A me appartiene la vendetta! – Predicazione del 9 Dicembre 2019

Per scaricarla vai qua

Questa voce è stata pubblicata in Mie predicazioni audio e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a A me appartiene la vendetta! – Predicazione del 9 Dicembre 2019

  1. fabio scrive:

    Pace,
    Grazie al nostro DIO per la perseveranza con la quale tu Giacinto annunci LA SUA PAROLA e la franchezza con la quale ti rivolgi a chi ti ascolta “amici” e “nemici” perché c’è AMORE nell’avvisare i peccatori dal cambiare vita ed allo stesso tempo coloro che fanno parte del popolo di DIO a NON perseguire la strada della vendetta che secondo le scritture sia dell’antico Testamento che del nuovo Testamento, APPARTIENE SOLO A DIO.

    Se mi permetti Giacinto vorrei spendere in aggiunta a quello che hai detto un’ultima riflessione sulla quale mettere in guardia tanti su un aspetto che purtroppo può diventare motivo di caduta ovvero quello di compiacersi quando Dio esercita la sua vendetta, perché un servo del Signore non deve neppure provare piacere in questo infatti si legge in Proverbi 24:17-18
    Non ti rallegrare per la caduta del tuo nemico e non gioisca il tuo cuore, quando egli soccombe, perché il Signore non veda e se ne dispiaccia e allontani da lui la collera.

    Semmai la nostra speranza è che possa il nemico riflettere su ciò che gli capita perché possa volgere anch’esso il suo sguardo verso il Signor nostro Gesù Cristo e di riflesso verso DIO il Padre il CREATORE DI TUTTE LE COSE.

    Io non nascondo la difficoltà che certe volte ho nel mettere in pratica questo consiglio, questo comando che GESÙ ci ha lasciati (Matteo 5:44-46), ma questo é GIUSTI ed a questo bisogna attenersi e sforzarsi il più possibile nel viverlo sapendo che la vendetta che appartiene a Dio segue i tempi ed i modi di Dio non i nostri.

    Pace

    • Nunzio scrive:

      Pace Fabio, dobbiamo rallegrarci non delle sventure dei nostri nemici (puniti da Dio, che è un giusto Giudice) e ciascuno di noi ha uno o più nemici (specialmente se ci affatichiamo per l’Evangelo, se viviamo conformi all’Evangelo)
      ma ci dobbiamo rallegrare del fatto che i nostri nomi sono scritti fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell’Agnello.
      Tutto il mondo giace nel maligno, ma noi siamo da Dio.
      Siamo stati liberati dalla potestà di Satana, il principe di questo mondo di tenebre!
      E di questo ci rallegriamo.
      Di nemici ne abbiamo tanti, noi veri cristiani, ma nell’antichità Dio combatté contro i suoi nemici e ancora oggi fa la stessa cosa, combattendo contro i suoi nemici, perché è un guerriero (Esodo 15:3).
      I ribelli a Dio che sviano dalla Scrittura e la contorcono con menzogne e sofismi, diventano suoi nemici e la Sua ira si manifesta.
      Egli è il Terrore di Isacco, anche se a certuni, oggi, in questa generazione storta e perversa, piace raffigurarlo e parlare di Lui come se fosse “un babbo natale”
      Chi vuol essere amico del mondo si rende nemico di Dio (Giacomo 4:4), noi non siamo amici del mondo, perciò il mondo ci odia e ci perseguita, e ci calunnia, e ci combatte.
      Ma a Dio appartiene la vendetta, come ben sappiamo, Dio si adira ogni giorno, per la Sua ira trema la terra (anche se gli stolti si fanno beffe o pensano che sia “madre natura” a causare i terremoti, o pensano che sia il Diavolo perché non conoscono quanto dice la Scrittura o non vogliono comprendere che Dio è un castigatore, si sono fatti un falso dio su misura, e un falso dio che è un bonaccione)
      Infatti è scritto: “Egli, l’Eterno, è l’Iddio nostro; i suoi giudizi s’esercitano su tutta la terra” (Salmo 105:7)
      e ancora:
      “Beato l’uomo che Dio castiga! E tu non isdegnare la correzione dell’Onnipotente; giacché egli fa la piaga, ma poi la fascia; egli ferisce, ma le sue mani guariscono” (Giobbe 5:17-18).
      Ogni disciplina ci sembra non esser causa d’allegrezza, ma di tristizia, per il presente; però rende un pacifico frutto di giustizia a quelli che sono stati per essa esercitati (Ebrei 12:11).
      Perchè Dio ci castiga “per l’util nostro, affinché siamo partecipi della sua santità” (Ebrei 12:10).
      Di questo ci dobbiamo rallegrare!

      A Dio sia la gloria in Cristo Gesù ora e in eterno. Amen

  2. fabio scrive:

    Pace Nunzio,
    Concordo con quanto hai scritto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.