Chiese di Stato pronte ad accogliere l’anticristo

Le Chiese di Stato, se hanno accettato di fare riunioni di culto con le mascherine (da notare però che mentre le mascherine le donne se le devono mettere quando pregano perchè glielo ha ordinato Cesare, il velo che Dio comanda loro di avere sul capo quando pregano non devono metterselo!!!) e di vietare ai credenti di salutarsi con un santo bacio e di fare altre cose che sono secondo la volontà di Dio, è evidente che quando sarà manifestato l’anticristo ubbidiranno anche agli ordini dell’anticristo. E badate che anche allora diranno che la Bibbia insegna che i Cristiani devono ubbidire alle autorità!!! Queste Chiese non hanno alcun timore di Dio, sono prive di forza e di coraggio, queste Chiese non sono disposte ad essere perseguitate e vituperate a cagione della Parola di Dio, perché ad esse la Parola di Dio non interessa proprio niente. Uscite e separatevi dalle Chiese di Stato, da queste organizzazioni in mano alla Massoneria che portano avanti l’agenda della Massoneria, e radunatevi nelle case come facevano i santi antichi.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Esortazioni, Uncategorized e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

5 risposte a Chiese di Stato pronte ad accogliere l’anticristo

  1. fabio scrive:

    Pace Giacinto,
    In Apocalisse 13:16-18 si legge, Faceva sì che tutti, piccoli e grandi, ricchi e poveri, liberi e schiavi ricevessero un marchio sulla mano destra e sulla fronte; E CHE NESSUNO POTESSE COMPRARE O VENDERE SENZA AVERE TALE MARCHIO, cioè il nome della bestia o il numero del suo nome. Qui sta la sapienza. Chi ha intelligenza calcoli il numero della bestia: essa rappresenta un nome d’uomo. E tal cifra è seicentosessantasei.

    gia dalle costruzioni dei loro luoghi di culto si nota come nella figura che hai postato che la porta è ormai già spalancata a fare entrare l’anticristo perché altrimenti non si punterebbe a costruire questi edifici mastodontici poiché come sopra si legge l’anticristo non permetterà a nessuno di comprare o vendere senza il suo marchio, quindi cosa faranno di tutti questi edifici, come li potranno tenere aperti senza quel marchio, ma come hai detto forse i conduttori saranno i primi ad accettare questo marchio invitando le pecore ad ubbidienti per non perdere i privilegi che tutt’ora hanno.

    Quando li senti parlare aldilà ci che “parrocchia fanno parte” si vantano ma ben scrisse l’apostolo Paolo in 1Corinzi 5:6
    Non è una bella cosa il vostro vanto. Non sapete che un po’ di lievito fa fermentare tutta la pasta?

    Hanno accumulato tesori, ricchezze adornando le loro cattedrali di materiale informatico all’avanguardia ma purtroppo sono state dimenticate le parole di esortazione e di insegnamento che GESÙ con amore rivolse agli apostoli ed al giovane ricco in Luca 18:22-24 Udito ciò, Gesù gli disse: «Una cosa ancora ti manca: vendi tutto quello che hai, distribuiscilo ai poveri e avrai un tesoro nei cieli; poi vieni e seguimi». Ma quegli, udite queste parole, divenne assai triste, perché era molto ricco. Quando Gesù lo vide, disse: «Quant’è difficile, per coloro che possiedono ricchezze entrare nel regno di Dio.

    Pertanto che la CHIESA, LINSIEME DELLE PIETRE (LE PERSONE) CHE FORMANO L’EDIFICIO inizino a riflettere su queste cose e che pongano domande in merito ai loro conduttori.

    Pace

  2. Francesco scrive:

    Non solo le Chiese di Stato, ma ogni assemblea di credenti o non credenti che si riunisce in luogo pubblico o privato (quindi anche nelle case) ad oggi è obbligata secondo le disposizioni del governo a indossare le mascherine e mantenere le distanze. C’è solo da capire, per un credente, se obbedire allo Stato in questo caso significa andare contro le Scritture.
    Io per esempio non saluto quasi mai con un bacio, non sono un tipo espansivo, di solito semplicemente saluto o dò la mano, ho sempre fatto cosí. Non mi piace comunque il fatto che ci siano queste limitazioni, ma mi chiedo fino a che punto il rispettarle sia un andare contro le Scritture.

    • giacintobutindaro scrive:

      La Chiesa è il Corpo di Cristo è deve ubbidire a Dio anzichè agli uomini, quando quest’ultimi gli vietano di fare cose contrarie alla Parola. Così semplice. Naturalmente, si verrà puniti dagli uomini in questo caso, ma è normale. E’ sempre avvenuto così. Di cosa ti meravigli? Naturalmente, in questo caso sto parlando di ordini umani che vanno a sconvolgere l’ordine del culto (quindi le riunioni dei santi) e mettono sottosopra il consiglio di Dio. Quindi quando i santi sono radunati nel nome di Gesù Cristo, niente mascherina, e niente distanza di sicurezza l’un dall’altro. I santi sono membra del Corpo di Cristo, e Cristo è in mezzo a loro. Non importa quali piaghe possano infierire nel mondo, la Chiesa quando si raduna si raduna come sempre ha fatto.
      Per quanto riguarda invece indossare la mascherina per entrare in un negozio, o stare ad almeno ad un metro dall’altra persona per strada o in un negozio, questo un Cristiano lo fa per non essere d’intoppo agli increduli, per non provocarli, per non turbarli, etc. visto e considerato che esiste questa psicosi e questa paura tra i peccatori. Ma se un credente incontra un altro credente per strada ha l’obbligo di salutarlo con un santo bacio e non deve stargli a distanza di sicurezza. Ripeto quando gli ordini degli uomini vanno contro gli ordini di Dio, gli ordini degli uomini vanno disubbiditi.

  3. Andrea scrive:

    caro francesco personalmente concordo con Giacinto COMPLETAMENTE
    a pert il fatto che a noi “anziani” ci hanno detto che se ci fossimo ammalati saremmo morti, io non solo non ho preso proprio niente ma anzi non esagero se ti dico che sto meglio di prima! e io ho “baciato” (riferito al santo bacio citato dall’apostolo Pietro), stretto mani, abbracciato… e non mi è successo niente, e nemmeno a quelli vicino a me o con i quali sono venuto a contatto.
    la parola di Dio dice così:
    Deuteronomio 28
    1 Ora, se tu ubbidisci diligentemente alla voce del SIGNORE tuo Dio, avendo cura di mettere in pratica tutti i suoi comandamenti che oggi ti do, il SIGNORE, il tuo Dio, ti metterà al di sopra di tutte le nazioni della terra; 2 e tutte queste benedizioni verranno su di te e si compiranno per te, se darai ascolto alla voce del SIGNORE tuo Dio: 3 Sarai benedetto nella città e sarai benedetto nella campagna. 4 Benedetto sarà il frutto del tuo seno, il frutto della tua terra e il frutto del tuo bestiame; benedetti i parti delle tue vacche e delle tue pecore. 5 Benedetti saranno il tuo paniere e la tua madia.
    6 Sarai benedetto al tuo entrare e benedetto al tuo uscire. 7 Il SIGNORE farà sì che i tuoi nemici, quando si alzeranno contro di te, siano sconfitti davanti a te; usciranno contro di te per una via e per sette vie fuggiranno davanti a te.
    8 Il SIGNORE ordinerà, e la benedizione verrà su di te, sui tuoi granai e su tutte le tue imprese; ti benedirà nel paese che il SIGNORE, il tuo Dio, ti dà.
    9 Il SIGNORE ti costituirà suo popolo santo, come ti ha giurato, se osserverai i comandamenti del SIGNORE tuo Dio, e se camminerai nelle sue vie. 10 Tutti i popoli della terra vedranno che tu porti il nome del SIGNORE, e ti temeranno.
    11 Il SIGNORE, il tuo Dio, ti colmerà di beni: moltiplicherà il frutto del tuo seno, il frutto del tuo bestiame e il frutto della tua terra, nel paese che il SIGNORE giurò ai tuoi padri di darti. 12 Il SIGNORE aprirà per te il suo buon tesoro, il cielo, per dare alla tua terra la pioggia al tempo giusto, e per benedire tutta l’opera delle tue mani; tu presterai a molte nazioni e non prenderai nulla in prestito. 13 Il SIGNORE ti metterà alla testa e non alla coda. Sarai sempre in alto, e mai in basso, se ubbidirai ai comandamenti del SIGNORE tuo Dio, che oggi ti do perché tu li osservi e li metta in pratica, 14 e se non devierai né a destra né a sinistra da alcuna delle cose che oggi vi comando, per andare dietro ad altri dèi e per servirli.
    15 Ma se non ubbidisci alla voce del SIGNORE tuo Dio, se non hai cura di mettere in pratica tutti i suoi comandamenti e tutte le sue leggi che oggi ti do, avverrà che tutte queste maledizioni verranno su di te e si compiranno per te:
    16 sarai maledetto nella città e sarai maledetto nella campagna. 17 Maledetti saranno il tuo paniere e la tua madia. 18 Maledetto sarà il frutto del tuo seno, il frutto della tua terra; maledetti i parti delle tue vacche e delle tue pecore.
    19 Sarai maledetto al tuo entrare e maledetto al tuo uscire.
    20 Il SIGNORE manderà contro di te la maledizione, lo spavento e la minaccia in ogni cosa cui metterai mano e che farai, finché tu sia distrutto e tu perisca rapidamente, a causa della malvagità delle tue azioni per la quale mi avrai abbandonato. 21 Il SIGNORE farà sì che la peste si attaccherà a te, finché essa ti abbia consumato nel paese nel quale stai per entrare per prenderne possesso. 22 Il SIGNORE ti colpirà di deperimento, di febbre, di infiammazione, di arsura, di aridità, di carbonchio e di ruggine, che ti perseguiteranno finché tu sia perito. 23 Il tuo cielo sarà di bronzo sopra il tuo capo e la terra sotto di te sarà di ferro. 24 Al posto della pioggia il SIGNORE manderà, sul tuo paese, sabbia e polvere che cadranno su di te dal cielo, finché tu sia distrutto.
    25 Il SIGNORE ti farà sconfiggere dai tuoi nemici; uscirai contro di loro per una via e per sette vie fuggirai davanti a loro e sarete ripugnanti per tutti i regni della terra. 26 I tuoi cadaveri saranno pasto di tutti gli uccelli del cielo e delle bestie della terra, che nessuno scaccerà. 27 Il SIGNORE ti colpirà con l’ulcera d’Egitto, con emorroidi, con la rogna e con la tigna, da cui non potrai guarire. 28 Il SIGNORE ti colpirà di follia, di cecità e di confusione mentale; 29 e andrai brancolando in pieno giorno, come il cieco brancola nel buio; non prospererai nelle tue vie, sarai continuamente oppresso e spogliato e nessuno ti soccorrerà. 30 Ti fidanzerai con una donna e un altro si coricherà con lei; costruirai una casa, ma non vi abiterai; pianterai una vigna e non ne godrai il frutto. 31 Il tuo bue sarà ammazzato sotto i tuoi occhi e tu non ne mangerai; il tuo asino sarà portato via in tua presenza e non ti sarà reso; le tue pecore saranno date ai tuoi nemici e non vi sarà chi ti soccorra. 32 I tuoi figli e le tue figlie saranno dati in balìa di un altro popolo; i tuoi occhi lo vedranno e ti si consumeranno per il continuo rimpianto e la tua mano sarà senza forza. 33 Un popolo che tu non avrai conosciuto mangerà il frutto della tua terra e di tutta la tua fatica e sarai continuamente oppresso e schiacciato. 34 Sarai fuori di te per le cose che vedrai con i tuoi occhi. 35 Il SIGNORE ti colpirà sulle ginocchia e sulle cosce con un’ulcera maligna, dalla quale non potrai guarire; ti colpirà dalle piante dei piedi alla sommità del capo. 36 Il SIGNORE farà andare te e il re, che avrai costituito sopra di te, verso una nazione che né tu né i tuoi padri avrete conosciuto; lì servirai dèi stranieri, il legno e la pietra; 37 e diventerai oggetto di stupore, di sarcasmo e di ironia per tutti i popoli fra i quali il SIGNORE ti avrà condotto.
    38 Porterai molta semenza al campo e raccoglierai poco, perché la cavalletta la divorerà. 39 Pianterai vigne, le coltiverai, ma non berrai vino né coglierai uva, perché il verme le roderà. 40 Avrai degli ulivi in tutto il tuo territorio, ma non ti ungerai d’olio, perché i tuoi ulivi perderanno il loro frutto. 41 Genererai figli e figlie, ma non saranno tuoi, perché andranno in schiavitù. 42 Tutti i tuoi alberi e il frutto della terra saranno preda della cavalletta. 43 Lo straniero che sarà in mezzo a te salirà sempre più in alto al di sopra di te e tu scenderai sempre più in basso. 44 Egli presterà a te, e tu non presterai a lui; egli sarà alla testa e tu in coda. 45 Tutte queste maledizioni verranno su di te, ti perseguiteranno e ti raggiungeranno, finché tu sia distrutto, perché non avrai ubbidito alla voce del SIGNORE tuo Dio, osservando i comandamenti e le leggi che egli ti ha dato. 46 Esse saranno per te e per i tuoi discendenti come un segno e come un prodigio per sempre.

    Qualcuno mi dirà che non siamo più sotto la legge ma sotto la grazia… ma il carattere di Dio non è cambiato. Nella grazia bisogna sforzarsi di restare e non disubbidire a Dio… come fecero Anania e Saffira che pur sotto la grazia furono uccisi da Dio…

  4. Davide scrive:

    Bisogna ubbidire a Dio anziché agli uomini,infatti

    Pace ai santi !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.