Sul cacciare i demoni – Predicazione del 21 Febbraio 2024

Per scaricarla vai qua

Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

1 risposta a Sul cacciare i demoni – Predicazione del 21 Febbraio 2024

  1. Massimo Samadello scrive:

    Giacinto, spero di non stancare nessuno in questi miei commenti, ma ho ascoltato ben volentieri quanto hai esposto doverosamente su questo argomento tanto delicato quanto attualissimo. Ma come ben sappiamo gli uomini, noi uomini, abbiamo il difetto di complicarci la vita, e lo facciamo chi volontariamente chi magari meno coscientemente anche nel campo di Dio! Pertanto vorrei soffermarmi a considerare poche cose solo nel Vangelo che hai citato tu, in Marco 5:1-13 e Marco 16:15-18. Qui credo sia scritto quanto basta per aiutare tanta povera gente che effettivamente è disturbata da fenomeni di possessione.
    In Marco 5:7 il demone che possedeva l’uomo che dimorava nei sepolcri, vede Gesù, si prostra ai suoi piedi. Riconosce quindi la sua autorità di Figlio di Dio, e lo scongiura in nome di Dio di non tormentarlo! Qui si parla di un diavolo che si rivolge a Gesù e che Lo implora appellandosi a Dio, pronunciando il nome di Dio, sostanzialmente chiamando in causa Dio! Ma è Gesù che ha ricevuto ogni potere dal Padre suo. Se noi crediamo in Gesù, quale Cristo di Dio, automaticamente siamo anche noi figli di Dio e come ha detto Gesù anche noi possiamo fare le cose ha fatto e fa Lui. Ed infatti nel mandato che ha dato agli apostoli in Marco 16:17 Gesù assicura che la Fede in Lui si manifesterà in coloro che avranno creduto anche attraverso questo segno : “cacciare i demoni”. Non tutti però ricevono questo dono da Dio, e ne elenca anche altri di doni. Quello che è necessario è che chi crede, riceva lo Spirito Santo di Dio! in Atti 19:5-6 da te citato Giacinto, ne abbiamo la conferma! E qui casca l’asino! Che sorta di spirito avranno mai certuni, che si dicono credenti? Il demone poi manifestatosi come “Legione” e che possedeva quell’uomo che dimorava nei sepolcri, chiese/ero con insistenza di non essere mandati via dal paese e di essere mandati nel branco di porci che pascolava sul monte. E quegli spiriti immondi usciti dall’uomo entrarono in quei 2000 porci che subito si precipitarono giù dal precipizio, annegando in mare. Ecco che cosa fanno gli spiriti immondi, i diavoli che entrano in un corpo! Causano dolore, disperazione, tormento e a volte, come in questo caso, anche la morte!
    E una volta morti annegati tutti quei porci, quegli spiriti dove saranno mai andati? Sono andati a girovagare per il paese in cerca di altri da possedere! Questa è la realtà! Il Diavolo sa fare solo quello, ovvero il male e cerca possibilmente la rovina e la morte! Come riconoscere allora lo spirito che anima una persona? Dal suo dire e dal suo agire! Ma anche se sta in silenzio, come hai detto tu Giacinto, potrebbe essere seduto comodamente anche tra i banchi di una chiesa, in mezzo alla fratellanza. Questo è sicuro! Ed infatti dove c’è disobbedienza alla Parola di Dio, dove regna il disordine, lì non c’è lo Spirito di Dio bensì quello dell’Anticristo, e lì dentro ( sia in un singolo corpo come in una chiesa, un’assemblea) possono avvenire le cose peggiori. Ecco che urge il discernimento degli spiriti, quale dono dello S.S. In una chiesa dove c’è disobbedienza alla Parola di Dio, non c’è Dio lì presente, nè tanto meno Gesù e quindi nemmeno lo S.S. bensì lo spirito settario! E qui mi fermo!
    Pace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.