La Bibbia è attendibile al 100%

La Bibbia (vi ricordo però che della Bibbia non fanno parte i «libri apocrifi» che la Chiesa Cattolica Romana ha inserito nel canone nel sedicesimo secolo) è la Parola di Dio per cui non importa quello che dica, essa è attendibile al 100%. Chi mette in discussione quello che dice la Scrittura, non importa cosa e come, è un impostore, un seduttore di menti. La Scrittura è ispirata da Dio, e quindi non può mentire. Mentono piuttosto coloro che la criticano e la contrastano, tra cui i massoni che sono in prima fila in questa lotta contro la Parola di Dio. Guardatevi dunque da coloro che con sofismi e ragionamenti vani (pastori, teologi, giornalisti, storici etc.) vogliono trascinarvi a rigettare l’ispirazione verbale e plenaria della Scrittura, perché il loro obbiettivo finale è quello di farvi rigettare il Vangelo della gloria del beato Iddio e farvi apostatare dalla fede. Riprendeteli severamente, turategli la bocca.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Bibbia e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

3 risposte a La Bibbia è attendibile al 100%

  1. Giovanni scrive:

    La Chiesa cattolica non ha inserito i libri deuterocanonici (e non “apocrifi”). Affermando il contrario dici una menzogna.
    Il concilio di Roma del 382 (puoi cercarlo su internet se non mi credi) stabilì il canone dei libri da considerare ispirati e in questo elenco compaiono anche i libri Deuterocanonici.
    Un’ultima cosuccia (ma proprio una cosuccia da niente🤣🤣): se hai il canone del nuovo testamento di 27 libri… è proprio GRAZIE a questo concilio della CHIESA CATTOLICA APOSTOLICA ROMANA!
    Buona serata.

    • Beatrice scrive:

      per i libri dell’antico Testamento i Protestanti decisero di seguire il canone degli Ebrei per questo le edizioni Protestanti della Bibbia non contengono o meglio mettono da parte i Libri di Tobia, Giuditta, Sapienza, Siracide, Baruc e i due dei Maccabei. Non sarà inutile sapere che i Protestanti sogliono chiamare “apocrifi” tali Libri mentre nel linguaggio cattolico è invalso presso qualche studioso l’uso di designarli come “deuterocanonici” per indicare che vi furono dubbi sulla loro autenticità, distinguendoli così dai “protocanonici “, sui quali non vi fu mai alcun dubbio.
      (da LA BIBBIA edizioni Paoline, introduzione generale, pag. XIV)

  2. Beatrice scrive:

    Nella Bibbia che ho citato sono inseriti i suddetti libri deuterocanonici.
    Pace a tutti, disquisire su queste cose serve a poco, ciò che conta è essere una nuova creatura in Cristo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.