Cattolici Romani, convertitevi dagli idoli muti a Dio

Cattolici Romani, sappiate che quello che vedete fare in queste foto a Giovanni Paolo II e a Benedetto XVI si chiama idolatria, perchè trattasi di culto o servizio reso a degli idoli, in questo caso a delle statue raffiguranti Maria, la madre di Gesù.

La Sacra Scrittura condanna l’idolatria in questi termini: “Non ti fare scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù ne’ cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra; non ti prostrare dinanzi a tali cose e non servir loro, perché io, l’Eterno, l’Iddio tuo, sono un Dio geloso che punisco l’iniquità dei padri sui figliuoli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano, e uso benignità, fino alla millesima generazione, verso quelli che m’amano e osservano i miei comandamenti” (Esodo 20:4-6), e mette severamente in guardia da essa con queste parole: “Perciò, cari miei, fuggite l’idolatria” (1 Corinzi 10:14), in quanto gli idolatri non erediteranno il Regno di Dio (1 Corinzi 6:9), ma se ne andranno in perdizione in quanto “la loro parte sarà nello stagno ardente di fuoco e di zolfo, che è la morte seconda” (Apocalisse 21:8).
Quello dunque che anche voi fate seguendo l’esempio delle vostre guide, è in abominio a Dio e se non vi ravvedete e convertite dai vostri idoli muti all’Iddio vivente e vero, quello che vi aspetta è il tormento eterno prodotto dal fuoco eterno in cui sarete gettati.
Ecco perchè torno ad avvertirvi e a scongiurarvi di abbandonare l’idolatria a cui siete dati perchè se morite nel vostro peccato, perchè l’idolatria è peccato, prima ve ne andrete con la vostra anima nel fuoco del soggiorno dei morti, e poi nel giorno del giudizio quando risorgerete in resurrezione di giudizio sarete gettati con il vostro corpo nel fuoco eterno per esservi tormentati per l’eternità.
Abbandonate l’idolatria, distruggendo i vostri idoli, e convertitevi a Dio, credendo nel Suo Figliuolo Gesù Cristo, cioè credendo che Egli è morto per i nostri peccati e risorto a cagione della nostra giustificazione: così facendo otterrete la remissione dei vostri peccati e la vita eterna, e quando morirete andrete così in paradiso ad abitare con il Signore.
E una volta ottenuta sia la remissione dei peccati che la vita eterna, uscite e separatevi dalla Chiesa Cattolica Romana, e cercate una Chiesa Evangelica Pentecostale nella vostra zona ed unitevi ad essa chiedendo ai conduttori di battezzarvi in acqua nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, in quanto il battesimo da voi ricevuto da bambini non vale nulla.

Chi ha orecchi da udire oda

Giacinto Butindaro

Questa voce è stata pubblicata in Benedetto XVI, Chiesa cattolica romana, Confutazioni, Giovanni Paolo II, idolatria, Messaggi per i peccatori e contrassegnata con , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.