Il missionario mondano Terry G. Peretti offende quelli che non celebrano la festa di Natale

Terry G. Peretti, missionario delle Assemblee di Dio degli Stati Uniti, insegna ai membri delle ADI a festeggiare il Natale, e offende coloro che rifiutano di festeggiare il Natale dicendo che «non capiscono niente, niente di niente di Christmas»

A proposito del termine inglese Christmas – che il Peretti usa per indicare il Natale – sappiate, fratelli, che è una forma abbreviata di «Christ’s mass» che significa «la Messa di Cristo», per cui è una parola che indica la tradizione papista di celebrare la messa di Natale il 25 Dicembre (https://www.newadvent.org/cathen/03724b.htm), per cui quegli Evangelici che dicono «Merry Christ’s Mass» non stanno facendo altro che dire «Buona Messa di Cristo»!!! E che cosa è la Messa secondo il catechismo cattolico romano? «La santa Messa è il sacrificio del Corpo e del Sangue di Gesù Cristo che, sotto le specie del pane e del vino, si offre dal sacerdote a Dio sull’altare, in memoria e rinnovazione del sacrificio della Croce» (Giuseppe Perardi, Nuovo Manuale del Catechista per l’insegnamento del catechismo della dottrina cristiana, pag. 509)!!!

Se dunque qua c’è qualcuno che non capisce niente di niente di Christmas è il signor Peretti! Mentre coloro che non festeggiano il Natale hanno capito, eccome se hanno capito, che si tratta di una festa di origini pagane, e quindi giustamente si astengono dal festeggiarla. Ah quanta mondanità hanno portato in Italia i missionari italo-americani delle Assemblee di Dio! Uscite e separatevi dalle ADI.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Il missionario mondano Terry G. Peretti offende quelli che non celebrano la festa di Natale

  1. Nunzio scrive:

    La cosa paradossale è che ci sono tanti satanisti, neo pagani, massoni, stregoni, occultisti, atei, anticlericali e peccatori che sanno benissimo che il “natale come lo festeggiano i cattolici” è idolatria pagana del Sol Invictus, una ricorrenza che la chiesa cattolica, secoli fa, rubò alle feste dei pagani.

    Basti ricordare che i simboli che i cattolici si mettono in casa a dicembre e sul “presepe” come il vischio, l’albero addobbato, stelle, sono tutti simboli pagani (dei norreni che adoravano Odino\Thor, dei celti\druidi che raccoglievano il vischio e adoravano le querce, degli egizi, dei greci e romani che adoravano gli alberi, come l’olivo, secondo loro pianta di Atena), le stelle a cinque punte sono simboli esoterici amati da massoni, satanisti, streghe…

    E dobbiamo anche vedere che ci sono cristiani o sarebbe meglio dire sedicenti tali, che credono davvero che Dio approvi tutta questa idolatria pagana dedicata a Iside, a Horus, a Odino, a Zeus!
    Come a dire che nella Bibbia si parli di addobbare alberi per celebrare Gesù o si parli di mettersi stelle lampeggianti in casa e sui balconi!
    Costoro non conoscono minimamente la Bibbia!
    La cosa veramente paradossale è che i satanisti, esoteristi ecc. sanno benissimo che il Natale come lo festeggiano i cattolici è una pratica pagana, e affermando questo affermano il giusto, mentre invece certuni che si professano cristiani vanno dietro alle insensatezze!
    A questo aggiungiamo che ormai il Natale è stata pure trasformato in festa del consumismo (festeggiata anche dagli atei) dove la gente si diverte ad andare a spendere e spandere ai centri commerciali per acquistare cibo e vivande oltre che regali in grande quantità per organizzare banchetti pantagruelici per “Capodanno” (pure questi, di origine pagana, visto che erano i romani ad organizzare banchetti dove si davano alla dissolutezza più sfrenata, vedi anche i baccanali in onore degli dei del vino e dell’ebbrezza, Bacco\Dioniso)
    Quanta insensatezza, tra menzogne e consumismo! e rattrista che tanti che si dicono cristiani cadano in questi inganni!

  2. Umberto Zavanese scrive:

    Pace a te Giacinto. Ricordo che quando ero ragazzo non vedevo l’ora che arrivasse natale, ma quando il Signore mi salvò mi tolse subito anche ogni attrazione per questa festa. Si è così tanto dibattuto che ormai è chiaro il perché si festeggi proprio il 25 dicembre, così come è risaputo che questa festa non ha niente a che vedere con la nascita del nostro Signore e Salvatore Gesù Cristo! Non riesco quindi a capire l’attenzione che gran parte del mondo evangelico dà a questo miscuglio di credenze e tradizioni. Le parole dette dal missionario Terry G. Peretti sono tipiche di chi, ipocritamente, vuole dimostrare quanto sia bello e giusto festeggiare il natale. Ma come si può ridurre un evento così straordinario e meraviglioso, come lo è la nascita di Gesù per opera dello Spirito Santo, ad una occasione per gozzovigliare incorporando inoltre una serie di usanze blasfeme e pagane? Aggiungo anche il totale coinvolgimento dei bambini in tutto questo! Abbraccio tutti i fratelli e sorelle, il Signore doni pace ai nostri cuori!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.