cosa quindi? Che basta morire annegati nel tentativo di salvare qualcuno per ritrovare la proria vita? No, Massimo. Bisogna essere nati di nuovo per ritrovare la propria vita nel Regno di Dio, altrimenti ci si ritrova nelle fiamme dell’inferno. Su questo la Parola non lascia alcun dubbio. Certamente quell’uomo ha fatto una opera buona, ma mica si viene salvati per opere buone. Poi ricordati questo, che Paolo dice: “Infatti, tutti coloro che hanno peccato senza legge, periranno pure senza legge; e tutti coloro che hanno peccato avendo legge, saranno giudicati con quella legge” (Romani 2:12). Il che significa che in ambedue i casi non saranno salvati. Infatti periranno senza legge i primi, e i secondo saranno giudicati con quella legge. E questo perchè ambedue le categorie hanno peccato e sono privi della gloria di Dio. Pace a te

    • Elena scrive:

      Massimo, ti rispondo lo stesso anche se Giacinto ha già detto ciò che c’era da dire, perché in effetti ho da aggiungere qualcosa. Se fosse come dici tu, allora anche mio marito sarebbe salvato e ti spiego il perché. Vedi, lui fa il Vigile del Fuoco e nel corso della sua vita lavorativa (e non) ha salvato decine di vite in incidenti vari di auto, di moto, in incendi o in altri tipi di situazioni di pericolo, come alluvioni o frane. Anche quando è fuori servizio e trova qualcuno in queste situazioni accorre in aiuto. Una volta ha salvato un ragazzo davanti ai miei occhi che aveva la fronte tutta aperta e sarebbe morto in attesa dell’ambulanza, tenendogli premuta un’asciugamano sulla fronte per tamponare l’emorraggia. Nessuno di quelli che erano lì aveva il coraggio di toccarlo, ma lui lo fa senza pensarci, non ha nessun tipo di esitazione. Sarà perché è addestrato così, sarà per carattere non lo so, ma sono quelle le volte in cui sono orgogliosa di lui. Però Massimo, lui non crede, ti ho già detto che mi sopporta a malapena con la Bibbia sempre in mano e non vuole parlare di Dio. Perfino poco fà ha visto la Bibbia sul divano aperta al cap.8 di Osea (Israele ha seminato vento e raccoglierà tempesta), l’ha guardata e mi ha detto: “c’è un libro quì” e io gli ho detto che quello non era “un libro” ma la Bibbia, come se non lo sapesse! E lui mi ha ripetuto per l’ennesima volta: “ma come mai leggi sempre la Bibbia, non l’hai già letta?” La mia risposta è stata che la leggerò fin quando avrò vita e ho aggiunto “rassegnati!”. Quindi Massimo, come può essere salvato lui, che non vuole sapere niente di Dio? Pace a te.

  16. massimo scrive:

    Grazie Giacinto. Ne avevo sentito parlare e con calma me lo voglio leggere questo libro- testimonianza: “Morte di un guru”. Ad essere sincero a suo tempo, avevo letto qualcosa sulla meditazione orientale, però più sotto l’ aspetto letterario, ovvero, il “SIDDHARTA” di Hermann Hesse. E’ straordinaria la mente dell’uomo che cerca, scava nell’intimo proprio, alla ricerca del vero IO che c’è in noi. L’uomo del resto, avverte quel senso del vuoto e la vanità che gli sta attorno, come parimenti, senza che riesca a ben spiegarselo, avverte il senso dell’Eternità che c’è in lui : ” EGLI HA FATTO OGNI COSA BELLA NEL SUO TEMPO, HA PERSINO MESSO L’ETERNITA’ NEI LORO CUORI, SENZA CHE ALCUN UOMO POSSA SCOPRIRE L’OPERA CHE DIO HA FATTO DAL PRINCIPIO” (Ecclesiaste 3:11)

    E’ davvero interessante questo libro, perchè parla anche di forze occulte che sono sparse nell’universo ed è incredibile come la Bibbia, scritta col dito di Dio, affronti e superi tutte queste cose, conducendo il tutto al meraviglioso nostro SIGNORE GESU’ CRISTO RISORTO VIVENTE ED OPERANTE, Lui che è il PRINCIPIO (Alfa) ed il FINE (Omega) di tutto ciò che esiste e non, del visibile e dell’Invisibile (Colossesi 1:15-18).
    Grazie davvero, Giacinto, sei più che un fratello! Pace a te e ai santi tutti.

  17. massimo scrive:

    Giacinto, pace. Provo a risponderti alla tua delle 8.57 am, con questi due passi:
    “PARLATE QUINDI E AGITE COME SE DOVESTE ESSERE GIUDICATI DALLA
    LEGGE DI LIBERTA’, PERCHE’ IL GIUDIZIO SARA’ SENZA MISERICORDIA
    CONTRO CHI NON HA USATO MISERICORDIA, E LA MISERICORDIA
    TRIONFA SUL GIUDIZIO” (Giacomo 2:12-13).

    ” CHIUNQUE AVRA’ INVOCATO IL NOME DEL SIGNORE SARA’ SALVATO”
    (Romani 10:13).

    Quest’ultimo poi è il caso limite. Anche il ladrone sulla croce ha avuto quella possibilità e che Gesù non gli ha negata. Il cuore dell’uomo lo conosce solo il Signore, ma guai a chi pensa di burlarsi del Signore e gioca con il nostro Dio, perchè EGLI SI E’ RICCO IN MISERICORDIA (Efesini 2:4), ma è altrettanto vero, che E’ ANCHE UN FUOCO CONSUMANTE (Ebrei 12:29) e non avrà pietà di nessuno!
    Credo che il Signore avrà certamente visto quell’uomo, e chissà se lui nel suo cuore avrà anche pregato! Questo noi non possiamo dirlo con certezza. Ma voglio crederlo… ecco!! L’azione che quell’avvocato, ha compiuta, testimonia una grande amore, non me la sento di giudicare ad oltranza! La FEDE SENZA LE OPERE E’ MORTA!…quindi! Possiamo ancora parlarne…ma intanto il fatto lo abbiamo visto e sentito le testimonianze di chi c’era lì sul posto! Io forse non o avrei mai fatto,anzi di sicuro perchè non so nemmeno nuotare!!
    Comunque, come già abbiamo detto “FARA’ MISERICORDIA A CHI VORRA’ FARE MISERICORDIA!
    Infine è scritto : ” OGGI, SE UDITE LA SUA VOCE, NON INDURITE I VOSTRI CUORI COME NELLA PROVOCAZIONE” (Ebrei 3:15) …OGGI E’ IL GIORNO DI SALVEZZA” .
    Perchè IL DOMANI NON CI APPARTIENE!! (Giaconmo 4:14).
    Pace a te ed ai santi.

    • giacintobutindaro scrive:

      Massimo, ricordiamo però ogni tanto anche l’altro malfattore sulla croce che però non si ravvide di cui è scritto: “E uno de’ malfattori appesi lo ingiuriava, dicendo: Non se’ tu il Cristo? Salva te stesso e noi!” (Luca 23:39). Sembra infatti che di costui nessuno ne voglia parlare. Perchè? Perchè conferma che ci sono tanti che fino alla fine rifiuteranno di ravvedersi e di credere in Gesù Cristo. E questo perchè ciò non gli sarà dato. D’altronde, ricordiamo che la maggior parte degli uomini sono perduti e vanno all’inferno. Solo pochi entrano nel regno dei cieli. Pace a te.

  18. massimo scrive:

    F.llo Giacinto, concordo.
    La figura di quel secondo ladrone è vero, sarebbe, davvero interessante esaminarla anche meglio. Se ci soffermiamo un attimo e pensiamo a questo malvagio, sembrerebbe addirittura, nonostante la sua cattiveria, di preoccuparsi anche del suo collega ( socio in malefatte intendo). Parrebbe come una sorta di altruista, dicendo : ” Salva te stesso E NOI”. Si preoccupa non solo di se, ma anche dell’altro! Ma in realtà aveva già rinnegato effettivamente nel suo cuore GESU’, lo aveva così palesemente denigrato, insultato, rifiutato nella sua regalità e potenza e signoria di Figlio di Dio! Lo vedeva con gli occhi umani, ridotto peggio di lui, un uomo sanguinante, un corpo martoriato!
    Si era praticamente fermato a considerare l’essere umano esteriore di quel corpo del Cristo morente!
    Era lì, fianco a fianco del Salvatore, bastava che dicesse solo una parola e sarebbe stato salvato come ha fatto l’altro, ma invece lo ha ripudiato. Ecco la fede che salva in extremis per sempre l’uno e che invece condanna in eterno l’altro!
    Pace nel Signore!

  19. massimo scrive:

    Luciano, pace.
    E’ sacrosanto il nostro dovere di parlare ogni volta che ne abbiamo possibilità, come del resto capisco anche Elena, che è letteralmente attorniata, non assalita ancora, da amici e parenti stretti o lontani cattolici. Questi ultimi del resto, dovranno sforzarsi di far finta di camminare secondo l’Evangelo! Per noi il giogo è leggero, ma per certi altri, no davvero! Chiedi loro Elena, se per caso se rinuncerebbero a fare le loro giocatine al lotto, al bingo, etc, se vanno appresso ad oroscopi, se conoscono maghi, sensitivi etc. vedi se magari acquistano una tantum o spesso biglietti nella speranza di diventare milionari, se fumano, se amano le cose particolari preziose o si accontentano di basa bigiotteria, che comunque è sempre indice di civetteria, se amano truccarsi, vestire attilate, etc..
    Del resto poi, il parroco è cugino del marito, che si può pretendere più! La vedo dura per Elena…ma ciò non toglie appunto, che nel suo piccolo possa essere di luce e sale! Che il Signore e la Parola di Dio abbia a prevalere. Potrebbe incominciare intanto a dire qualche cosa circa il VELO che le sante donne di un tempo portavano; il MODO DI VESTIRE DECOROSO quando si va in chiesa, come è scritto! Approfondendo poi, l’argomento STATUE ED IMMAGINI che Dio ha in abominio! C’è sempre un modo ed un appiglio, un’occasione dove iniziare!
    Il marito sarà lo scoglio più duro, ma sono certo che della Bibbia avrà visto solo la copertina. Lui magari si sentirà già salvato, tanto c’è il cugino prete che ci pensa, lo confessa, lo consiglia, gli da’ la comunione e via con il liscio! Gli amici degli amici! Anche il Signore chiama AMICO un tale che però non troverà avere l’ABITO DI NOZZE e non tarderà a far gettare fuori questo amicone, dove c’è pianto e stridore di denti (Parabole delle nozze) (Matteo 22:12).
    Pace a te Luciano e a tutti i santi.

    • Elena scrive:

      Pace Massimo. Ti dirò che mio marito non vuole sentire parlare nè di Bibbia nè di chiese, nemmeno quella cattolica. Proprio rifiuta categoricamente ogni tipo di religione o fede. Immaginati che un suo amico ha avuto un incidente stradale ed è stato sul punto di morire, credo che sia stato molto tempo anche in coma. Poi un giorno si è risvegliato e ha raccontato di essersi trovato nel famoso tunnel dove in fondo vi è una grande luce, e dopo averla raggiunta, una voce (Dio) gli ha parlato dicendogli che è importante rispettare i Comandamenti. Questo è quello che mi ha riferito mio marito di ciò che il suo amico gli ha raccontato. Io ovviamente volevo approfondire l’argomento, ma lui ha troncato dicendo che non sapeva nient’altro. Come nient’altro? Non ti ha raccontato come si è sentito in quel momento? … e dopo, come si è sentito dopo? Adesso come si sente, se ha trovato la fede? Se si è ravveduto dei suoi peccati? Non te l’ha detto? No, non l’ha voluto sapere lui!!! Immagino quel poveretto che, tutto contento, gli voleva trasmettere la gioia di quell’esperienza e dell’aver trovato la fede e lui… ha cambiato discorso! Come, del resto, fa sempre con me quando gli parlo “delle cose di Dio”
      Dei parenti non parliamone, sarebbe troppo complicato e non voglio parlare, ma c’è di tutto e anche di peggio!! Pace a te.

  20. luciano scrive:

    pace a tutti i Santi, Elena, ho detto semplicemente quello che ho voluto dire con il mio intervento, risoluto quanto basta, non cercavo di spronarti , ma spiegavo infatti che evangelizzare e un atto dovuto, anche se…. la condizione dettata da DIO e’la persecuzione. non correggo niente di cio’ che ho detto, avanzo pretese per molti discepoli che cercano una strada e non la trovano, GESU disse “Io sono la Via, se molti sono su questa strada, automaticamente prenderebbero atto della mancata Giustizia che viene spesso elusa. con questo mio breve, voglio solo cercare di comunicare invitando tanti e non tutti i fratelli, a prendere una vera decisione difronte a DIO, non a crogiolarsi nelle stanze dei locali di culto, ma cercando di stanarli , portandoli sulle strade, non era riferivo alla donna, la scrittura ne parla chiaramente. penso di essere solo anch’ io, tradito dai PIU’! ma inseguito da tanti che non mi lasciano mai solo,” il Popolo”!!! spero di trovare un fratello disposto a perdere tutto per il Signore, e a correre insieme a me. pace Luciano.

  21. massimo scrive:

    Elena, pace.
    Non ho letto niente di nuovo o di strano in quello che hai scritto alle 4.33 pm.
    Ma non ti devi affatto preoccupare! Ti cito solo uno, dei tanti casi, che ho visto personalmente, in tanti anni di conversione. Una donna aveva iniziato a frequentare la chiesa, dopo essere stata sotto ad una tenda di evangelizzazione.
    Già qui mi fermo, e ti dico : POSSIBILE MAI CHE DOVE ABITI TU, O NEI PARAGGI O PAESI LIMITROFI NON LE FACCIANO QUESTE TENDE DI FRATELLI EVANGELICI AI FINI DI EVANGELIZZAZIONE?? INFORMATI BENE!!
    Non legarti e formalizzarti alla denominazione, non guardare a loro, agli uomini, guarda al messaggio della Salvezza e solo a Gesù, non farti ammaliare, nè sentirti coinvolta dagli uomini, ma fatti avvolgere solo ed esclusivamente dall’amore di Gesù Cristo nostro Signore e dal suo messaggio di salvezza! Così ho fatto io inizialmente, non volevo tanto sapere se erano evangelici pentecostali doc o che altri tipi di attività evangelistiche espletavano poi in seno alla loro chiesa, a me interessava solo ASCOLTARE IL MESSAGGIO DELLA SALVEZZA IN CRISTO GESU’, CON LA SPADA (BIBBIA) ALLA MANO, PER VERIFICARE CHE QUELLO CHE VENIVA DETTO, FOSSE IN SIMBIOSI, UGUALE UGUALE, PRECISO PRECISO A COME TROVAVO SCRITTO NELLA PAROLA DI DIO E CHE AVEVO DAVANTI AI MIEI OCCHI e poi la confrontavo e meditavo ancora una volta, arrivato a casa. Ogni tassello dove trovare la sua giusta collocazione! Sì, si! Non potevano esserci discrepanze. Non dovevo e non volevo cadere ancora sotto la schiavitù di nessuno. Già uscivo da una lunga schiavitù religiosa cattolica!!
    Tornando al fatto di quella donna sopracitata, devo dirti che, dopo poco tempo, ancora simpatizzante, questa ha testimoniato che il marito era duro ed insensibile alla Parola di Dio e sordo quando lei parlava a lui di Gesù, per coinvolgerlo in qualche modo. Gli parlava altresì della gloriosa opera di redenzione, attraverso il suo sacrificio di Gesù sulla croce, insomma : “il messaggio della salvezza”. Però, il fatto buono era che quest’uomo, le permetteva di venire ai culti. Poi un giorno si è presentato lui stesso spontaneamente a vedere che cosa combinava la moglie e di riflesso tutta l’assemblea in questa chiesa. Fatto sta che la moglie dopo qualche mese si è battezzata con lui presente, è diventata sorella ed in una manciata di mesi lui ha iniziato parimenti a frequentare regolarmente i culti domenicali e quindi si è battezzato. Ora sono tutti e due battezzati anche in Spirito Santo e ringraziano Dio per la salvezza. Avevano in quel periodo di frequentazione, un’afflizione con il figlio più piccolo perchè aveva dei problemi fisici di deambulazione, che in breve il Signore ha aiutato a risolvere. E tutto si è sistemato. Ma purtroppo, ora, certe nostre comunità come ben scrive il f.llo Giacinto, stanno rischiando di tornare indietro, si stanno allontanando dai tempi di un glorioso, genuino risveglio a causa di alcuni uomini, poco spirituali che cercano alleanze, distratti da molti pensieri poco cristiani e spirituali, e che cadono in legami pericolosi a scapito della VERITA’ DELL’ EVANGELO o meglio chiamata : LA SANA DOTTRINA!! Purtroppo, alcuni avevano davvero, cominciato per lo Spirito, ma ora, stanno proseguendo per la carne!! Guai!!

    Elena, ricordo anche che hai parlato, non so se qui o in altri argomenti, che ti vedi con una sorella anziana, giusto? E allora? Ricordi che dice Gesù? : “POICHE’ DOVUNQUE DUE O TRE SONO RIUNITI NEL MIO NOME, IO SONO IN MEZZO A LORO” (Matteo 18:20). Bene, quale miglior certezza? Voi due già potete formare una piccola CHIESA, o no? Cerca la compagnia di questa sorella ed formate una prima chiesa, lì dove siete, o in casa tua o in casa sua! Pregate e meditate insieme al Parola di Dio! E chiedete al Signore, mi corregga Giacinto se sbaglio, che vi dia luce e vi faccia trovare una comunità, un gruppo di santi, che CAMMINANO IN SPIRITO e VERITA’ ed iniziate a frequentarla, così potrai crescere ed avanzare piano piano nelle vie di Dio!
    Sono sicuro che il marito comincerà a vedere in te una persona diversa sì, ma in senso buono e ti lascerà fare! Magari vorrà vedere fino a che punto vorrai arrivare! Ma se vedrà dei cambiamenti in te positivi, e lo saranno di sicuro!…. ti lascerà fare e chissà, magari un giorno sarà lui stesso a chiederti di accompagnarti! Dimostragli gioia, entusiasmo nelle cose di Dio, che trovi gioia nel leggere e meditare la Parola di Dio!
    Lui non dirà niente, ma lo noterà di sicuro, e si incuriosirà, vedrai! Se come hai detto tu, è un freddo, ovvero, non frequenta assiduamente la chiesa cattolica o non è un bigotto, attaccato a santi o a Maria, ancor meglio! Ricordati cosa è scritto in Apocalisse 3:15 : ” TU NON SEI NE’ FREDDO NE’ CALDO. OH FOSSI TU FREDDO O CALDO. COSI’, PERCHE’ SEI TIEPIDO E NON SEI NE’ FREDDO NE’ CALDO, IO STO PER VOMITARTI DALLA MIA BOCCA”. Si, sì, è proprio così, sembra strano ma solo il Signore conosce i nostri cuori e sa, per ognuno, come operare nei cuori!!
    Coraggio ed avanza nelle vie di Dio, vedrai che il nostro Signore benedirà questi tuoi propositi, e ti rafforzerà!
    F.llo Giacinto, se anche tu approvi e magari vuoi integrare questi consigli, affinchè Elena, possa crescere spiritualmente e vedere il Signore all’opera, te ne sarei parimenti grato! E a Dio vada la gloria ed il ringraziamento! Pace ai santi tutti!

  22. luciano scrive:

    pace a tutti i Santi, fllo Massimo, nudo sono venuto al mondo,e nudo ne usciro’!. chiediti perche’ DIO ci ha fatti nudi? perche’ ci ha spogliati del nostro essere per essere uguale a lui ancora prima? per somigliargli? ecco le risposte le abbiamo se impariamo ad ubbidirgli, se invece ci conduciamo seguendo le orme degli uomini corrotti quella perfezione non fara’ mai la sua comparsa dentro di noi . il fllo Giacinto sul sito la nuova via .org ha postato i suoi scritti, fra questi c’e’ anche la santificazione, nel modo in cui ci viene comandato da DIO, e rispettando la seguente tabella da lui scritta! fllo Massimo,Elena non e’ esonerata dalle prove, il Signore lo/a sta provando, infatti molti saranno purificati , imbiancati, affinati,ma gli empi agiranno empiamente e nessuno capira’, ma capiranno i saggi ( daniele, 12,10).

  23. Elena scrive:

    Pace a voi. Luciano, tutto ciò ti fa onore e spero che tu possa trovare questo fratello che sia disposto a correre con te per il Signore. E sappi che io non ti stavo rimproverando, ma ti ho risposto perché ti stavi rivolgendo a me, anche se il messaggio che volevi dare era indirettamente rivolto ad altri.
    Massimo, tu non conosci la mia situazione, non credere che, se anche trovassi dove andare a riunirmi, mio marito si arrenderebbe così facilmente! Ti ripeto, lui “ODIA” le chiese, non le frequenta per niente, e la parola che hai usato tu “assiduamente” è una barzelletta. Quella sorella anziana di cui parlavo frequenta già una chiesa da moltissimo tempo (anche se ha i suoi difetti, e quale chiesa non ne ha!); una volta ha chiesto a mio marito se potevo andare con lei e lui le ha risposto un secco “no!” Non è per niente facile come pensi tu, Massimo scusami… ma mi fermo quì, spero che mi capirai. Pace a voi tutti.

  24. massimo scrive:

    Elena, ho letto la tua risposta, ma non posso fare altro che confermarti quanto ti ho già scritto. C’è un cantico che sempre più raramente si sente nelle nostre chiese…e lo sai perchè sempre più raramente? Perchè certi hanno imparato “IL FAI DA TE”.

    Giacinto, sicuramente lo sa, e questo bel cantico evangelico inizia così: “DIO APRIRA’ UNA VIA DOVE SEMBRA NON CI SIA!” Vai in YOUTUBE, credo che nei cantici evangelici lo troverai e mentre lo dico a te, vado a cercarlo anch’io!

    Ricordi cosa disse Gesù a Maria affranta, che si trovava vicino al sepolcro di suo fratello Lazzaro? Disse : “Non ti ho detto che SE CREDI, VEDRAI LA GLORIA DI DIO?” (Giovanni 11:40).
    Ora, comi ti senti?…..non hai idea come muoverti, non sai che fare? Ti senti per caso in carcere??
    Bene, leggiti in Atti 16:23-31 e rifletti come il Signore ha operato gloriosamente, una delle molte volte, a favore del suo fedele servitore PAOLO, che era messo molto peggio di te e di molti altri in questo momento.

    Hai notato com’era il suo spirito nella prova? : “Paolo e Sila, pregavano e cantavano inni a Dio e i prigionieri li udivano”. Hai letto? Erano tutti prigionieri, eppure questi due fratelli erano sereni, fiduciosi, gioiosi, con il cuore nella pace del Signore! Ma il bello è che anche gli altri carcerieri li udivano cantare e pregare Dio.
    Sappi che tuo marito è parimenti in carcere, benchè non se ne renda conto, si..si!! E’ ancora schiavo, molto schiavo di se stesso, dei suoi vani ragionamenti umani, delle sue abitudini, magari piccoli vizi! E pensa se ti sentisse cantare o vedesse ascoltare degli inni evangelici (e ce ne sono di belli veramente che toccano il cuore e l’anima) e ti sentisse pregare in segreto e piangere, e ripregare il Signore nostro Gesù per lui, perchè gli tocchi il cuore.
    Credi davvero che ancora non succederebbe niente? Beh…tu FALLO E BASTA : Canta inni e cantici spirituali, ascoltali, prega, leggi e medita la Parola di Dio ed affida ogni cosa al Signore! Sarà Lui che smuoverà le montagne per te, a cominciare da quelli di casa tua. Vedi il carceriere gettò Paolo e Sila nella parte più interna della prigione e fissò i loro piedi ai ceppi. Se tu non lo sai, ti dico che hai dei ceppi ai piedi, prega il Signore che li tolga e Lui lo farà! Non toglierà solo a te i ceppi, ma anche a chi ti sta vicino, non aprirà la porta del tuo carcere, dove sei tu, ma anche le altre porte delle prigioni dove trascorrono i loro giorni tristi, tanti altri nella tua stessa situazione!
    Fallo Elena, fallo! Il SIGNORE E’ IL DIO DELL’IMPOSSIBILE!

    Sappi, te lo ripeto, che la tua situazione è simile a quella di molti/e altri/e.
    Ma come scrive Paolo : “IL SIGNORE MI LIBERERA’ ANCORA DA OGNI OPERA MALVAGIA E MI SALVERA’ FINO A PORTARMI NEL SUO REGNO CELESTE”
    (2° Timoteo 4:18).
    Ecco la fede che si aspetta il Signore dal credente! Credici!
    Non credo che ti potrò dire altro in merito, ora tocca a te fare questo passo!!
    Pace a te Elena e ai santi tutti!

  25. massimo scrive:

    Luciano, pace. Non mi sono dimenticato! Sappiamo che se uno vuole camminare come ha camminato Gesù, non sarà certo una passeggiata!
    E sicuramente il f.llo Giacinto ne sa qualche cosa!
    Il cammino cristiano non è mai stato facile per nessuno e costa certamente, magari a qualcuno abbastanza, ad altri tanto, ma ad altri ancora…tantissimo, ovvero, la morte!
    Grazie a Dio per noi ancora va abbastanza bene!

    E’ scritto : “SE QUALCUNO VUOL VENIRE DIETRO A ME, RINNEGHI SE STESSO PRENDA LA SUA CROCE E MI SEGUA!” (Luca 9:23).
    E’ un cammino personale, spesso in salita ed in solitaria, tra critiche di molti, offese, vituperi, derisioni, impedimenti, strattonamenti, spintoni, sgambetti, che dovrà affrontare CHI HA CREDUTO VERAMENTE IN CRISTO. Un discepolo, è scritto, non è più del Maestro e dovrà inevitabilmente percorrere lo stesso sentiero che ha percorso Gesu’, verso il Golgota, fino a quel duro legno della croce! Ma è proprio lì che c’è Vittoria, perchè Gesù lì ha sconfitto la morte e cosi si è adempiuto il glorioso piano della Salvezza!!

    Ecco, Luciano, che l’esortazione di Paolo, ci viene a consolare :
    “USCIAMO DUNQUE FUORI DEL CAMPO E ANDIAMO A LUI PORTANDO IL VITUPERIO. INFATTI NON ABBIAMO QUAGGIU’ UNA CITTA’ STABILE, MA CERCHIAMO QUELLA FUTURA. PER MEZZO DI LUI DUNQUE, OFFRIAMO DEL CONTINUO A DIO UN SACRIFICIO DI LODE, CIOE’ IL FRUTTO DI LABBRA CHE CONFESSANO IL SUO NOME” (Ebrei 13:13-15).
    Pace a te ed ai santi tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.