Il falso apostolo Enzo Incontro nega che Gesù era Dio

Oggi 24 Aprile 2020 il falso apostolo Enzo Incontro ha tenuto una diretta su Facebook in cui ha negato la divinità del Figliuolo di Dio nei giorni della sua carne. E’ stato molto chiaro, infatti ha detto che il Figliuolo di Dio «per un breve periodo, trentatré anni e mezzo, lui ha deposto la Sua divinità […] per essere solo l’Agnello [….] cioè non era più Dio. Perché? Perché doveva essere perfettamente, non si doveva barare a fare finta di essere uomo, doveva essere uomo al cento per cento» (https://www.facebook.com/enzoincontro/videos/3092150367472271/). – Min- 20 circa
Quello che costui afferma è una menzogna, una eresia di perdizione, in quanto la Scrittura afferma che “in lui si compiacque il Padre di far abitare tutta la pienezza” (Colossesi 1:19). Quindi nel Figliuolo di Dio, nei giorni della sua carne, abitò “corporalmente tutta la pienezza della Deità” (Colossesi 2:9). E – come dice Giovanni – “è della sua pienezza che noi tutti abbiamo ricevuto, e grazia sopra grazia” (Giovanni 1:16). Ecco perché Gesù disse ai Giudei: “Prima che Abramo fosse nato, io sono” (Giovanni 8:58), ed anche “Io ed il Padre siamo uno” (Giovanni 10:30): perché Egli era Dio.
Vi metto per l’ennesima volta in guardia dunque da questo lupo rapace travestito da pecora. Questo non è dei nostri, in quanto fa parte dei nemici della verità che è in Cristo Gesù. Non abbiate niente a che fare con Enzo Incontro, perché lui le anime le mena all’inferno.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Confutazioni e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a Il falso apostolo Enzo Incontro nega che Gesù era Dio

  1. fabio scrive:

    Pace,
    Persino i Giudei lo avevano compreso, infatti quando accusarono ingiustamente Gesù un giorno gli disseto quello che si legge in Giovanni 10:33 I Giudei gli risposero: «Non ti lapidiamo per una buona opera, ma per bestemmia; e perché tu, che sei uomo, ti fai Dio».

    Ci sono tante altre scritture che attestano la Divinità di Gesù Cristo ma ho voluto fare memoria di queste parole perché qui a darne testimonianza sono proprio gli stessi che chiesero a Pilato che Gesù fosse crocifisso, quindi essi avevano ben compreso le parole di Gesù.

    Ho ascoltato le parole al min 20 circa di Enzo incontro e lui afferma che mentre Gesù cammino’ in mezzo agli uomini Gesù non era DIO (Così non sia), ma questo che afferma è falso in quanto si legge nelle scritture in 1Giovanni 5:20 Sappiamo anche che il Figlio di Dio è venuto e ci ha dato l’intelligenza per conoscere il vero Dio. E noi siamo nel vero Dio e nel Figlio suo Gesù Cristo: egli è il vero Dio e la vita eterna.

    E che cosa disse Gesù in Giovanni 14:5-6
    Tommaso gli disse: «Signore, non sappiamo dove vai; come possiamo sapere la via?» Gesù gli disse: «Io sono la via, la verità e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.

    Ora se prendiamo quello che si legge in Filippesi 2:5-8 Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù,
    il quale, pur essendo di natura divina,
    non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio;ma spogliò se stesso,
    assumendo la condizione di servo
    e divenendo simile agli uomini;
    apparso in forma umana, umiliò se stesso
    facendosi obbediente fino alla morte
    e alla morte di croce.

    Qui l’apostolo Paolo non dice quello che Enzo Incontro gli ha voluto fare dire ovvero che Gesù spogliano se stesso mise da parte la sua divinità ma ci sta dicendo che Gesù pur essendo Dio (il FIGLIO), per tutto il tempo in cui cammino’ tra gli uomini non ricerco’ mai tra gli uomini gloria, fama, affermazione, ma ha sempre ricercato e dato gloria a Dio il Padre compiendo LA SUA VOLONTÀ IN OGNI COSA ANCHE NELLA MORTE E NON UNA MORTE QUALSIASI MA QUELLA DELLA CROCE.
    Infatti l’apostolo Paolo scrive ” e divenendo simile agli uomini”, perché Gesù pur essendo sempre della stessa natura del Padre DIO, apparve a noi in forma umana.

    Credo che nel caso di Enzo Incontro in questa affermazione siamo allo stesso parla dell’apostolo Pietro quando ancora non comprendeva infatti si legge in Matteo 16:21-23 Da allora Gesù cominciò a dire apertamente ai suoi discepoli che doveva andare a Gerusalemme e soffrire molto da parte degli anziani, dei sommi sacerdoti e degli scribi, e venire ucciso e risuscitare il terzo giorno. Ma Pietro lo trasse in disparte e cominciò a protestare dicendo: «Dio te ne scampi, Signore; questo non ti accadrà mai». Ma egli, voltandosi, disse a Pietro: «Lungi da me, satana! Tu mi sei di scandalo, perché non pensi secondo Dio, ma secondo gli uomini!».

    Per la posto Pietro in quel momento era impossibile che Gesù il FIGLIO DI DIO dovesse soffrire per mano degli uomini e questo fu lo stesso pensiero di quei capi religiosi ebrei che sotto la CROCE dissero Matteo 27:38-42 Insieme con lui furono crocifissi due ladroni, uno a destra e uno a sinistra. E quelli che passavano di là lo insultavano scuotendo il capo e dicendo: «Tu che distruggi il tempio e lo ricostruisci in tre giorni, salva te stesso! Se tu sei Figlio di Dio, scendi dalla croce!». Anche i sommi sacerdoti con gli scribi e gli anziani lo schernivano: «Ha salvato gli altri, non può salvare se stesso. È il re d’Israele, scenda ora dalla croce e gli crederemo.

    Enzo se leggi rettifica ciò che hai detto perché tutti coloro che ti hanno ascoltato possano ravvederai da quella menzogna ti dico questo con amore perché rifletti è come se tu stessi andando da Pilato a dire con i capi religiosi a chiedere quello che si legge in Giovanni 19:21-22 I sommi sacerdoti dei Giudei dissero allora a Pilato: «Non scrivere: il re dei Giudei, ma che egli ha detto: Io sono il re dei Giudei». Rispose Pilato: «Ciò che ho scritto, ho scritto».

    GESÙ È IL RE DEI GIUDEI, LUI È IL RE DEI RE E IL SIGNORE DEI SIGNORI ENON HA MAO CESSATO DI ESSERE DELLA STESSA NATURA DEL PADRE ED IN QUANTO FIGLIO GENERATO DAL PADRE PER MEZZO DELLO SPIRITO SANTO (Matteo 1:20), HA SEMPRE E RIPETO SEMPRE PUR ESSENDO SIMIME AGLI UOMINI FATTO LA VOLONTA DEL PADRE e terminò con queste parole di Giovanni in
    1Giovanni 4:1-4 Carissimi, non prestate fede a ogni ispirazione, ma mettete alla prova le ispirazioni, per saggiare se provengono veramente da Dio, perché molti falsi profeti sono comparsi nel mondo. Da questo potete riconoscere lo spirito di Dio: ogni spirito che riconosce che Gesù Cristo è venuto nella carne, è da Dio; ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell’anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo. Voi siete da Dio, figlioli, e avete vinto questi falsi profeti, perché colui che è in voi è più grande di colui che è nel mondo.

    Pace

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.