Abortire nelle ADI? E’ lecito! Lo dicono i pastori stessi

Si chiama Dario Iazzetta ed è un pastore delle ADI. In questa testimonianza da lui raccontata (che vi esorto ad ascoltare fino alla fine) CONFERMA PIENAMENTE che nelle ADI è lecito abortire, nel senso che la donna viene lasciata libera di abortire.

Mi sto domandando quindi quante donne nel tempo nelle ADI hanno abortito rendendosi colpevoli di omicidio, e di questi loro aborti quasi nessuno sa niente. E’ veramente diabolico, abominevole, quello che le ADI insegnano! Ma Dio è un vendicatore, e sta vendicando il sangue innocente, castigando duramente i pastori di questa organizzazione religiosa, cosa che lui continuerà a fare per manifestare la sua giustizia.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Aborto, Assemblee di Dio in Italia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Abortire nelle ADI? E’ lecito! Lo dicono i pastori stessi

  1. Raffaele scrive:

    Che Dio li perdoni

  2. fabio scrive:

    Pace,
    Ho ascoltato il video e mi ha fatto riflettere anche per ciò che riguarda l’uso della parola “culto” dal minuto 8:30 al minuto 9:15 è vi ho trovato una grande somiglianza con il modo di fare e di parlare di tanti sacerdoti cattolici che vanno a fare messa in più comunità.

    Credo che Dio ancora oggi ci ripete queste parole che si leggono in Matteo 15:9
    INVANO MI RENDONO IL LORO CULTO,
    INSEGNANDO DOTTRINE CHE SONO PRECETTI D’UOMINI”».

    E una di queste dottrine è l’aborto perché una cosa permessa e non vietata equivale ad un accettazione di questa pratica che è un togliere la vita ad una creatura e sicuramente la più indifesa tra tutte le creaturè visto che non gli viene permesso di venire alla luce.

    Pace

  3. Massimo scrive:

    Ho ascoltato Giacinto, tutto quanto è stato detto da questo “Pastore delle ADI” e non posso nascondere che il modo di predicare, nel complesso, rispecchia il classico proporsi di questi pastori, diciamo “alla buona” che vi sono ancora nelle Assemblee di Dio in Italia, con la loro limitatezza di conoscenze, di linguistica ecc…. che magari a volte si scontra con una buona conoscenza teologica/medica/scientifica/ di certi altri che invece sono laureati, titolati, più giovani di età e di esperienza!
    Iazzetto ha raccontato di quell’alcolizzato per cui hanno pregato ed il Signore (se veramente le cose stavano così) lo ha liberato e salvato…quindi non tutto va proprio disprezzato sull’operare di certuni.
    Tuttavia, il pastore Dario Iazzetta va certamente biasimato e mi permetto di riportare quasi integralmente quanto ha dichiarato lo stesso dal minuto 2:22 :
    “.. i dottori capirono (che mia moglie) era incinta da un’ analisi e ci chiesero di abortire. Andammo dal ginecologo, doveva abortire mia moglie perchè per una serie di interventi che aveva avuto e di analisi che s’era fatta NON C’ERA NESSUNA POSSIBILITA’ CHE NASCESSE UN BAMBINO, SE FOSSE NATO, SAREBBE NATO CON GRAVI MALFORMAZIONI. Così il ginecologo ci chiese di abortire, chiamò una clinica di Caserta, ci preparò il tutto. Il lunedì MIA MOGLIE doveva abortire. La domenica andammo in chiesa DIO PARLO’ AL SUO CUORE, il Signore durante la predicazione si rivolse a lei con una frase del FRATELLO CHE PREDICAVA DISSE:” Non buttate i bambini come fanno le persone del mondo che li abbandonano nei cassonetti. I bambini sono un dono del Signore; I figli sono un dono del Signore!
    Così MIA MOGLIE DECISE DI NON ANDARE AD ABORTIRE.
    In macchina mi disse : IO NON VADO PERCHE’ IO VOGLIO TENERE QUESTO BAMBINO che il Signore ci sta dando. IO LE DISSI FAI SECONDO LA TUA FEDE!”.

    Ebbene Giacinto, dalle testuali parole ora riportate e chissà quante altre volte ed altre sedi, avrà raccontato questo fatto, ci sarebbe molto da considerare! Ma in particolare evidenziare solo questo : praticamente grazie alle parole di un altro pastore, collega e confratello di Iazzetta, la MOGLIE di quest’ultimo ha deciso di non abortire. Lei e non Lui! “Fai secondo la tua fede” le disse il marito pastore! Quindi sua moglie era libera di abortire o meno! Per Iazzetta era uguale! Lui, benchè pastore di pecore, pur ben sapendo che la Parola di Dio afferma : “I figli sono un dono di Dio!”, ma secondo la richiesta dei medici e del ginecologo, la moglie poteva anche abortire, a scanso di presunte future gravi malformazioni fisiche del/la nascituro/a.
    Questo è davvero scandaloso! Perchè appunto, chissà se altre sorelle della sua chiesa si saranno trovate nella sua stessa situazione e questo Iazzetta, pastore, le avrà lasciate libere di abortire o meno! Altro che :”i figli sono un dono di Dio!”.
    Ma questo Giacinto rispecchia quello che a suo tempo già ebbi a scrivere a riguardo, ovvero, sapevo che nella comunità Adi che frequentavo a suo tempo, più di una sorella si era fatta sterilizzare per evitare di rimanere incinta, altre usavano per così dire “espedienti anticoncezionali” per scongiurare imprevisti !
    Una volta parlando io e mia moglie, con la moglie stessa del pastore anziano della comunità, questa ebbe a dire che “Su quella che una coppia di credenti a letto combinano non si poteva metterci lingua!”. Ciò fa ben comprendere più di ogni altra cosa, quanto poco Timor di Dio che ci sia in certe comunità ADI. Il mondo è entrato alla grande e già da molto tempo, se non fin da subito…sì appena istituite e statalizzate! In quella pasta purtroppo c’è molto lievito!
    Pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.