Un astronomo massone parla della stella apparsa ai magi

david-reneke

L’astronomo australiano David Reneke ha scritto un articolo dal titolo «Astronomers Find The Original ‘Christmas Star’» ossia «Astronomi trovano la ‘Stella di Natale’ originale» (http://www.davidreneke.com/was-the-xmas-star-real/), sulla stella apparsa ai magi in Oriente, e in questo suo articolo ha messo questa sua foto. Beh, cosa vi dice questa foto? A me dice che questo astronomo è un massone. La sua posa massonica con la sua mano destra è evidente, non lascia alcun dubbio. Se poi ci si aggiunge la stella a cinque punte nella sua mano sinistra, il quadro è completo. La stella a cinque punte – il pentalfa o pentagramma – infatti è un simbolo importantissimo nella Massoneria. Considerate che il massone satanista Albert Pike disse che la stella che apparve ai magi era proprio il pentagramma! Ecco le sue parole: ‘Magico è ciò che è, che è di per se stesso come la matematica che è l’esatta e assoluta scienza della natura e delle sue leggi. Magica è la scienza degli antichi Magi, e la religione cristiana, che ha ridotto al silenzio gli oracoli e messo fino al potere dei falsi dei, essa stessa però dà credito ai Magi che vennero dall’Oriente, guidati da una stella, per adorare il Salvatore del mondo nella sua culla. La tradizione dà a questi Magi il titolo di «Re», perchè l’iniziazione nella magia costituisce una genuina regalità e perchè la grande arte dei Magi è definita da tutti gli adepti quale Arte Reale, il Regno Santo o Impero, Sanctum Regnum. LA STELLA CHE LI GUIDÒ È LA STESSA CHE TROVIAMO RAFFIGURATA IN TUTTE LE TRADIZIONI INIZIATICHE. PER GLI ALCHIMISTI ESSA È IL SEGNO DELLA QUINTESSENZA, PER I MAGI IL GRANDE ARCANO, PER I KABALISTI IL SACRO PENTAGRAMMA. LO STUDIO DI QUESTO PENTAGRAMMA NON POTÈ CHE CONDURRE I MAGI ALLA CONOSCENZA DEL REDENTORE CHE STAVA SORGENDO SULL’ORIZZONTE E FACEVA INGINOCCHIARE TUTTE LE CREATURE CHE AVEVANO FEDE NEL VERBO DI DIO. La Magia riunì in una sola varie scuole filosofiche, riconoscendosi nella religione dell’Infallibile e dell’Eterno. Essa riconcilia perfettamente e incontestabilmente termini che, a prima vista, sembrano fra loro opposti: fede e ragione, scienza e religione, autorità e libertà. Dà inoltre alla mente umana uno strumento di indagine speculativa e spirituale, rigoroso come la matematica e garante dell’infallibilità della matematica stessa’ (Albert Pike, Morals and Dogma, Edizione Italiana, Vol. 3, pag. 273 – 32° Sublimi Principi del Real Segreto).

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Massoneria e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.