La differenza è ABISSALE!

A sinistra battesimi ministrati negli anni ‘20 in seno a Pentecostali nello stato dell’Oregon, nel fiume Columbia; a destra battesimi tra i Pentecostali di Napoli appartenenti alle Assemblee di Dio in Italia (Chiesa che si raduna in via Carafa di cui è pastore Davide Di Iorio, ex segretario delle ADI). La differenza è ABISSALE! I primi battesimi infatti sono biblici perché vengono ministrati per immersione in ubbidienza alla Parola di Dio, i secondi non sono biblici, perché non c’è l’immersione del battezzando. Queste foto hanno lo scopo di mostrarvi che il battesimo deve essere ministrato dove c’è tanta acqua (infatti è scritto: “Giovanni stava battezzando a Enon, presso Salim, perché c’era là molt’acqua” Giovanni 3:23) e che deve essere ministrato con l’immersione (singola e totale) del battezzando. Quindi il battezzatore e il battezzando scendano ambedue nell’acqua, e il battezzatore immerga totalmente nell’acqua il battezzando, secondo che è scritto: “E discesero ambedue nell’acqua, Filippo e l’eunuco; e Filippo lo battezzò” (Atti 8:38). Sono costretto a spiegarvi in questa maniera la maniera in cui bisogna battezzare, perché alle ADI (e ad altre Chiese Pentecostali non ADI) quello che è scritto pare risulti incomprensibile o impraticabile. Siamo veramente stanchi di vedere «battesimi» che vengono fatti, per modo di dire, in poca acqua, con tutte le nefaste conseguenze che ne conseguono, come quella che rimangono fuori parti del corpo del battezzando per cui alla fine non c’è stata l’immersione del battezzando.

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Assemblee di Dio in Italia, Battesimo in acqua, Pentecostali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

1 risposta a La differenza è ABISSALE!

  1. Enzo scrive:

    “Con tutte le nefaste conseguenze che ne conseguono, come quella che rimangono fuori parti del corpo del battezzando per cui alla fine non c’è stata l’immersione del battezzando”, un po’ come la storia di Achille che fu tenuto per il tallone e tale punto divenne vulnerabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.